>>>Bazar n. 38 del 6 ottobre 2016

MESSAGGI DI RISPOSTA

Un popolo bue che non vuole sforzarsi di capire a cosa sta dicendo no

Ma qualcuno dei propugnatori del «no» l’ha letto il testo completo della riforma costituzionale? Io sì e – potrei sbagliarmi per carità – ma mi pare molto ragionevole votare si. Per il resto ognuno può seguire il pifferaio che più gli aggrada. Se taluno, prima di esprimere un’opinione in maniera qualunquista e puerile, facendo il verso a qualche capopopolo, volesse farsi un’idea precisa e, quindi, decidere a ragion veduta cosa votare, ecco qua le modifiche previste alla Costituzione. C’è da perderci qualche oretta, ma secondo me ne val la pena. http://www.bastaunsi.it/cambia-la-costituzione. Rif. 7699.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Non cambierò ciò che i nostri Costituenti hanno scritto

Solo dal nome del sito si capisce perché si dovrebbe votare sì. Un pochino di parte mi sembra... Comunque io voterò NO! Non cambierò ciò che i nostri Costituenti hanno scritto con vera e sincera passione politica. E soprattutto vera passione per il nostro Paese! Rif. 7703.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Un solo partito cui bastano il 20% dei votanti

Guarda che bastano poche informazioni per capire che è necessario votare NO, a meno che tu non voglia essere governato in futuro da un solo partito cui bastano il 20% dei votanti (non degli elettori), che poi avrà il controllo su tutto. Con le firme per poter indire un referendum aumentate del 60% (da 500.000 a 800.000) e con oltre la metà dei parlamentari scelti non dai cittadini ma dai partiti. I nostri avi hanno dato il sangue e anni di vita per arrivare alla democrazia e noi potremmo distruggerla in una domenica di dicembre, per le mire di potere del paffutello Renzi. Usa il cervello per favore... Rif. 7704.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Sono ben 47 gli articoli che verrebbero manomessi
Ti confesso non ho letto tutte le modifiche che si vogliono fare alla Costituzione, mi basta sapere che sono ben 47 gli articoli che verrebbero manomessi, ma che da elettore io non posso decidere articolo per articolo, ma sono costretto ad accettarli in blocco, rispondendo ad un quesito (questo sì l’ho letto) a dir poco ridicolo. Mi ricorda la domanda che ti fanno i venditori per telefono per appiopparti i più disparati servizi «vuol risparmiare sulla bolletta elettrica?»: tu rispondi di sì e ti ritrovi ad aver accettato un contratto che neanche è stato menzionato... Solo per questo vale la pena votare NO! Rif. 7705.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Un popolo bue che non vuole sforzarsi di capire a cosa sta dicendo no

È proprio come dici tu: vedo un sacco di gente che si accoda a Grillo e ai suoi accoliti senza nemmeno sapere di che cosa si sta parlando. Un popolo bue che non vuole nemmeno sforzarsi di capire a che cosa sta dicendo no... Rif. 7706.
Rispondi a questo messaggio

Almeno loro credono in uno straccio di idea

Hai capito i cari «signorini» del centro sociale Bruno? Quando gli fa comodo sono anarchici, contro Stato e Provincia; quando vogliono, i politici sono maiali, i poliziotti sono servi da sconfiggere... Però quando si tratta di chiedere fondi provinciali per le, a mio avviso inutili, iniziative, allora va bene. Quando si tratta di scroccare un palazzo di proprietà altrui e avere dei soldi pubblici (elargiti con troppa leggerezza) allora le ideologie anarchiche si fanno da parte e si fa man bassa dei soldi dei «capitalisti». Strano, vero? Rif. 7654.
Rispondi a questo messaggio

Mi sforzo da tempo a capire a cosa servono e a chi fanno comodo ’sti movimenti «di protesta»... A qualcuno sicuramente. Rif. 7667.
Rispondi a questo messaggio

Alla politica certi personaggi servono... Dato che son figli di papà, di quei papà che hanno le chiavi della città, e se fanno casino loro i topi della politica godono l’assenza dei gatti e fanno ciò che vogliono. E noi creduloni seguiamo a bocca aperta che si dice su WhatsApp in questi giorni. Prima di deridere i bambini che credono a Babbo Natale, ricordatevi che ci sono adulti che hanno creduto a Renzi... Rif. 7684.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Almeno loro credono in uno straccio di idea
Se posso spezzare una lancia in favore di quei ragazzi: loro per lo meno si battono per uno straccio di ideale – condivisibile o meno –, si fanno carico di uno straccio di idea. Al contrario di noi adulti che stiamo ore a battibeccarci su Facebook come adolescenti, a lanciare strali qualunquistici a destra e a manca. Riflettiamoci un po’ va là. Rif. 7710.
Rispondi a questo messaggio

La salute e il benessere di ogni singola persona dovrebbero essere il primo obbiettivo di tutti

A proposito della ricerca scientifica, non capisco perché già da anni l’uomo è riuscito ad andare sulla Luna però non è stato ancora in grado di trovare una cura efficace e definitiva per il cancro e per altre malattie importanti. Quanti dubbi, perplessità... Quali interessi ci sono sotto? Sarebbe davvero utile avere la risposta di un esperto in materia. La vita umana ha così poca importanza o ci sono altre motivazioni? Ci dovrebbe essere più informazione, seria e non pilotata. Rif. 7675.
Rispondi a questo messaggio

Cercando di non scadere nel puro complottismo, te ne butto lì una. Qualcosa più di cento anni fa, il volo ci pareva un miraggio. Eppure l’uomo oggi varca i cieli milioni di volte al giorno. È dagli anni Cinquanta del Novecento che si studia il cancro e ancora non si è arrivati a nulla. Com’è che l’uomo è incapace solo in questo specifico campo della medicina? Altre malattie sono state debellate alla grande... Non è che il problema sia solo di ordine economico? Sapete quanto viene fatturato per ogni malato di cancro negli Stati Uniti? Cinquantamila dollari... Penso di aver detto tutto. P.S.: E qualcuno sostiene che Israele ha già da molto tempo trovato il modo di curare i tumori... Infatti, se guardiamo la percentuale dei decessi in rapporto alla popolazione, mentre in tutto il mondo è del 2%, in Israele siamo all’1%. Come mai? Rif. 7693.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
La salute e il benessere di ogni singola persona dovrebbero essere il primo obbiettivo di tutti

No, non posso e non voglio credere che ci siano ricercatori e medici che, pur essendo a conoscenza di importantissime informazioni utili a salvare vite umane, stiano in silenzio per agevolare in qualche modo le case farmaceutiche o qualche spregevole «persona» che pensa di trarre profitto dalle malattie e dalle sofferenze altrui. Non posso e non voglio credere che esistano tanta malvagità e stupidità in questo mondo, anche se a vedere ciò che accade in giro a volte verrebbe da cedere a questo pensiero negativo... Siamo davvero tutti nella stessa barca su questo pianeta quando si tratta di vita e di morte e la salute e il benessere di ogni singola persona dovrebbero essere il primo obbiettivo di tutti, sempre e comunque. Forse non si è ancora trovata la soluzione definitiva per debellare il cancro e altre malattie gravi perchè mancano sostegni ed incentivi alla ricerca, forse è molto complicato e c’è bisogno di più persone che lavorino per questo, di più impegno e di più aiuti dallo Stato e dalle associazioni che se ne occupano. Il diritto alla salute è un diritto fondamentale e va davvero tutelato. Rif. 7709.
Rispondi a questo messaggio

Passeranno decenni prima che si utilizzino certe nuove tecnologie

Al giorno d’oggi, le principali scuole son tutte dotate di alta tecnologia nel campo di computer, persino ad uso degli alunni. Eppure, invece che semplificare la vita e mandare a scuola i bambini leggeri con una chiavetta usb in tasca ove mettere i compiti e tutto quello che c’è da imparare, si vuol lasciare che viva la mafia della carta sia di quaderni, penne, astucci, zaini, ecc... Oltre ai pesanti libri. Anche per fare una fotocopia della pagina di un dizionario occorre portarsi dietro tutta ’sta carta pesante e assurda? Con un semplice clic su qualsiasi pc si accede a tutto e di più... Ma diciamo qualcosa anche sulla moda degli zaini? Che devono essere tassativamente di marca? Insomma, un altro business fatto a pennello. Dulcis in fundo, bisogna poi mandare gli alunni dal pediatra a causa degli eccessivi pesi nello zaino... Eppure una semplice chiavetta in tasca risolverebbe il tutto... Rif. 7680.
Rispondi a questo messaggio

Forse il fatto di maneggiare ancora la carta dei libri e una penna per scrivere non è una cosa passata di moda, o da archiviare del tutto. Condivido comunque l’opinione che sia eccessivo il peso da portare per i nostri ragazzi e lo era anche 35 anni fa quando ho frequentato le scuole medie. Ricordo che gli insegnanti esigevano che noi avessimo un quaderno per ciascuna materia, costringendoci a portare 5 o 6 quaderni ad anelli ogni giorno. Sarebbe stato sufficiente un quaderno solo suddiviso per le varie materie ma evidentemente in questa semplice e pragmatica idea vedevano sminuita la loro importanza pedagogica! Rif. 7690.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Passeranno decenni prima che si utilizzino certe nuove tecnologie

Ma vi pare che in un Paese in cui mancano le aule, le scuole crollano al primo sommovimento del terreno possiamo stare a ipotizzare che si faccia scuola con i tablet? Ma dove vivete, sul pianeta Marte o in Italia?! Passeranno ancora decenni prima che si possano utilizzare in maniera continuativa e proficua certe nuove tecnologie, ficcatevelo bene in testa. E non prestate orecchio alle propagande diffuse dalle multinazionali della tecnologia. Rif. 7711.
Rispondi a questo messaggio

Quelle seggiole nella sala d’attesa sono da fotomodelle taglia 42...

Sarebbe bello conoscere chi è quel genio dell’architettura che ha progettato e autorizzato l’installazione dei bidet nei bagni delle stanze dell’ospedale di Arco, dove la mattina se vuoi risciacquarti i piedi li devi mettere nel cesso! Se qualche giornalista volenteroso ne volesse parlare e documentare... Peccato che non c’è la possibilità di pubblicare qualche foto! Rif. 7698.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Quelle seggiole nella sala d’attesa sono da fotomodelle taglia 42...

Se lo stesso giornalista poi avesse tempo, lo inviterei a fotografare oltre che provare le sedie d’attesa del laboratorio di analisi Druso di Bolzano in via Novacella 32! Probabilmente in origine erano sedie destinate ad un centro analisi d’élite per soli fotomodelli e fotomodelle con taglie 42-44. Ma chi ha dato ordine di acquistare quelle sedie, dove la gente con semplice taglia XL deve stare obbligatoriamente in piedi!? Probabilmente, secondo me, era una svendita di occasione... e allora si sa come vanno certe cose! Quanto mi piacerebbe che qualcuno ci desse una spiegazione. Rif. 7707.
Rispondi a questo messaggio

Ma avete pensato all’indotto che l’evento può generare?

Vorrei sapere perché, tra le migliaia di atleti italiani, non ve ne sia neanche uno contrario alle olimpiadi romane. Signori, se non siete morti in piedi, vi rendete conto che non è possibile che gli atleti italiani la pensino tutti allo stesso modo? Sapendo che le Olimpiadi hanno sempre prodotto deficit all’Italia e guadagni spaventosi alle mafie e ai tangentisti, è possibile che non ci siano atleti capaci di valutare gli aspetti negativi che ci sarebbero inevitabilmente con le olimpiadi? Qualche imbroglione parla di posti di lavoro,di investimenti, di aumento del PIL ... Ma le stesse cose non si potrebbero fare in una delle zone più povere della Sardegna? Nei territori demaniali le speculazioni sarebbero tranciate alla base. Creare una città olimpica in Sardegna vorrebbe dire creare dei posti di lavoro stabili per almeno centomila persone. Rif. 7701.
Rispondi a questo messaggio

Rinunciare alle Olimpiadi ci sta esponendo al pubblico ludibrio davanti al mondo intero. Dopo tutto il lavoro fatto dal Coni, la sindaca radiocomandata ha eseguito gli ordini provenienti da Nord e ha detto di no, mostrando anche di non conoscere le più elementari norme della buona educazione, facendo fare anticamera a Malagò, mentre lei desinava... Provi adesso Roma a chiedere un contributo al Coni. La risposta sarà una rumorosa risata, magari seguita da una pernacchia. Rif. 7702.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Sarebbe criminale esporre una nazione malata a un altro clamoroso scandalo

Le sue parole entrano nel fiume di fango riversato sulla sindaca Raggi da un partito pieno di corrotti, pregiudicati e indagati che teme di perdere il potere. Ci tengo a precisare che non faccio parte del M5S e che sono un uomo di sinistra democratico smarrito in una patria priva da anni di un partito di sinistra degno di questo nome. Ci sono dei fatti evidenti che lei non può sottovalutare. Il primo sta nel fatto che la Raggi ha vinto dicendo ai romani che avrebbe detto di no alle Olimpiadi; il secondo sta nel fatti che Giachetti ha subìto una pesante sconfitta dicendo che avrebbe voluto le Olimpiadi; il terzo sta nel fatto che quando Monti si dichiarò contrario alle Olimpiadi ci fu un applauso generale, soprattutto da parte dei maggiori esponenti di quel PD. Adesso tirano fuori l’argomento della sfida che non viene accettata. Due parole per dire quanto sia ridicolo. Una sfida si accetta quando si possiede un corpo ragionevolmente sano. Manderebbe un pugile coraggioso con la febbre a 40 sul ring? Sarebbe insensato, criminale... La Raggi ha detto che sarebbe insensato e ha avuto paura di dire che sarebbe un atto criminale esporre una nazione malata a un altro clamoroso scandalo con spreco di miliardi. Spero di non averla offesa. Le ho scritto perché penso che un uomo equilibrato come Lei è potrebbe anche trovare il coraggio per prendere le distanze dal fiume di fango che sta sommergendo l’Italia. PS La prego vivamente di non cestinare questo mio intervento perché ho l’impressione che troppe persone oneste stiano smarrendo l’equilibrio e questo potrebbe portare l’Italia ad avere una febbre da cavallo. Rif. 7712.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Roma e l’Italia non sono in grado di sostenere un evento del genere

Sono in pieno accordo con lei. Anche a me piacerebbe avere le Olimpiadi vicino a casa, poter magari assistere all’evento, ma non credo che l’Italia, e men che meno Roma, siano in grado di sostenere un evento simile. I soldi, che ci siano o no, vanno spesi per le cose serie indispensabili e durature! Le scuole cadono a pezzi, la povertà si sta allargando, le infrastrutture sono sempre più fatiscenti, le forze dell’Ordine non hanno benzina da mettere nelle volanti. Rimettiamo a posto gli edifici pubblici, ripuliamo i parchi e le strade facciamo la dovuta manutenzione, anche così si otterrebbero moltissimi posti di lavoro e si migliorerebbe la vivibilità delle città, quando tutto questo sarà normalità allora ben vengano anche le Olimpiadi! Rif. 7708.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Ma avete pensato all’indotto che l’evento può generare?

Forse gli oppositori alle Olimpiadi non considerano intanto l’indotto che un evento del genere crea. Tanti disoccupati che potrebbero ricominciare a lavorare, con conseguente aumento dei consumi. E poi ricordiamoci che buona parte dei soldi necessari arrivano dal Comitato Olimpico Intrnazionale. Rif. 7713.
Rispondi a questo messaggio

NUOVI MESSAGGI

Bomba trovata in Vallunga: si potevano evitare i disagi dell’evacuazione

Tornano i disagi per gli abitanti di Rovereto e dintorni a causa di una bomba trovata in Vallunga.Domenica 2 ottobre tutti gli abitanti nel raggio di 700 metri sono stati evacuati; nel raggio di 1950 metri si è potuto rimanere in casa, ma dalle 9 c’era l’obbligo di chiudersi in casa. Treni e bus sospesi, statale chiusa: disagi incredibili a decine di migliaia di cittadini per una sola bomba... Ho già suggerito inutilmente il modo per azzerare i disagi e a questo punto vorrei invitare tutti a fare una riflessione: se per una bomba (antica) si prendono tutte queste precauzioni, vi prego, provate a pensare a quei milioni di innocenti sottoposti per mesi e anni a continui bombardamenti con missili e moderne bombe intelligenti senza preavviso... In nome della guerra giusta (operazione di pace) tutto è consentito? L’orrore che provo viene ingigantito davanti alle precauzioni prese per una sola bomba. E voi? Avete mai riflettuto davanti a questo spaventoso contrasto? Questo succede in un periodo storico in cui tutti sono d’accordo nel dire che le guerre (operazioni di pace) degli ultimi 25 anni hanno peggiorato la situazione e rallegrato solo i venditori di armi. Però si va avanti a testa bassa senza ascoltare la voce della ragione o, per esempio, i consigli di un ingegnere che spiega come evitare di rovinare una domenica a centomila persone. Rif. 7714.
Rispondi a questo messaggio

Immigrati: cosa succederà tra dieci o quindici anni?

A livello anatomico tutti veniamo dotati di un organo che si chiama cervello, ma quanti in effetti riescono ad utilizzarlo pensando oltre ciò che ci permette di pensare la televisione ed i media in generale? Pochissimi. Vogliamo fare un esempio? Quanti sono affogati nel Mediterraneo a causa dei barconi che si sono rovesciati? Diverse migliaia di persone. Questi cadaveri (con tutto il rispetto che come esseri umani meritavano al di là di ogni facile forma razzista) provenivano da paesi africani, paesi martoriati anche dalle malattie, Hiv in prima fila. Pensiamo anche alle migliaia di profughi accampati per le strade delle grandi città, in attesa di chissà quale chimera…dove vanno a fare i loro bisogni corporali? Tranquillamente dove capita! E i più “fortunati” se accampati vicino a fiumi, torrenti e rigagnoli, usano come condotto di scorrimento quei flussi d’acqua che contemporaneamente servono anche per lavarsi… Con quell’acqua si irrigano le campagne e le coltivazioni di verdura e frutta, mais in primis, il quale a sua volta viene servito per foraggiare galline e altri animali. Ma dove andranno tutte queste persone, dove saranno destinate ad alloggiare? Nelle nostre città, accolte con tutti i sacri crismi dell’accoglienza cristiana, dove pochi giorni dopo li vediamo girare con l’iPhone di ultima generazione! Vengono date loro tutte le migliori opportunità d’inserimento con agevolazioni sociali che noi italiani, nemmeno sputando sangue riusciremo mai ad ottenere. Giorno dopo giorno iniziano ad inserirsi nel nostro terreno sociale con prepotenza, con arroganza, cercando di cancellare tutte le nostre tradizioni, quelle cristiane in primis. Si toglie il crocefisso dagli asili e dalle scuole, vengono aboliti i presepi, e ogni cosa che possa offendere la sensibilità di questi poveri bambini profughi, che di fatto vanno a togliere migliori opportunità per i nostri figli i quali ovviamente non usufruiscono delle stesse incentivazioni. Basti pensare che a chi ha più di tre figli, in provincia di Bolzano vengono date sovvenzioni a livello familiare di 2000 euro al mese, e in provincia di Trento usufruiscono di vantaggi sanitari che noi ci possiamo solo sognare e di diritti maggiori nelle graduatorie delle case popolari! Ma cosa succederà tra dieci o quindici anni? Loro saranno nettamente in maggioranza. Basti pensare che su 116mila abitanti che conta la città di Trento, ben 25mila oggi come oggi sono extracomunitari. Iniziano a fare concorsi, occupare posti pubblici, inserirsi nel tessuto sociale anche a livello politico… e noi giorno dopo giorno finiamo in netta minoranza. Tra qualche anno i direttori dei giornali saranno extracomunitari, negli scranni della politica saranno in maggioranza e voteranno leggi inumane, perché vorranno salvaguardare i loro diritti… E allora non si ricorderanno più delle loro peripezie e diventeranno dei veri tiranni verso la loro stessa gente meno fortunata. Occuperanno i centri di potere e la nostra vita diventerà una vera angoscia. Quando saranno in tanti, chi salvaguarderà più la proprietà privata? Andremo in ferie e ci troveremo i nostri appartamenti occupati da loro. Questa non è fantascienza. Nelle grandi città sono fenomeni questi ultimi già presenti in un tessuto urbano martoriato da nefandezze di ogni tipo. Furti, spaccio, violenza sessuale, ubriachezza molesta, incidenti stradali sotto l’effetto della droga o dell’alcol. E chi dobbiamo ringraziare per tutto questo? I signori che hanno sempre difeso gli interessi della mafia. E i signori della mafia da tutta questa schifezza traggono guadagni immensi! Questa è la “nostra patria”, quella dove milioni di giovani vite si sono sacrificate nel secolo scorso per dare una dignità ad un popolo in nome di un’ideale di Patria, che è oggigiorno tutt’altro che dignitoso! È ora veramente di usare il cervello cari italiani. Il colpo di grazia lo assesteranno i programmi idioti proposti dalla televisione, vere baggianate del palinsesto. Salvate i vostri cervelli italiani, mandate un S.o.s ai vostri neuroni se questi sono ancora in grado di rispondervi. Rif. 7715.
Rispondi a questo messaggio

In ricordo di Rina Durante

Sono rimasto colpito da una canzone di protesta della scrittrice-attrice Rina Durante, scomparsa nel 2004, che parla della questione meridionale, con gli stessi toni con cui Sciascia parlava dei professionisti dell’antimafia e con gli stessi toni che vorrei usare io nei confronti di chi sta accumulando milioni soccorrendo i disperati del terzo mondo. Vi ripropongo un pezzo abbastanza significativo.

Mio padre è stato emigrante
non so neppure dove è seppellito
perché non scrisse più dopo partito.
Per lui la questione meridionale
non è stata davvero un buon affare.
Conosco invece un tizio, un professore,
che studiando con cura la questione
del Mezzogiorno in breve è diventato
un grosso personaggio, un deputato
dirige enti, corsi e scuole d’arte
e gli entrano quattrini da ogni parte.
Per lui la questione meridionale
è stata certamente un buon affare.
Rispondi a questo messaggio

Ecco come nasce e si sviluppa nei giovani il germe del bullismo

Il bullismo, certo, lo si vorrebbe sconfiggere, ma la tv continua a mandare in onda film che insegnano proprio il bullismo, specie la odiata e tassatrice RAI... Parlo di film in orari da fascia protetta e in prima serata. Voglio dire: i figli non vanno più a letto dopo il Carosello, ma stanno fino a notte fonda davanti la tv. Poi pure i genitori fanno i bulli e i figli imparano. Fanno di tutto (centinaia di rate) pur di acquistare auto da bulli pur di fargliela vedere a chi non riesce ad arrivare a fine mese. Accompagnare i figli davanti alla scuola con macchinoni improbabili (senza considerare che per il loro benessere fisico i ragazzi a scuola ci dovrebbero andarci a piedi). Vi sono poi genitori separati che ai figli danno poco amore e molti oggetti, magari perché possano pavoneggiarsi di fronte ai meno abbienti e a i più deboli. È così che nasce e quindi si sviluppail germe del bullismo. Rif. 7716.
Rispondi a questo messaggio

Lo Stato Italiano chiede di aumentare l’età delle pensioni perché in EUROPA tutti lo fanno

Lo Stato Italiano chiede di aumentare l’età delle pensioni perché in EUROPA tutti lo fanno.

NOI CHIEDIAMO IN CAMBIO:

1) di arrestare tutti i politici corrotti , di allontanare dai pubblici uffici tutti quelli condannati in via definitiva o che patteggiano perché in EUROPA tutti lo fanno, o si dimettono da soli per evitare imbarazzanti figure.;
2) di dimezzare il numero di parlamentari perché in EUROPA nessun paese ha cosi´tanti politici;
3) di diminuire in modo drastico gli stipendi e i privilegi a parlamentari e senatori, perché in EUROPA nessuno guadagna come loro;
4) di poter esercitare il «mestiere» di politico al massimo per 2 legislature come in EUROPA tutti fanno;
5) di mettere un tetto massimo all’importo delle pensioni erogate dallo stato (anche retroattive), max. 5mila euro al mese di chiunque, politici e non, poiché in EUROPA nessuno percepisce 15/20 oppure 93.256,00 euro al mese di pensione come avviene in ITALIA per gli ex dirigenti di stato. Il 10% del costo delle pensioni italiane appartiene a questi soggetti.
6) di far pagare i medicinali visite specialistiche e cure mediche ai familiari dei politici poiché in EUROPA nessun familiare dei politici ne usufruisce come avviene invece in ITALIA dove con la scusa dell’immagine vengono addirittura messi a carico dello stato anche gli interventi di chirurgia estetica, cure Balneotermali ed elioterapiche dei familiari dei nostri politici.

CARI MINISTRI
1) avete votato unanime l’aumento del 300% dei vs rimborsi spese, portandolo a 150.000,00 euro annui oltre ai 19.600,00 euro di stipendio mensile che vi paghiamo;
2) non ci paragonate alla GERMANIA dove non si pagano le autostrade, i libri di testo per le scuole sono a carico dello stato sino al 18° anno d’età, il 90% degli gli asili e nido sono aziendali e gratuiti e non ti chiedono 400/450 euro come gli asili statali italiani.

IN FRANCIA
1) le donne possono evitare di andare a lavorare part time per racimolare qualche soldo indispensabile in famiglia e percepiscono dallo stato un assegno di 500,00 euro al mese come casalinghe più altri bonus in base al numero di figli;
2) non pagano le accise sui carburanti delle campagne di Napoleone, mentre per noi la pressione fiscale su ogni litro è del 75% e paghiamo ancora per la guerra d’Abissinia.

IN INGHILTERRA
1) il capo della polizia di Scotland Yard guadagna la metà rispetto ad un questore italiano;
2) loro non fanno parte dell’UE e non versano tributi a fondo perso per mantenere i nostri politici.

IN BELGIO
Tutte le visite mediche e le ecografie delle gestanti sono a carico dello stato oltre al sussidio di disoccupazione di 900,00 euro fino a quando troverai o ti daranno lavoro.

IN SVEZIA
Lo Stato regala ad ogni pensionato una bicicletta o l’esenzione del biglietto di trasporto al fine di raggiungere a costo zero i centri commerciali.

NOI CHIEDIAMO A VOI POLITICI

che la smettiate di offendere la nostra intelligenza, il popolo italiano chiude 1 occhio, a volte 2, un orecchio e pure l´altro ma la corda che state tirando da troppo tempo si sta spezzando.
Rispondi a questo messaggio