>>>Bazar n. 40 del 20 ottobre 2016

MESSAGGI DI RISPOSTA

Insomma, chi non la pensa come lei sarebbe un «verme viscido e orribile?!»

Volevo scrivere due parole contro quei «troll» figli di «troll» che avvelenano le pagine o quei luoghi in cui si cerca di discutere pacatamente sul marcio che c’è nella società; ma poi m’è nato dentro un senso di pietà: poveracci! Anche loro hanno il diritto di esistere, di parlare, di far conoscere il lato oscuro della razza umana. Lasciamoli dire dunque,senza lasciarci prendere dalla rabbia e senza arrivare a perdere la testa e tentare il suicidio, come purtroppo accade talvolta. Guardiamoli con pietà e con la curiosità con cui a volte osserviamo dei vermi viscidi e orribili: veri scherzi della natura. Rif. 7726.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Insomma, chi non la pensa come lei sarebbe un «verme viscido e orribile?!»

Ma mi faccia capire un po’: la sua idea di dialettica e di libertà è a senso unico? Della serie: io so’ io e voi non siete un c...?! Per fortuna – e grazie all’opera di personaggi che certamente non la pensavano come lei – siamo un Paese democratico (checché vada blaterando qualcuno dell’opposizione, che non ha ancora capito cosa significa la parola «dittatura» o forse non ha studiato abbastanza la storia). Insomma, chi non la pensa come lei sarebbe un «verme viscido e orribile?!» Cosa sono le basi ideologiche di un nuovo totalitarismo mascherato da democrazia? Si ficchi bene in testa che se lei ha delle idee e qualcuno non le condivide deve subire il «fastidio» di difenderle e discuterle queste sua idee perverse. Rif. 7731.
Rispondi a questo messaggio

Saremo vittime di questi sciocchi arroganti avvoltoi...

Leggendo i fatti di cronaca, mi sono imbattuto nell’ultimo reato di Fabrizio Corona. Evasione fiscale con un sequestro di proventi illeciti per 1.700.000 euro. Grazie a Dio, è stato nuovamente arrestato assieme alla sua compagna – segretaria ed è finito nuovamente dietro alle sbarre. Ora mi domando: il curriculum criminale di Corona è fitto di reati multipli, dall’estorsione al riciclaggio di denaro falso e chi più ne ha più ne metta. È stato condannato a 14 anni di carcere. Non ne ha fatto nemmeno tre completi… È stato affidato per “motivi di salute” ai servizi sociali, in una comunità di recupero famosa. Appena fuori dalla galera (vedi servizio de «Le Iene»), ha continuato a fare la vita da “avventuriero criminale”, facendo “presenze” pubblicitarie in vari locali in tutta Italia, dove sfacciatamente la sua “segretaria” chiedeva durante i contatti telefonici, per organizzare “delle presenze” di Fabrizio Corona nei vari piano bar-discoteche ecc. denaro in nero (quello trovato poi nascosto in una soffitta). Dava informazioni assurde per telefono, capite? Come fosse la cosa più normale del mondo, senza nemmeno chiedersi chi ci fosse dall’altra parte! Per una presenza in un locale di un paio di ore chiedeva 7.000 euro (settemila!!!) di cui 3.500 in nero e 3.500 con bonifico. Ma se poi si pagava tutto in nero erano “solo” 5.000 euro. Intercettato per strada da «Le Iene», Lui non proferiva parola e con la sua solita aria strafottente: alle regole e al buon vivere sociale, manteneva uno sguardo ironico. Appena fuori dalla galera ha iniziato a rifare la vita mondana di sempre (questo anche grazie ai motivi di salute adottati per scarcerarlo undici anni prima del previsto). Quando era in carcere sembrava che dovesse subire le pene da Santa Inquisizione, al punto che “personaggi” come Adriano Celentano ed altri hanno fatto delle petizioni a Suo favore per motivi umanitari! Lui che di umano – quando rovinava la vita e la reputazione degli altri con i suoi ricatti – non aveva assolutamente nulla! Appena fuori eccolo a delinquere nuovamente. Ora mi faccio una domanda: da che pianeta proviene quella potenza aliena che lo sta proteggendo? È una cosa che va oltre lo scandalo! È pura indecenza sociale. Il “povero cristo” che ruba una confezione di carne, perché ha fame, lo sbattono in galera e ci rimane per decenni, (vedi servizi su internet riguardo agli Opg di Aversa e di Reggio Emilia). Fabrizio Corona ha un nome con una correlazione: è il Re degli intoccabili! Ma la cosa più demenziale e scandalosa, riguarda i locali che si fanno pubblicità con un criminale incallito ed irrecuperabile! Siamo arrivati a questo oggi in questo Stato alla deriva totale. I giudici dovrebbero tenere conto che la sua immagine, oltre ai reati commessi ed alle trasgressioni continue in ogni ambito, è un immagine profondamente negativa e pericolosa a livello sociale.
È un esempio estremamente deleterio e profondamente destabilizzante a livello psicologico per i nostri giovani, che vedono in lui Rambo in carne ed ossa! Invincibile contro la Legge, invincibile contro il vivere sociale in un ambiente civile, invincibile contro l’ottusità di chi lo ha rimesso in libertà, permettendogli di fare i suoi porci comodi a dispregio di ogni regola e di ogni legge… Un mito da emulare, una piaga sociale da arginare drasticamente penso io e come me mi auguro qualsiasi persona di buon senso. Ma qualcuno ha mai pensato a questo punto che forse non stia mirando a farsi dare la totale infermità di mente, per avere poi la possibilità di avere un trattamento di maggior favore? Mi auguro che la chiave del carcere ora la facciano di cioccolato e che qualche secondino se la mangi! Rif. 7726.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Saremo vittime di questi sciocchi arroganti avvoltoi...

Ci sono gestori di locali che piangono e si lamentano che non riescono magari a «star» dentro le spese, ma poi pagano 7mila euro per una serata con un vip, ma è evidente che funziona. Chi è che va in quel locale a farsi una fotografia con Corona? Chi è disposto anche a pagare qualcosa di più per esserci? Corona sarà un personaggio condannato e discutibile moralmente, ma lo ammirano in tanti giovani... Questi ragazzi votano e sono i nostri figli. Qualcuno direbbe «il nostro futuro...» Io sono atterrito e spaventato. Quale futuro ci aspetta? Saremo vittime di questi sciocchi arroganti avvoltoi... ma due schiaffoni al momento giusto non glieli ha dati nessuno! Rif. 7733.
Rispondi a questo messaggio

Partecipa al dibattito politico del Paese: non far parte del gregge!

Ma qualcuno dei propugnatori del «no» l’ha letto il testo completo della riforma costituzionale? Io sì e – potrei sbagliarmi per carità – ma mi pare molto ragionevole votare si. Per il resto ognuno può seguire il pifferaio che più gli aggrada. Se taluno, prima di esprimere un’opinione in maniera qualunquista e puerile, facendo il verso a qualche capopopolo, volesse farsi un’idea precisa e, quindi, decidere a ragion veduta cosa votare, ecco qua le modifiche previste alla Costituzione. C’è da perderci qualche oretta, ma secondo me ne val la pena. http://www.bastaunsi.it/cambia-la-costituzione. Rif. 7699.
Rispondi a questo messaggio

Gli articoli della Costituzione che si vorrebbero modificare sono quasi 50, ma puoi rispondere solo una volta: o tutto o niente. Io solitamente, quando non mi danno la possibilità di scegliere, veramente preferisco dire NO! Poi vorrei sapere una cosa, che nessuno spiega, forse lei saprà illuminarmi: tutti gli attuali senatori che fine farebbero? Li mandiamo in super pensione? Col vitalizio? Magari con una lauta buona uscita per risarcirli del termine forzato del loro mandato? Oppure gli troveranno un posticino al sole, sempre a nostre spese? ...che risparmio! Rif. 7718.
Rispondi a questo messaggio

Solo dal nome del sito si capisce perché si dovrebbe votare sì. Un pochino di parte mi sembra... Comunque io voterò NO! Non cambierò ciò che i nostri Costituenti hanno scritto con vera e sincera passione politica. E soprattutto vera passione per il nostro Paese! Rif. 7703.
Rispondi a questo messaggio

Probabilmente nessuno ti aveva informato e parli tanto per fare il verso agli esagitati del «no»: ma devi sapere – se ti prendessi la briga di informarti prima di sparare certe stupidaggini... – dal 1962 la Carta Costituzionale ha già subito trentasei (leggasi 36) modifiche (Cfr. http://piattaformacostituzione.camera.it). E nessuno si è messo a cavalcare il «no» per motivazioni ideologiche per il semplice fatto che sono state fatte e basta. Secondo me Renzi si sta mangiando le mani. Avrebbe dovuto prevederlo che gli italiani sono un branco di pecoroni a cui piace dire «no» a prescindere, tanto per andare contro il Governo di turno. Una massa di eterni adolescenti siamo, altro che popolo moderno. Tutti a correre dietro al teatrante di turno, da Mussolini a Grillo, passando per Berlusconi. Rif. 7719.
Rispondi a questo messaggio

Guarda che bastano poche informazioni per capire che è necessario votare NO, a meno che tu non voglia essere governato in futuro da un solo partito cui bastano il 20% dei votanti (non degli elettori), che poi avrà il controllo su tutto. Con le firme per poter indire un referendum aumentate del 60% (da 500.000 a 800.000) e con oltre la metà dei parlamentari scelti non dai cittadini ma dai partiti. I nostri avi hanno dato il sangue e anni di vita per arrivare alla democrazia e noi potremmo distruggerla in una domenica di dicembre, per le mire di potere del paffutello Renzi. Usa il cervello per favore... Rif. 7704.
Rispondi a questo messaggio

Ti confesso non ho letto tutte le modifiche che si vogliono fare alla Costituzione, mi basta sapere che sono ben 47 gli articoli che verrebbero manomessi, ma che da elettore io non posso decidere articolo per articolo, ma sono costretto ad accettarli in blocco, rispondendo ad un quesito (questo sì l’ho letto) a dir poco ridicolo. Mi ricorda la domanda che ti fanno i venditori per telefono per appiopparti i più disparati servizi «vuol risparmiare sulla bolletta elettrica?»: tu rispondi di sì e ti ritrovi ad aver accettato un contratto che neanche è stato menzionato... Solo per questo vale la pena votare NO! Rif. 7705.
Rispondi a questo messaggio

È proprio come dici tu: vedo un sacco di gente che si accoda a Grillo e ai suoi accoliti senza nemmeno sapere di che cosa si sta parlando. Un popolo bue che non vuole nemmeno sforzarsi di capire a che cosa sta dicendo no... Rif. 7706.
Rispondi a questo messaggio

Il popolo non è bue di sua natura; lo vogliono e lo costringono a diventare spesso bue. Siamo nei giorni del «voto sì, voto no», tutti, grandi illustri politicanti, maestri di promesse e menzogne, a dispensare i loro consigli su come il popolino si deve comportare alle urne (ora che la firma del popolino stranamente sembra diventata importante...) esclusivamente per i loro interessi. Non altrettanto sembra importante decidere sulla riforma pensionistica della Fornero o sull’eliminazione di privilegi della casta delle pensioni d’oro, uniche in tutto il pianeta Terra. O su quesiti che riguardano ’sta specie di Unione Europea e quant’altro. Il il popolo non conta, non deve contare... non vale niente, anzi zero, se non sotto zero; usato esclusivamente totalmente a loro piacimento. Rif. 7720.
Rispondi a questo messaggio

Spiegamelo tu allora.... Perché non ti sei preso/a la briga di scriverlo? Rif. 7721.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Partecipa al dibattito politico del Paese: non far parte del gregge!

Ma scusa, perché dovrei scrivertelo qui? Vattelo a leggere tu! Informati, prenditi la briga di buttare un po’ di tempo nel leggerti le modifiche previste alla Costituzione (che non sono le prime, ma le 37esime dal 1961, come giustamente scrive qualcun altro). Leggiti qualche commento, partecipa al dibattito politico e culturale del Paese, non fare la pecorella del gregge Grillo & Casaleggio che nulla deve pensare e nulla può dire di diverso da quanto professano i pastori... Rif. 7734.
Rispondi a questo messaggio

Se c’è la bomba c’è la bomba, non ci sono santi: bisogna smammare

Tornano i disagi per gli abitanti di Rovereto e dintorni a causa di una bomba trovata in Vallunga.Domenica 2 ottobre tutti gli abitanti nel raggio di 700 metri sono stati evacuati; nel raggio di 1950 metri si è potuto rimanere in casa, ma dalle 9 c’era l’obbligo di chiudersi in casa. Treni e bus sospesi, statale chiusa: disagi incredibili a decine di migliaia di cittadini per una sola bomba... Ho già suggerito inutilmente il modo per azzerare i disagi e a questo punto vorrei invitare tutti a fare una riflessione: se per una bomba (antica) si prendono tutte queste precauzioni, vi prego, provate a pensare a quei milioni di innocenti sottoposti per mesi e anni a continui bombardamenti con missili e moderne bombe intelligenti senza preavviso... In nome della guerra giusta (operazione di pace) tutto è consentito? L’orrore che provo viene ingigantito davanti alle precauzioni prese per una sola bomba. E voi? Avete mai riflettuto davanti a questo spaventoso contrasto? Questo succede in un periodo storico in cui tutti sono d’accordo nel dire che le guerre (operazioni di pace) degli ultimi 25 anni hanno peggiorato la situazione e rallegrato solo i venditori di armi. Però si va avanti a testa bassa senza ascoltare la voce della ragione o, per esempio, i consigli di un ingegnere che spiega come evitare di rovinare una domenica a centomila persone. Rif. 7714.
Rispondi a questo messaggio

La prossima volta lasciamo che tutti facciano ciò che vogliono e se la bomba esplode tutti a chiedersi come mai non avessero pensato di evacuare! Rif. 7724.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Se c’è la bomba c’è la bomba, non ci sono santi: bisogna smammare

Stanno sempre a lamentarsi. Pure quando le Istituzioni agiscono nel loro interesse e a loro tutela. A volte verrebbe davvero voglia di abbandonarli al loro destino. Se c’è la bomba c’è la bomba, non ci sono santi: bisogna smammare. È solo colpa vostra se siete nati in un posto bucherellato durante la Seconda guerra mondiale. Anzi, non è nemmeno colpa vostra, è pura sfiga. Così come quelli che si ritrovano a vivere nelle zone ad alto rischio sismico. La vita è dura per tutti. Rif. 7736.
Rispondi a questo messaggio

NUOVI MESSAGGI

Quei parcheggi da veri cafoni alla Sagra dei Santi Anzoi

In relazione all’annuale Sagra dei Santi Anzoi che si svolge a Mattarello, si è notata anche quest’anno l’inciviltà di una parte di coloro che vi si recano. Parlo di decine di auto parcheggiate in modo barbaro sui marciapiedi, fregandosene di chi abita in zona. Risultato: il sottoscritto ha avuto difficoltà a parcheggiare a casa propria. Se non trovate parcheggio la prossima volta tornatevene a casa! Rif. 7738.
Rispondi a questo messaggio

Macchine in doppia fila in Corso Tre Novembre: ma la finiamo?!

Volevo sapere come mai in questi ultimi tempi è permesso parcheggiare in seconda fila in corso Tre Novembre!.. Quattro le macchine ieri mattina, per oltre un’ora; e due oggi. Mi piacerebbe sapere come mai visto che la zona è così trafficata... Tutte le sante mattine. E mai che ci sia la presenza costante e assidua di un Poliziotto municipale. Viene spontaneo pensare che anche nella nostra bella Trento, ben frequentata e ben vista, ci venga gettato tanto fumo negli occhi. E l’arroganza di certa gente regna sovrana, senza che chi preposto a farlo lo impedisca. Rif. 7737.
Rispondi a questo messaggio

Demagoghi sono quelli che sono al potere e usano ogni inganno per mantenerlo

Da molti anni gli uomini al potere, quando non sanno cosa rispondere, usano una parola magica: «demagogia», con la quale danno l’impressione agli ingenui di aver risposto per le rime al critico di turno... E continuano a usare questa tattica senza che nessuno sappia opporre un minimo di resistenza! Spero di dare un aiuto agli ignorantoni all’opposizione incapaci di reagire a questa furbizia proponendo la definizione del vocabolario Zingarelli. DEMAGOGIA: degenerazione della democrazia in cui i governanti, anche attraverso concessioni alle esigenze immediate delle masse popolari, tendono in realtà alla conservazione del proprio potere. È chiaro che non c’è scampo: i demagoghi sono quelli che sono al potere e usano ogni inganno per mantenerlo. I nostri politicanti, in un rigurgito di amore per la verità, dovrebbero dire a chi li inchioda al muro con domande stringenti e ben motivate: voi fate dell’antidemagogia, come vi permettete? A proposito: non vi sembra che in questi giorni il demagogo Renzi si stia scatenando? Regala a tutti miliardi con estrema facilità e non dice da dove li prende. Perché per lui è così difficile restituire agli esodati i soldi e i diritti che sono stati loro scippati? Posso dire che è un demagogo senza subire una severa censura? Rif. 7743.
Rispondi a questo messaggio

Lamentazioni su Trip Advisor: vi guardate mai allo specchio prima di commentare?

In merito alle valutazioni su TripAdvisor, quelle che il cliente esprime sui locali che frequenta: ma dico io, cosa volete ancora? Se proprio voi clienti siete quelli che non rispettano il galateo! Ad esempio, nei centri wellness vi lamentate di tutto, e non rispettate il regolamento, dalla richiesta di silenzio e invece sembra di esser al mercato, dal divieto del costume e invece entrate vestitine con le ciabatte nelle saune, nel prenotare lettini ovunque usandone uno solo... Fino poi a leggere i commenti di chi frequenta camere d’albergo e ristoranti, lasciando luci accese, acqua aperta, asportando asciugamani e altro come indebito «souvenir», e al ristorante dopo esser saziati all’impossibile ancora ve ne lagnate... Mi chiedo se vi guardate mai allo specchio prima di commentare... Rif. 7741.
Rispondi a questo messaggio

Avete mai pensato quanto costa l’annuale mantenimento di certi alberi in città?

Il maltempo nel weekend appena trascorso ha fatto molti danni nelle grandi città. Soprattutto son caduti con raffiche di vento diversi alberi di grande fusto, alberi vecchi di molti anni, di quelli le cui radici sollevano l’asfalto, e di cui che i VERDI non permettono la sostituzione o il taglio. Però in barba ai Verdi, Madre Natura ci insegna che l’albero dovrebbe abitare nei boschi; se proprio si vuol imitare il bosco occorre tenerli bassi e non renderli pericolosi. E al massimo ogni dieci anni sostituirli. Ma avete mai pensato quanto costa ai bilanci di Trento e di Bolzano l’annuale mantenimento di enormi chiome e il costo di assurde assicurazioni per i danni che possono provocare. Di recente in via Zanella per una sostituzione di vecchi alberi si è messo in mezzo un comitato contrario all’abbattimento. Ciononostante poi il lavoro è stato fatto lo stesso... Vorrei vedere cosa farebbero certi fanatici se qualche ramo li colpisse e gli facesse male: andrebbero ancora ad accarezzare gli alberi e coccolarli?! Rif. 7740.
Rispondi a questo messaggio

Non c’era lavoro per tutta la famiglia, ma la famiglia era più unita…

Mi sto ponendo alcune domande: perché una volta non c’erano i piercing? Non c’erano i tatuaggi di massa? I femminicidi erano cosa rara e inserita in casistiche sporadiche…Non c’era il Viagra eppure si facevano più figli, anche in età avanzata… Non c’era una grande scelta alimentare eppure non erano così frequenti disturbi di carattere alimentare…Non c’era lavoro per tutta la famiglia e la famiglia era più unita… Non esistevano i cellulari e l’iPhone e la gente comunicava di più e si associava più frequentemente… Non c’era internet e la gente viveva con maggiore consapevolezza i valori umani e la solidarietà… Non c’era la democrazia, ma nemmeno gli scandali e la corruzione che ci sono oggigiorno nel mondo politico ed imprenditoriale… Non c’erano molti psicoterapeuti, ma la gente non era così schizzata… Ora mi chiedo: siamo in fase di progresso o di regresso? Mi rimane questo grosso dilemma interiore da risolvere! Rif. 7742.
Rispondi a questo messaggio

Tagliano sulle guardie mediche e un primario arriva a superare i 200mila Euro l’anno

Cifre da capogiro quelle dichiarate dai nostri amministratori provinciali. Fa un po’ schifo sentire che tagliano sulle guardie mediche e che un primario supera i 200mila Euro l’anno. E che dire poi dei dirigenti PAT, con cifre da vergognarsi, e non contenti i ciapa anche il rimborso spese, oltre a vitalizi vari... C’è da augurarsi che il Movimento 5stelle punzecchi un po’ queste cifre ladresche. Andremo poi a vedere anche le alte cifre delle aziende paraprovinciali e paracomunali, uno scandalo senza fine, che nausea la popolazione autonomista tutta... Rif. 7739.
Rispondi a questo messaggio

Carcere di Trento si trasforma nella più violenta delle Alcatraz

Il Sindacato autonomo di polizia penitenziaria ha annunciato in una nota ufficiale che tre guardie penitenziarie della Casa Circondariale di Trento sono state ferite e aggredite da un detenuto, chiamato dagli operatori per delle contestazioni disciplinari. Anche la tranquilla «casa vacanze» di Spini di Gardolo talvolta si trasforma nella più violenta delle Alcatraz?! Rif. 7744.
Rispondi a questo messaggio

Giorgio Napolitano: «Con il sì il Parlamento tornerà a essere un luogo degno»

Ho cercato inutilmente su molti giornali un commento alla monumentale gaffe di Giorgio Napolitano: «Con il sì il Parlamento tornerà a essere un luogo degno... Se la lingua italiana è ancora valida (ma dopo la trasformazione delle guerre in operazioni di pace ho qualche dubbio) questo vuol dire che per Napolitano l’attuale Parlamento è un luogo indegno... E da un luogo indegno può nascere il porcellum. Questa è una verità che ci viene regalata da chi ha firmato per nove anni le leggi più discutibili! Alla sua età il nostro ex presidente-re ha tutto il diritto di dire sciocchezze, ma è terribile apprendere che 400 giovani che stavano ad ascoltarlo lo hanno applaudito calorosamente. Che ne sarà di questi giovani quando arriveranno ai novant’anni? E anche i giornalisti, quelli veri, dove sono finiti? Sciamano dietro la sindaca di Roma per vedere se si mette le dita nel naso e chiedere per questo le dimissioni immediate per cento giorni di fila? Come sarebbe bello se una risata seppellisse tutti i pigmei che stanno trascinando l’Italia agli ultimi posti nel mondo! Rif. 7745.
Rispondi a questo messaggio

La pericolosità delle stufe a legna

Uno studio condotto dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Isac-Cnr) ha decretato che le emissioni prodotte dalla combustione della legna usata per il riscaldamento domestico partecipano alla formazione delle tanto temute polveri sottili... Che scoperta! Lo sapevamo, lo sapevamo, solo che facciamo finta di niente.
Rispondi a questo messaggio

Trento - Napoli: sola andata...

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, si è scagliato contro il povero Assessor Dallapiccola che gli ha rifiutato l’aumento per il ritiro estivo... Ma siamo sicuri che ne valga così tanto la pena ospitare queste squadre e sorbirsi insulti da un tipo del genere?!
Rispondi a questo messaggio

Di Maio: 98.471 Euro nel 2015

Ma cosa sta succedendo al Movimento 5 Stelle? Al giovane e ruspante Movimento che avrebbe dovuto moralizzare l’Italia e spazzare via vizi e stravizi della classe politica italica? Si stanno mettendo uno contro l’altro? Adesso anche questa storia delle presunte «spese pazze» del napoletano Di Maio che sostiene si tratti di una spesa normale per un parlamentare (Ah, adesso che riguarda lui è normale, e quando riguardava gli altri, no?!). Vabbè, stiamo a vedere come si lacereranno a breve tra correnti e correntine, si autodepotenzieranno e amen. Fine della rivoluzione. PS: DI Maio è vice Presidente della Camera... Lo sapete quanto ha dichiarato il povero Di Maio di reddito? 82379 Euro nel 2014 e 98471 Euro nel 2015 (Fonte: www.uncittadinoqualsiasi.it). A voi ogni commento ulteriore. Rif. 7735.
Rispondi a questo messaggio

Tipi trentini da montagna: il «dodecalogo»

Se te sei trentin te vai per forza en montagna, ma ghè modo e modo de narghe, ecco chi n’elenco en do’.
Ma sicuramente te troverai la to categoria:


1) QUEL DEL «PARTIN BONORA», che sia su el gruppo de whatsapp o fòr dala messa el sabo de sera, quel del «partin bonora» el sbara orari al limite dell’umano, robe da 4 de matina che così arivan su giusti per el
disnar, pò ala fin envezi se ariva en zima ale sei e se fa colazion;

2) LA GUIDA ALPINA, no serve per forza far corsi, la guida alpina te la distingui perché ogni volta che se se ferma el taca a nar en giro col de (stile ET telefono casa per capirne) a spiegarte i senteri, i paesi e le zime che te vedi da lì. El sta sempre davanti perché elo «el sa». El core come en mat zercando de bater chissà che record. Capita che se la sbaia senter e alora el dis che l’è colpa dela SAT che no la mete zo ben i segnali e i scartabèi. El dropa sempre el canocial, anca per dropar el telefono;

3) EL TECNICO, ovvero quel che gà i schèi, el se presenta la matina al parchegio coi so scarponi da mili euro, racchette en fibra de carbonio, giacheton high-tech che el ten fin a men zinquanta gradi, do chili de sali minerali e zento litri de acqua. El dropa el GPS per veder quante calorie che el consuma e che dislivèl che ghè. De solito el se mete tacà drio alla guida alpina, che se l’ha magnà fasòi la sera prima, el tecnico el g’ha da tirar far bombole;

4) OLD SCHOOL, ovvero quel che ghèra en te l’armar, el se mete sempre la solita camisa de flanela de so nòno, i scarponi maroni dela Sportiva dell’an del doi, braghe de veludo, ciaspole fate co la corda, ramponi ruzeni e bareta de lana co le rece de fòra. A disnar el sfodera el so coltelin svizero e el tabiel da do metri per doi. Pan e salam rigorosamente autoprodotto;

5) QUEL DE CORSA, el te pasa via ai zinquanta al’ora coi so bacheti e le so braghete corte che se vede meze culate. Noi g’ha temp per saludarte perchè el deve far altre 49 zime for per la giornada e l’unico modo per farle l’è darghe drio. Che sia acqua o sudor el g’ha sempre la testa che sgoza;
6) EL ZIGOLA, «no te sai mai che temperatura che ghè!», questo l’è el mantra del zigola. Zinque canotiere, mudande longhe, do pari de braghe e 7 «pail» un sora l’altro i ghe garantis na sauna finlandese gratis. El seita a fermar el gruppo perché el ga sempre da cavar o meter qualcòs;

7) EL BOAZA, ovvero quel che ziga quando ghè qualcòs. Auto, bici ma soprattutto merde. Tre quarti dele volte l’è elo che el ghe pesta dentro. L’è el pù fortuna del gruppo;

8) QUEL DALE BUFE, el va en montagna na volta ogni vinti ani, difati noi sa gnanca come enzolarse i scarponi. l scarponi che el dropa l’è quei che el dropava ala «festa dei alberi» de terza elementare, difati i è struchi for de modo e i g’ha anca 7 numeri en men, ma cossa vot, «l ME VA ANCOR BEN». Dopo en minut de caminada el g’ha le bufe e el taca a lamentarse. Quel dale bufe però, noi mòla mai, el voi arivar en zima a tuti i costi.

9) EL ZITADIN, l’ariva al parchegio en ritardo con endòs le scarpe da ginastica, el se le cambia e... el se mete le infradito. Zaino dell’eastpack, senza acqua e nient da magnar. L’ultim dela fila, el sèita a lamentarse. Le possibili soluzioni l’è: mandarlo su co la teleferica o no ciamarlo;

10) QUEL COL CAgN, ogni zento metri bison fermarse perché el cagn el snasa qualcòs o el deve molar le so do goze de pis (pis stop). Se el cagn l’è un de quei giusti ghè el servizio skilift incluso;

11) Quel dEL THERMOS, na thermos per el brulè e el thè caldo no l’è assà, alora el dropa le thermos anca per magnar. Tra le ricette ricordiamo: l’orzet, minestrina, ravioli crui ala partenza e Vinavil en zima. L’ariva zo sempre famà come en luz;

12) QUEL CHE HA TIRA’ BIDON, eh, nol ghè.

Rispondi a questo messaggio