>>>Bazar n.25 del 25 giugno 2015

MESSAGGI DI RISPOSTA

Per me è stato un bellissimo evento!

Bellissima. La Color Run a Trento è stata un successo. Volevo fare i complimenti alla macchina organizzativa che ha fatto un ottimo lavoro e soprattutto volevo urlare un bel «bravi» a tutti i partecipanti. Peccato che ovviamente (è come un dogma: c’è qualcosa di bello a Trento e puntualmente piove) è venuto il diluvio e si è perso una parte di programma, ma speriamo vivamente che la città replichi l’anno prossimo questa bellissima iniziativa. Ciao a tutti, alla prossima corsa. Rif. 6257.
Rispondi a questo messaggio

Mi ha davvero impressionato il successo di questa manifestazione. Ma in maniera negativa. Nel senso che proprio non sono riuscita a comprenderne il senso ultimo. Tutti a farsi buttare addosso colori in un evento che non ha nulla di sportivo, né di culturale. Solo un’arnome gazzarra in cui poter urlare e sfogare i propri istinti repressi. Uno specchio dei tempi che stiamo vivendo? Rif. 6266.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Imparate a divertirvi e gratificarvi di più, anziché criticare...
Per una volta che a Trento organizzano un bell’evento allegro per giovani sportivi e non, a cui hanno partecipato anche adulti, bambini e genitori, in cui nessuno s’è fatto male, in cui tutti si sono divertiti, in cui pure gli anziani sui balconi sorridevano al passaggio della folla colorata, in cui per un giorno molti ragazzi sono stati uniti da qualcosa in comune, deve comunque esserci qualcuno che spara a zero su una cosa alla quale, probabilmente, non ha nemmeno partecipato. Imparate a divertirvi e gratificarvi di più, anziché criticare ogni cosa per partito preso! Rif. 6278.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Per me è stato un bellissimo evento!
Ma dai che è stato un bellissimo evento!! Possibile che c’è sempre qualcuno con l’animo rognoso? Rif. 6279.
Rispondi a questo messaggio

Con certa gente ci vorrebbero ben altri metodi?

Non illuderti troppo: una volta che si mettono sulla poltrona si dimenticano di noi povera gente che siamo costretti ad adeguarci a convivere con gli zingari perché non c’è altra scelta. Io non posso permettermi di prendere un buco in affitto, sono senza lavoro da due anni, perciò devo vivere in un appartamento Itea dove c’è di tutto, compresi gli zingari. Che Dio vi protegga nell’averli come vicini. Secondo me sono pericolosi; mi sono rivolta qua e là, ma non c’è niente da fare: nessuno mi dà retta, tutti tacciono, vergogna! Tutti danno loro soldi e sostegno, ma a me che non riesco a trovare lavoro e vivo nella fame, nessuno dà niente. Sindaco Valduga, faccia qualche cosa per noi poveri italiani. Rif. 6269.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Con certa gente ci vorrebbero ben altri metodi?

Purtroppo anche qui, nel nostro rinomato Trentino, siamo governati da personaggi che pensano solo alla poltrona. I miei genitori hanno passato dieci anni d’inferno per colpa di quei delinquenti di... guardiamoci bene dal chiamarli «ZINGARI» perché ora è proibito usare questo termine. Tornando alla cronaca, dopo dieci anni di soprusi minacce e furti e inutili e inascoltate richieste di aiuto a tutte le forze dell’ordine e politici vari, un bel giorno è successo il patatrac. I miei genitori all’ospedale (mia madre con piu di trenta punti di sutura in testa!)si son fatti dieci giorni di ospedale e poi con il cellulare e scorta armata, come se avessero ammazzato il Presidente della Repubblica, trasferiti in carcere per altri dieci giorni sono stati poi processati e condannati anche al risarcimento di quei «signori». Mia madre è dovuta poi ricorrere per lunghi anni alle cure dei medici per curare una grave sindrome ansioso depressiva e per completare l’opera e vivere in pace si è dovuta rassegnare e chiudere l’attività! Altro che integrarsi o perdonare... Con certa gente ci vorrebbero ben altri metodi, secondo me! Rif. 6284.
Rispondi a questo messaggio

La massa crede di partecipare all'evento, ma sono solo «usati»

Volevo fare i «complimenti» a quei cosiddetti «vip» che hanno disertato i vari incontri al Festival dell'Economia, lasciando chiaramente la poltrona vuota. Ovviamente alla facciazza della gente «comune» che faceva file per avere la possibilità di vedere una cosa piacevole, e che chiaramente non è potuta entrare anche a causa delle poltrone vuote. Pagliacci. Rif. 6244.
Cosa ci andate a fare? Sperate che cambi qualche cosa, quando tutto è deciso dall'alto, dai grandi poteri che sicuramente sono quelli che contano e decidono non fanno presenza di sicuro al festival. Rif. 6252.
Rispondi a questo messaggio

Impariamo a boicottare certi eventi. Alla facciazza loro! Altro che poveretti che fanno file inutili per eventi inutili! Vedresti come cambierebbero subito le cose! Rif. 6260.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
La massa crede di partecipare all'evento, ma sono solo «usati»

Hai perfettamente ragione! Sono eventi totalmente inutili e dannosi per le casse pubbliche finanziate dalle tasse dei lavoratori (vedi Irpef regionale); purtroppo la gente, la massa crede di partecipare all'evento, ma sono solo «usati» per l'evento. Rif. 6282.
Rispondi a questo messaggio

Se continuano a riprodursi così tra altri dieci anni saranno 500?

Sono sempre stata a favore degli orsi... Specialmente dopo quanto accaduto alla povera Daniza... Ma purtroppo stavolta devo dire che sono veramente preoccupata in quanto ho un compagno cacciatore che gira per i boschi, da settembre a dicembre. Gli ho quindi ricordato che è armato... e go dit anca: «Fame en piazer...All’ocorenza sbareghe senza pensarghe su!» Perché sinceramente adesso credo sia l’unica soluzione, visto che non poden far fora chi che ha voludi i orsi in trentino... Poden pensar seriamente de far fora i orsi. Ricordo a tutti che de orsi n’è nati na strozzega, quindi provà mo a pensar cosa suzederà quando i deventerà grandi e grossi! Rif. 6270.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Se continuano a riprodursi così tra altri dieci anni saranno 500?

Grandi e grossi sarebbe il meno, se in una decina d’anni si sono moltiplicati esponenzialmente fino a superare il centinaio di unità. Cosa pensano di fare gli «illustri laureati in materia?» Se continuano a riprodursi così tra altri dieci anni quando saranno sicuramente piu di 500?! Altra notizia, poi, del TG regionale di questa sera, 23 giugno 2015, nonostante quel che è successo hanno ancora il coraggio di dire che gli orsi non sono pericolosi e che la colpa è dell’uomo che non si comporta come dovrebbe... Ma non hanno un minimo di decenza e di vergogna ’sti politici deficenti a fare certe dichiarazioni? Rif. 6283.
Rispondi a questo messaggio

Nessuno può metterci mano perchè la responsabilità non è di «nessuno»?

La Provincia autonoma di Trento ha fatto mettere nei boschi cartelli che avvertono della possibile presenza dell’orso... E allora? Cosa vuol dire? Che non si può più andare nei boschi? Rif. 6277.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Ricorda un po’ i metodi di certi regimi totalitari del passato
Un modo come un altro per lavarsi le mani e mettere un freno a possibili catene di richieste di risarcimenti a cui non si potrebbe più far fronte nel giro di pochi mesi. Davvero poco corretto, sinistro come metodo. Ricorda un po’ i metodi di certi indimenticati regimi totalitari del passato. Rif. 6286.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Nessuno può metterci mano perchè la responsabilità non è di «nessuno»?
Io vorrei sapere il nome di quell’illustre cima a cui è venuto in mente di reinserire gli orsi in Trentino, logicamente dopo il benestare del Presidente della provincia. Ora ci ritroviamo con un problema che limita la libertà di muoversi liberamente nei boschi. Sopra Civezzano è stato avvistato un orso a poche centinaia di metri dalle abitazioni. Adesso che ci sono i ragazzini che girano con le loro biciclette aspettiamo che succeda una tragedia poi vediamo come la mettiamo. Il signore di Cadine che ha subìto l’aggressione spero che faccia una causa milionaria alla provincia e a chi la rappresentava al momento del reinserimento delle bestie. Rivolgendosi a quelle equipe di avvocati che svolgono il proprio servizio trattenendosi una percentuale del risarcimento in caso di vincita. In Italia prima si creano situazioni critiche poi si scopre che nessuno può metterci mano perchè la responsabilità guarda caso non è di «nessuno». Rif. 6287.
Rispondi a questo messaggio

La vita umana è sacra e predomina su quella degli animali?

Leggo il trafiletto della LAV sull’Adige del 13 giugno, a pag 16. Mi viene da chiedermi se sono deficienti o che altro.. E poi come si permettono di criticare il modo di fare del signor Molinari quando si è trovato l’orso dietro a pochi metri!!! Io vi auguro di tutti cuore... di trovarvi voi, o uno di voi, da solo o magari a spasso con il figlio e di provare la stessa paura. Anzi raddoppiata rispetto a quella provata dal signor Molinari... E voglio vedere se siete capaci di seguire le indicazioni della Provincia o se vi comportate allo stesso modo del povero malcapitato! Per favore, se non siete capaci voi della Lav di dire cose sagge e giuste e di ammettere che quell’orso è pericoloso e va abbattuto subito, almeno statevene zitti e muti. E non vi permettete di criticare chi adesso è in ospedale per colpa di un orso potenziale assassino! Vergognatevi! Rif. 6271.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
La vita umana è sacra e predomina su quella degli animali?

Questo qui si è visto la morte in faccia, si è salvato la pelle a fatica e dobbiamo pure sorbirci i peana degli animalisti? La vita umana è sacra e predomina su quella degli animali. Chiaro?! Rif. 6285.
Rispondi a questo messaggio

Mi sono pure trovato a fare una guida con altri tre ragazzi...

Infatti, tu hai pagato le lezioni mica la promozione all’esame! Rif. 4916.
Rispondi a questo messaggio

Sarà anche come scrivi tu... Ma non è che sei proprio tu ad essere di «coccio»? Rif. 4915.
Rispondi a questo messaggio

Allora... mi dicono che la patente si può fare con Groupon. Ok... mi rivolgo all’autoscuola di Trento che aderisce. Bene, allora, Signora truccata alla Mago Zurlì che mi dice che con 160 euro faccio tutto. Alla faccia... Sono stata bocciata due volte e adesso!? Mi tocca fare una nuova pratica, ecc. Che sola ragazzi! Rif. 4912.
Rispondi a questo messaggio

Anche a me hanno riferito che fare la patente con il coupon di Groupon corrisponde alla certa bocciatura, in modo che tu sia costretto a pagare nuovamente tutto il corso patente... Avevano pubblicato anche tempo fa qualche dubbio sul groupon patente: http://www.direttanews.it/2013/08/03/patenti-la-denuncia-dellunasca-corsi-online-a-prezzi-stracciati/
http://giornalemotori.it/79494/patenti-low-cost-occhio-alla-truffa/
http://www.sicurauto.it/news/patenti-low-cost-occhio-alla-fregatura.html
Qualcuno può confermare? Quanti sono stati promossi al corso patente pagata con Groupon? Rif. 6262.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Mi sono pure trovato a fare una guida con altri tre ragazzi...
Verissimo!!! Anche per me è stata un’esperienza negativa quella con la patente Groupon. Istruttori che durante l’ora di guida ascoltano radio e mandano sms a colleghi, segretarie che ti prenotano guide che puntualmente saltano a causa di mancanza istruttori. Una volta mi sono pure trovato a fare una guida con altri tre ragazzi facendo 15 minuti a testa. Rif. 6281.
Rispondi a questo messaggio

NUOVI MESSAGGI

Loro lo fanno per assistenza, mica per prolungare il weekend....

Complimenti vivissimi a quelle due figlie (tanto brave e sante) che non rinunciano ai fine settimana col camper e alle gite fuori porta in allegria per stare con la madre anziana e malata nemmeno un’ora del loro preziosissimo tempo. E che godono pure della legge 104/92... Naturalmente per prestare assistenza; mica per prolungare i weekend, sia chiaro! Rif. 6289.
Rispondi a questo messaggio

Quei pochi giorni di relax debbono essere di relax vero, non di paura e tormento

Non si vede l’ora di andare di staccare, di abbronzarsi e di sbronzarsi... Ok, domani vado all’agenzia viaggi, ma ho deciso, che in Italia non ci vado in ferie, troppi zingari, troppi extracomunitari, e infine anche in Trentino, troppi orsi... Quei pochi giorni di relax debbono essere di relax vero, non di paura e tormento, dato che il sogno delle ferie cresce tutto l’anno, racimolato dalle briciole di soldi avanzati per pagare il mutuo della casa e delle tasse. Poi torneremo dalle ferie nella nostra Italia ospitale solo per i più ricchi... Rif. 6288.
Rispondi a questo messaggio

Multe sulle strisce blu: occhio che la contravvenzione non vale. Ecco perché...

Una delle multe più fastidiose per gli automobilisti è quella per divieto di sosta su strisce blu, magari per aver 'sforato' solo di qualche minuto il tempo inizialmente 'pagato' per il parcheggio. Tuttavia, troppo spesso i Comuni si dimenticano di un parere ministeriale che ha definitivamente cambiato le carte in tavola. Come ricordato dal Codacons in una recente circolare, il parere ministeriale 25783 del 22 Marzo 2010 ha infatti confermato ciò che dice anche la legge: in questi casi non si può essere multati per divieto di sosta. Stando infatti alla legge ed anche ad un più recente parere del Ministero (3615 del 5 Luglio 2011), nel momento in cui si paga per la sosta sulle strisce blu e si espone regolarmente sul cruscotto il "Gratta e sosta" o il biglietto emesso dal parcometro, non si può essere multati per divieto di sosta ai sensi dell'articolo 7 del Codice della Strada, se il cittadino arriva in ritardo e il tempo indicato è scaduto. Al massimo, il Comune deve chiedere un'integrazione del pagamento, maggiorata eventualmente di eventuali penalità da determinare tramite regolamenti comunali. Lo stesso parere è stato a sua volta confermato e ribadito dall'ex Ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi e, come ricordato, anche il Codacons è nuovamente intervenuto per censurare la prassi dei Comuni che emettono multe per divieto di sosta nei confronti dei cittadini che, dopo aver parcheggiato nelle strisce blu e aver comprato il "Gratta e sosta", lo lasciano scadere. Cosa accade ora? Semplice, le multe comminate dai Comuni devono essere annullate d'ufficio, eventualmente inoltrando le richieste alle prefetture competenti per territorio. Peraltro, non bisogna dimenticare un'altra importante pronuncia della Corte di Cassazione, sempre relativamente alle multe su strisce blu. Nell'ordinanza 18575 della Suprema Corte dello scorso settembre, infatti, si stabilisce che se il Comune non dimostra l'esistenza di aree a sosta gratuita, anche a disco orario, nei pressi di quelle a pagamento, la multa può essere annullata dall'autorità giudiziaria. L'infrazione potrà essere quindi rilevata ma quando si farà ricorso, toccherà all'amministrazione dover dimostrare l'esistenza di parcheggi gratuiti nelle vicinanze: qualora questo tipo di parcheggio non fosse garantito, il verbale verrà annullato. Rif. 6294.
Rispondi a questo messaggio

Altri tre morti sulla Valsugana. Possiamo fare qualcosa, adesso?

Se vuoi puoi rimettere la cassetta vuota arancione, che seppur presente su tante strade, ormai non fa paura a nessuno, e intanto stasera c’è stato un frontale terribile in Valsugana, con tre morti: altro che sicurezza stradale. Gente disperata che corre con la fretta di arrivare al cimitero. Secondo me, quello di stasera, è stato causato dalla negligenza: in zona di divieto di sorpasso, la fretta ti fa oltrepassare dalla vita alla morte... Dovrebbe essere di monito, ma proprio nello stesso punto un mese fa c’è stato un altro defunto, e sempre contro un camion, sempre contro chi camionista, di km ne fa veramente tanti, e con molta prudenza. Le auto invece sono bolidi guidate dalla fretta umana, correre per arrivare... Dove!? Una strada, la Valsugana, teatro di molteplici incidenti anche mortali, in tratti ove non ci sono le quattro corsie, tratti con a lato della boscaglia, che potrebbe essere abbattuta e allargare così la strada. Ma la politica se ne frega dei problemi della valle, tanto non sono loro a rimetterci, e ancora una volta, chi è che corre!? Il servizio dei pompieri volontari a trovarsi davanti gli occhi tragedia assurde e paura anche fra i molteplici pendolari che si trovano a percorrere in scarsa sicurezza tale tratto di strada affollata! Mentre le forze dell’ordine sono presenti su gare sportive invece che a prevenire certe disgrazie. Io mi faccio per lavoro 30.000 km anno, negli ultimi anni, viste pochissime pattuglie e non sono stato mai fermato, e cerco di essere in regola. L’unica volta che vedo un ammasso di forze dell’ordine è quasi sempre nelle parate sportive, e le scatole arancioni sulle strade atte a prevenire la velocità in certe postazioni cominciano a dare segno di ruggine... Rif. 6290.
Rispondi a questo messaggio

Il caso di punire chi si ingrassa coi vitalizi?

Tonca de San. Vigilio...Quest’anno vanno a toncare, il personaggio più umano e pulito della politica, forse sarebbe il caso di punire, chi si ingrassa coi vitalizi, o chi ha fatto business con gli orsi, dato che fanno paura a turisti e ad abitanti. Ma poi se te pensi la Tonca le na paiazada per sconder le cose veritiere che capitano giornalmente... Rif. 6293.
Rispondi a questo messaggio

Sarebbe meglio allargare le strade e metterle in sicurezza

Si registrano continui incidenti sulle strade trentine «autonome» prive di messa in sicurezza...Al posto di fossi, boscaglie e non per ultime le coltivazioni frutta e piccoli frutti a bordo strada, piene di piombo: sarebbe molto meglio allargare la sede stradale e metterla in sicurezza, piuttosto che seminare croci e capitelli ogni chilometro. Pensiamo ad esempio al tratto delle Alte di Campiello di Levico (ultimo incidente) e anche la retta di due km di Ospedaletto. Di croci lì ce ne sono tante, e adesso, avanti tutta di frutta a lato strada, e ostrega che boni i pomi pieni de piombo, nel mentre che il traffico aumenta sempre più, e che quei de Besenell non vogliono la Pi ru bi, almeno ci si potrebbe attivare noi con la nostra autonomia... Rif. 6291.
Rispondi a questo messaggio

Toncano il povero Claudio Cia e nessuno tonca gli «intoncabili»

Vogliono toncare Claudio Cia, un modesto consigliere comunale subentrato in consiglio provinciale, e i vitalizi non li citano, i fa solo quel che i vol, altro che il buon Diego Moltrer... Serve essere duri contro quei quattro furbi di ex consiglieri, come Malossini, Delladio, Andreotti, ecc. Tutti pressocché «intoccabili, anci «intoncabili». E noi paghiamo e li riveriamo... Rif. 6292.
Rispondi a questo messaggio