>>>Bazar n.1 del 8 gennaio

MESSAGGI DI RISPOSTA

Meglio non farselo venire il nervoso

In bassa Valsugana, al momento del conferimento in Crm, viene richiesto dagli operatori, molto scrupolosi, il codice fiscale, nonostante si vada settimanalmente a portare merce in disuso (ma qualche cosa viene venduta?) Un vero e proprio controsenso dato che nei Centri ci va gente del posto e soprattutto quando è la stessa persona a dover esibire il documento. Capitano poi extracomunitari e zingari e a questi non chiedono nulla, allora i veri extracomunitari siamo noi, gente nata e cresciuta e sempre ligia a pagare le tasse? Forse si sta sbagliando eccessivamente... La prossima volta, non mi rivolgerò più al centro raccolta, ma spargerò le immondizie nei campi o nei boschi, tanto di solito fanno la giornata ecologica una volta anno, che almeno trovino qualcosa da raccogliere...
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Meglio non farselo venire il nervoso

Delle volte viene proprio il nervoso, e si vorrebbe fare come tanti incivili... Ma pensandoci bene, ci rendiamo conto che comportandoci così rovineremmo solo il mondo ai nostri figli, al nostro futuro. Rif. 5836.
Rispondi a questo messaggio

Sono gentile con chi è gentile con me

Se vai a fare acquisti in un negozio gestito da giovani generazioni, ti liquidano con le solite frasi. «Come funziona?» «Legga bene le istruzioni...» «Modello in promozione terminato, prenda quello superiore che è migliore...» Oppure «se è esaurito, glielo ordino e fra qualche giorno arriva...» «E se poi non dovessi esser soddisfatto?» «Lo restituisca e avrà un buono...» A differenza che su Internet, non danno istruzioni, però sul web puoi valutare chi lo ha già scelto, modelli disponibili sempre, o cambiando sito, prezzi e rapidità nelle consegne, e se non sei soddisfatto, sarai rimborsato... Quasi quasi, vien da dire, che acquistare in Rete, è facile e comodo, o sbaglio?! Rif. 5796.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Tanto sono maleducati

Certo che hai ragione! Sono anni che non acquisto piu nemmeno un bullone in certi negozi di Trento. Incompetenti e scortesi. Se sai dove e come acquistare, internet non è mai una sola, anzi un servizio sicuro, rapido e conveniente...in cui personalmente mi servo da anni per tutto. Rif. 5837.
Rispondi a questo messaggio

Non è che comprare sul web sia comunque super sicuro. Scegli meglio il punto vendita... Certo che se tagliamo fuori i nostri commercianti con cosa pagheremo gli stipendi ai dipendenti pubblici? E i servizi? Ce li pagherà Amazon? Che paga il 7 % di tassazione in Lussemburgo e in Italia ha solo 400 dipendenti? Ma i soldi per i vostri stipendi da dove arrivano, secondo voi? Dalle Caiman? Ci stiamo dando la zappa sui piedi e fra non molto non compreremo né in negozio né su Internet, perché il nostro sistema così implode! Rif. 5801.
Rispondi a questo messaggio

Avresti pure ragione, però al giorno d’oggi vai in un negozio, dato che vedi tanta pubblicità, vuoi una cosa e ti dicono che è esaurita. Allora cambi negozio e se è esaurita pure lì, il sistema Internet ti assicura di accontentarti sempre, anche se acquisti alle tre di notte. Qualcosa si sta muovendo in tal senso anche in Trentino, altrimenti con i negozi chiusi la domenica e anche il lunedì, vien voglia di prendere altrove la merce. Al termine della vita terrena, il Creatore non ti lascerà certo vivere per i giorni di riposo che nell’arco della vita hai effettuato... Rif. 5821.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Sono gentile con chi è gentile con me

Beh! Non è che vada molto meglio con le vecchie generazioni! Personalmente se entro in un negozio tratto con educazione chi all’interno ci lavora, ma se non ricevo lo stesso «trattamento» esco e addio. A Trento non ci sono negozi e prodotti così esclusivi che non si possano trovare altrove! Rif. 5838.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
L’orario continuato era una gran cosa

Ricordo che i negozi erano già aperti con orario continuato dal lunedì al sabato e se uno non trovava il tempo per i suoi acquisti era solo per mancanza di volontà. Negli uffici di mamma Provincia e associati lavorano dal lunedì al venerdì alle 13 e durante la ore di lavoro pare che alcuni vanno a fare la spesa o al bar... Fatevi un giro al Top Center o al Bren Center e capirete... Di questo fenomeno non si indigna nessuno. Tuttavia l’unico problema è: i negozi chiusi alla Domenica. Ma fatemi il piacere...tutti bravi con il lavoro degli altri. Rif. 5839.
Rispondi a questo messaggio

Associazioni «magna magna» in Trentino

Ai signori (ma non troppo) extracomunitari, zingari, nomadi, finti e falsi rifugiati, di colore e non: dico, cosa pretendete da uno Stato a cui voi non avete dato niente nei secoli? Almeno foste umili e non arroganti, in alcuni casi violenti. Sappiate che noi italiani e i nostri antenati, per secoli abbiamo costruito e mantenuto questa nazione, qualcuno lasciandoci anche la vita. Perciò noi possiamo pretendere, e tanto, prima di tutti voi. Se noi vi accogliano, credeteci, è già molto. Perciò basta con tutta questa criminalità. Se non vi va di usare rispetto e umiltà, tornate nelle vostre terre che sono senz’altro più ricche, basta piegare la schiena. La guerra tra poveri fatevela tra voi e non contro di noi. E basta con il rubare nelle case degli italiani. Non avete ancora capito che la nostra tolleranza è a termine, ormai? Potrebbe saltare tutto per aria da un momento all’altro. In questi continui sbarchi ci vogliono far credere che ci siano solo brave persone. In realtà sono combattenti pronti a svelarsi. Un grande uomo diceva: «Sveliantibus non dormienti», cioè svegliatevi non dormite»... Rif. 5781.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Associazioni «magna magna» in Trentino

Basta con queste associazioni magna magna, aiuta stranieri ecc. Associazioni parassite che non producono niente e stanno sulle spalle della Provincia, dei Comuni e dei cittadini che le devono mantenere con le tasse. Ai signori rifugiati, dico: se siete uomini, la guerra la si combatte a casa propria e a 20 anni o 30 anni non si aspetta la pappa dal cielo come gli uccellini nel nido. A quell’età si dovrebbe sbarcare il lunario, darsi da fare per il lavoro e non fare un bel niente tutto il giorno e magari ricevere anche la casa gratis. Quanto alle associazioni, non occorre andare in bei posti in «villeggiatura», Africa, ecc. Di opere buone da fare ce ne sono anche in Italia, di povertà e anziani abbandonati. Ma forse questo non vi paga del ritorno di immagine, vero?! Rif. 5840.
Rispondi a questo messaggio