>>>Bazar n.40 del 16 ottobre

MESSAGGI DI RISPOSTA

Ma lo sai che cosa vendono là dentro? Risposta al Rif. 5408

Qualcuno dice che Ikea non porta turismo, ma se non è presente in provincia, chi ne abbisogna la va a cercare comunque altrove. Oramai Ikea ha conquistato il mondo, e verrebbe a Trento senza contributi, dato che sanno che il Trentino è una grossa fonte di clientela. I soldi trentini resterebbero in Trentino, altrimenti vanno altrove, trovo che sarebbe una ottima opportunità per tutto l’indotto e molti posti di lavoro. Quando c’è lavoro si costruiscono e vendono case, macchine ecc... Se tutto ciò accade altrove, rimaniamo con un pugno di mosche e basta. Leggo che gli artigiani locali paventano di perdere lavoro e soldi, ma se l’artigiano si impegna a lavorare bene e a prezzo, il lavoro lo trova sempre... Da Ikea e in molte altre aziende europee se acquisti e non sei soddisfatto, ti rimborsano. Il negozio o artigiano trentino se ordini e vuoi restituire, ti fa capire con gentilezza che è pressocché impossibile... Una casa nuova da 100 mq con 10mila euro la arredi e bene con i prodotti Ikea; con gli artigiani e mobilieri locali ce ne vogliono il doppio, e prendere materiali economici. Dico che per il nostro territorio è ora di voltare pagina... E poi Ikea in tutto il mondo è aperta 365 gg anno... Rif. 5408.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Ma lo sai che cosa vendono là dentro?
Ma hai mai visto la «battarìa» che vendono all’Ikea? Ci sei mai stato? Lasciamola pure dov’è! E con diecimila euro, puoi arredarti tranquillamente la casa anche al Mercatone Uno o da Martinelli Arredamenti o da Tramontin! Con mobili decisamente migliori dell’Ikea! Tutto dipende sempre da cosa ci vuoi mettere dentro! Rif. 5617.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Non porta turismo
Che l’Ikea porti turismo la trovo una cosa assurda! L’Ikea porterebbe solo automobili di passaggio; chi va all’Ikea non si ferma a guardare il panorama, al massimo prende un caffè all’autogrill. Entri in negozio al mattino e quando esci (dopo aver mangiato dentro Ikea) vai al primo casello autostradale e torni a casa a montare i tuoi nuovi acquisti. Rif. 5618.
Rispondi a questo messaggio

Aspettiamo solo che arrivi la tragedia. Risposta al Rif. 5379.

Lunedi 15 agosto viene ritrovato un boscaiolo morto tragicamente, dopo un’uscita di strada del giorno prima (zona di Pergine), all’avvistamento avviene il riconoscimento e si scopre che era padre di due bimbe in tenera età, che lo aspettavano a casa domenica ed erano incapaci di dare allarme del mancato rientro. La gente del paese e della valle non si è manco adoperata ad aiutare le bambine... Invece altrove, per difendere i piccoli dell’orsa, c’è stato un gran clamore, e all’orsa viene effettuata l’autopsia, mentre al povero boscaiolo niente. Meditate gente che i prossimi sarete voi e li animali non verranno di certo ad aiutarvi... Rif. 5379.
Rispondi a questo messaggio

Se l’uomo viene dopo l’animale non c’è umanità nei cuori di questa gente. Se l’uomo è a disposizione la Natura deve difenderla, ma se ci sono piccoli animali che dice di dover proteggere allora vuol dire che la Natura è diventata più importante di se stesso e questo vuol dire non avere più un’identità. Rif. 5389.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Aspettiamo solo che arrivi la tragedia
Se l’uomo finisce in bocca all’animale, no problem; se invece fa la stessa fine l’orso allora entra in azione il partito degli animali. Non conosco l’Assessore o il Presidente, ma neanche li voglio conoscere. Oramai la cosa è nota: si aspetta la tragedia poi si sporgerà denuncia contro ignoti... Rif. 5628.
Rispondi a questo messaggio

Quel tizio che gioca alle slot invece che ramazzare. Risposta al Rif. 5383

Ringraziamo il Comune di Trento che nei pomeriggi feriali ha dato sede, ad un operatore ecologico presente tutto il pomeriggio sulla via Milano, operatore e motocarro a disposizione di chiunque ne abbia bisogno. Rif. 5382.
Rispondi a questo messaggio

Grazie Comune di Trento, grazie! E adesso, Comune di Trento, ci spieghi come mai in Via Milano hai messo l’operatore ecologico a disposizione tutti i pomeriggi feriali e da altre parti no?! E come mai hai messo anche il motocarro a disposizione di tutti? Non è che in Via Milano abita il solito «cagnone»? Dai Comune di Trento, spiegacelo un po’! Rif. 5387.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Quel tizio che gioca alle slot invece che ramazzare
No, stavolta, l’ho scoperto per puro caso, dovendo entrare a bere un bicchier d’acqua per prendere un farmaco, al bar delle slot machine di via Milano... All’esterno c’era un motocarro che assomigliava molto a quello comunale. E lì ci sono macchinette che di tanto in tanto fanno uscire una cascata di monetine. ’Sto tizio, ignaro dell’occhio dei contribuenti, vi passa ore a giocare, mentre la via Milano rimane da ramazzare e con i cestini rigonfianti.Forse manca proprio l’importanza della persona che conta o che ha titolo in Comune, capace di punire eterne pause a carico del contribuente, o pomeriggi interi, più volte la settimana. Il Comune aveva fatto una regola per gli esercenti che scherzano con il gioco d’azzardo, ma non lo ha fatto intuire ai suoi dipendenti. Rif. 5626.
Rispondi a questo messaggio