Sono anch’io un Vigile del Fuoco volontario...

Un paio di settimane fa, di sabato pomeriggio, la città di Trento era piena zeppa di gente. Bellissimo, è sempre piacevole vedere il centro storico così vivo. Se non fosse che, in piazza Fiera, ci fosse la manifestazione delle nostre forze dell’ordine, con vigili del fuoco volontari e affini. Ecco... la piazza, nonostante l’evento interessante, era praticamente vuota. Nessuno che si fermasse a fare i complimenti a gente che lavora per la nostra sicurezza, nessuno che incuriosito passasse a riempire la piazza. Bene, visto che siete tutti cosi impegnati nel nulla (evidentemente vi interessano solo bar e negozi) mi auguro che quando avrete bisogno voi dei vigili del fuoco volontari, siano impegnati in cose più «importanti». Ingrati che non siete altro. Rif. 8551.

Siete pagati anche dai cittadini italiani per fare – spero bene – il vostro lavoro e non per fare passarelle... A quelle ci pensano già i politici a farle bene, oltre a prendere per fondelli la gente. Voglio dire, nessuno vi ha ordinato di fare quel lavoro, nemmeno il medico. Basta ipocrisie, cerimonie e altro: se volete lamentarvi lasciate il posto sicuro, che ce ne sono altri mille o più che ve lo rimpiazzano subito. Rif. 8560.

Non bisogna mai parlare male di chi per lavoro aiuta la gente. Il giorno in cui dovessi aver bisogno di loro apprezzerai il fatto che ti sarà dato dell’aiuto e spero ti pentirai delle fesserie che hai scritto. Rif. 8572.
Forse fai fatica a capire o non vuoi sforzarti troppo. È un lavoro come un altro: medici, operai, impiegati pari sono. Pertanto non ci dovrebbero essere corsie preferenziali, pubblicità e gloria per una professione anziché un’altra. Sono tutti pagati. Se non si ha voglia di farlo, c’è sempre libero un posto da operaio comune. Forse... Rif. 8592.

I vigili del fuoco sono chiamati «volontari»: lo sai almeno cosa vuol dire «volontari»?! Rif. 8593.

È evidente che non hai capito un tubo del post che ho scritto. Premesso che sono un normale cittadino, uno di quelli che (come dici tu) con le sue tasse paga per il loro «posto sicuro». Che poi tanto sicuro non è visto che molti sono volontari. Io ho solo detto che la gente ha reputato molto più importante andare per bar o negozi piuttosto che passare un buon pomeriggio in piazza con le persone che probabilmente hanno appena salvato delle vite. E poi che senso ha il tuo discorso quando dici: «Non ve lo ha ordinato nessuno»?! È come se ogni volta che ti aspetti un «bravo» dal tuo datore di lavoro lui ti rispondesse: «non te lo ha mica ordinato il medico di fare ’sto lavoro».... Spero tu non abbia mai bisogno dei vigili del fuoco, in quel caso non dirai «non ve lo ha mica ordinato nessuno»... Rif. 8574.


Risposta
Non fare complimenti ai cani dei poliziotti!
Non ho visto questa manifestazione, ma ti vorrei ricordare che siamo in democrazia e se la gente non è andata a complimentarsi era nel pieno del proprio diritto. L’ultima volta che ho avuto l’idea di avvicinare un poliziotto della cinofila ho voluto fare una battuta al cane, una cosa tipo: «poverino, sarai anche stufo di star qui al freddo», beh, questo simpatico agente mi ha coperto di improperi e lo faceva tenendo una mano sulla fondina. Ecco io per esempio non mi avvicinerò mai più ad una persona con una pistola al fianco. E te ne racconto un’altra: prima del numero unico mi capitò di chiamare la polizia per chiedere il loro intervento per sedare una rissa... Mi risposero di chiamare i Carabinieri. Rif. 8590.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Sono anch’io un Vigile del Fuoco volontario...

Rispondo alla persona che ha a sua volta risposto a colui che aveva scritto un articolo sulla manifestazione svoltasi in piazza Fiera con tutte le Forze dell’Ordine. Chiedo gentilmente di informarsi sulla realtà trentina dei Vigili del Fuoco Volontari: sono anch’io un Vigile del Fuoco volontario e a fine mese posso assicurare che sia per me, che per i miei colleghi, lo stipendio che riceviamo è pari a zero euro. Nessuno ci chiede di svolgere il mestiere che, ripeto, volontariamente, svolgiamo ogni giorno: la nostra è passione, voglia di fare, collaborazione di squadra e un aiuto per la Comunità. La manifestazione svoltasi in piazza Fiera era chiamata «Io non rischio» ed aveva come scopo sensibilizzare la cittadinanza sul rischio sismico e sul rischio alluvione, quindi non c’era nessuna cerimonia o altro. Grazie. Rif. 8591.
Rispondi a questo messaggio