>>>Bazar n. 11 del 16 marzo 2017

MESSAGGI DI RISPOSTA

La via delle buche

Alle ragazze prossime al progetto «future mamme»», occhio che scendendo dalla via Valsugana (da San Donà) per andare in ospedale, dovrete far fronte alla tortura dei molteplici tombini sporgenti. O avete un partner abile alla guida per evitarli, o partorirete strada facendo... Rif. 8004.
Rispondi a questo messaggio

Se le asperità sopraccitate non bastano venite in Via Chini dove il manto stradale è costellato da un firmamento di tombini più o meno infossati. Per farla completa, ci sono anche i dossi rallentatori... 8013.
Rispondi a questo messaggio

Un paio di anni fa segnalai la cosa sul sito del Comune: mi risposero che a loro non risultava così e che il dislivello stradale era voluto al fine di far defluire le piogge... Il risultato è che se passi per via Chini rischi di distruggere le sospensioni dell’auto o di fare un frontale visto che tutti devono zigzagare tra i tombini. Rif. 8046.
Rispondi a questo messaggio

Scusa, ma non è vai un po’ troppo forte in macchina quando sei in città? L’ostacolo delle buche dipende molto anche da come guidi. Prova a rispettare i limiti previsti per la città che probabilmente non le sentirai nemmeno più quelle simpatiche buche... Rif. 8068.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
La via delle buche

In effetti, io cambio strada... Vado da Valsorda o dalla tangenziale; del resto la via Valsugana è nota come via dei tombini e caditoie... Rif. 8082.
Rispondi a questo messaggio

Secondo te allora è meglio avere 4 genitori e 8 nonni?!

Adesso hanno autorizzato due omosessuali ad adottare due gemelli. E pure da Trento arriva la sentenza. Al peggio non c’è mai limite... Quando i gemelli saranno grandi e gli amici chiederanno: «Sono i tuoi genitori?» Lui risponderà: «Quello con i baffi è mio papà, quello con la barba è la mia mamma!» Rif. 8075.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Il medioevo è passato da un bel po’!

Mi spiace che tu sia omofoba; io penso che siano meglio, molto meglio due mamme o due papà piuttosto di una coppia «normale» non adeguata; sempre meglio di un istituto o di un orfanotrofio! Rassegnati! Siamo nel 2017 e il medioevo è passato da un bel po’! Rif. 8085.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Non condivido

Hai proprio ragione... Da quello che ho sentito, hanno già 8 anni ora... mah. Io non capisco dove siamo arrivati. Non sono né credente, né cattolica. Sono totalmente agnostica e menefreghista, ma questa cosa non riesco proprio a condividerla e a capirla. Rif. 8086.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Secondo te allora è meglio avere 4 genitori e 8 nonni?!

Non son da meno le coppie etero separate e risposate... Situazioni in cui i pargoli arrivano ad avere 4 genitori, 8 nonni, ecc... E spesso tutti li viziano e quando l’acqua toccherà il loro sedere mi sa che ’sti qui non sapranno manco allacciarsi le scarpe... Rif. 8087.
Rispondi a questo messaggio

La Chiesa non si gestisce con le Ave Maria e i Pater noster

Il vescovo di Trento lancia l’appello che le chiese son sempre più fredde, che il riscaldamento costa, che le offerte non sono sufficienti a scaldare, ecc.. Basterebbe eliminare i «falsi» mendicanti esterni e che la gente dia i soldi della questua direttamente alla Chiesa. Poi forse ci sono impianti di vecchia generazione e il caldo purtroppo per legge fisica va in alto e le chiese sono tutte altissime... Dulcis in fundo, c’è una banca della Curia che pare abbia case, capannoni, ecc. a nastro: beh, basterebbe vendere il patrimonio e distribuirlo dove serve... Rif. 8038.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
La Chiesa non si gestisce con le Ave Maria e i Pater noster

La Curia è proprietaria di mezzo Trentino. In centro storico a Trento, un terzo dei palazzi sono suoi. Solo di affitti dai negozi incassa un patrimonio ogni mese. E mamma Provincia e il Comune finanziano biblioteche, scuole cattoliche, ristrutturazioni di chiese e oratori... Sono miliardari, e ogni giorno pensano solo ad accumularne ancora! Per i cattolici Padre Pio e Madre Teresa sono stati mosche bianche. La realtà della Chiesa è il Marcinkus del passato e i Marcinkus del presente. La Chiesa non si gestisce con le Ave Maria e i Pater Noster... Rif. 8091.
Rispondi a questo messaggio

Trovare il contadino disponibile a prestare (gratis) il trattore

Quanto successo sabato scorso sull’Altopiano della Vigolana, in rotatoria, spiace più che altro per gli organizzatori, per chi ci aveva messo l’impegno per far divertire la popolazione. E ancor di più per chi aveva messo a punto il trattore e lo aveva pilotato... perché «dopo» tutti sono capaci di criticare. Di qui si capisce che pian piano il Carnevale sui carri lo si effettuerà sempre meno. E poi cari genitori, istruiteli i vostri figli, fateli andare a piedi che farebbe loro molto bene... Rif. 8058.
Rispondi a questo messaggio

I ragazzi erano sul carro perché chi lo guidava lo ha permesso, in più pare che il carro fosse costruito in maniera sbagliata e certo la velocità con cui il trattore ha percorso la rotatoria non era adeguata! Qui hanno sbagliato tutti, i ragazzi non dovevano salire, l’autista doveva andare piano, chi ha costruito doveva spendere un po’ di più , e chi faceva la sorveglianza? Al termine della sfilata immagino che i vigili sono subito andati via anziché assicurarsi che tutti i dementi sopra descritti facessero le cose per bene! Non si può dar tutta la colpa ai ragazzi che proprio per la giovane età non sono in grado di valutare i rischi. Rif. 8066.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Prevedo che dal 2018 il Carnevale trentino sarà solo «a piedi»

Il Carnevale è fatto in grandissima parte di solo volontariato, e i bimbi che salgono sui carri sono figli della gente di paese che ama svagarsi e far festa. Purtroppo con questo tuo articolo, di sicuro il prossimo anno, sia in Vigolana che altrove, si tornerà al vecchio Carnevale «a piedi». Come ben vedi il volontariato ha fatto sì che ci fossero carri autoprodotti, ma al termine della festa chi ci rimette è chi si è adoperato per la riuscita... La prossima volta sarà meglio andare in ferie e lasciare che si arrangino i genitori per accontentare i rispettivi pargoli...Genitori che amano l’oratorio, dato che i figli lo frequentano, e poi per un banale problema la colpa è sempre dell’oratorio. Insomma, meglio farsi gli affari propri e lasciare che ognuno di arrangi... Rif. 8088.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Trovare il contadino disponibile a prestare (gratis) il trattore

Chi si adopera, per costruire il carro di carnevale, deve trovare il contadino disponibile a prestare trattore e rimorchio, gratis perdippiù. Inoltre deve sborsare di tasca propria per la realizzazione del carro. Lo stesso mezzo viene completato lasciando salire e divertire i mille mocciosi, mai contenti, e quando la serata è finita non vogliono scendere, e i genitori se ne fregano... Rif. 8089.
Rispondi a questo messaggio

Analisi del Dna canino: facciamolo anche in Trentino, dai!

Non so in quale stato Europeo, non ricordo proprio quale, ma si sappia che: I veterinari sono obbligati a trattenere il DNA del cane dei propri clienti e comunicarlo alle strutture sanitarie! Personale preposto è addetto a raccogliere minime parti di feci lasciate per strada! Queste vengono inviate a laboratori incaricati di risalire, grazie proprio al DNA, al nome del proprietario del cane! Sono multe salatissime (e giuste)! La gente è sempre più maleducata e cattiva, bocconi avvelenati anche se si dovesse raccogliere tutto, figuriamoci quant’è incattivita se si continua a lasciare per strada questi ricordini! Se volete bene al vostro cane, raccogliete tutto, così la gente (forse) diventerà più tollerante! Lasciando per strada gli escrementi non fate altro che alimentare l’odio di queste persone che poi agiscono nel modo più terribile, vi rendete conto che poi sono sempre i nostri amici animali a rimetterci? Vorrei tanto che questo procedimento, questa legge del DNA ci fosse anche in Italia! Io ho un cane e non ho niente da temere, l’altra sera ha fatto i suoi bisogni che poi non vedevo, era buio, ma con la luce del cellulare sono riuscito a trovare la «cacca» e naturalmente A raccoglierla! Questo nel rispetto del mio cane e delle altre persone! Rif. 8071.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Analisi del Dna canino: facciamolo anche in Trentino, dai!

Il sistema del riconoscimento del DNA nelle feci canine è già realtà anche in Italia, un esperimento partito da Napoli, oggi anche a Trieste e Livorno. Il costo dell’esame è di circa 25 euro... Facciamolo anche in Trentino! Una bella multazza più il costo dell’operazione! Almeno ci ripagheremmo il costo dei sacchetti sparsi in città che vengono usati solo per segnalare eventualmente la presenza della cacca sul marciapiede e quasi mai per raccoglierla! Rif. 8090.
Rispondi a questo messaggio

I giornalisti spesso mistificano, inventano, aggiungono o tolgono

Ho letto con immenso stupore la tenue condanna inflitta a un pedofilo quarantenne che ha abusato dell’amore ingenuo di una bambina di 12 anni per possederla per oltre un anno approfittando della fiducia che la madre di lei aveva in lui. Solo tre anni! Se la cava pagando poche migliaia di euro di risarcimento che rappresentano un risparmio se fosse andato con delle prostitute... Gli hanno riconosciuto le attenuanti! Dopo sette mesi di carcere è già fuori! E siccome è vicino di casa della bimba è probabile che ci ricaschi... Tanto non si tratta di violenza... Lei, la bimba, era ed è innamorata di lui... Hanno trascurato anche il fatto che l’uomo ha filmato gli incontri e gli hanno creduto quando ha detto che li teneva solo per sé... Ma se un giorno la bimba, diventata donna, rifiutasse di incontrarlo? Cosa ne avrebbe fatto di quelle immagini hard? E poi dico: stai già facendo qualcosa di schifoso e ti prendi il gusto di fare i filmini? Ma da quale dio era difeso quest’uomo in quel tribunale? E pensare che negli USA 60 anni di carcere fino a ieri non glieli avrebbe tolti nessuno! Fino a ieri, ma oggi, con Trump non lo so... La barbarie avanza senza freni e su tutti i giornali che ho letto non ho trovato la parola pedofilo! Quanta tolleranza! Poi ci stupiamo se anche nella chiesa c’è grande tolleranza per i preti pedofili... Rif. 8081.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
I giornalisti spesso mistificano, inventano, aggiungono o tolgono

Attenzione a leggere gli articoli dei giornali. Non entro assolutamente nel merito della vicenda, ma moltissime volte i giornalisti pur di rendere «stuzzichevoli» certi articoli, soprattutto di tal genere, mistificano, inventano, aggiungono o tolgono. Quindi prima di prendere per oro colato tutto quello che si legge è meglio prestare molta attenzione e prendere tutto con le pinze! Rif. 8083.
Rispondi a questo messaggio

È una rivoluzione culturale ciò di cui abbiamo bisogno

Quanti incidenti, anche mortali, sulle strade trentine... Chissà perché nella vicina Austria, e in Germania, non ti permettono di sbagliare. Lì prevengono e «fanno paura»: in questi Paesi sai che quasi sempre c’è la polizia nascosta. Una polizia che peraltro non perdona. A differenza nostra, in Italia, dove se un poliziotto ti fa una multa, ci sono subito mille avvocati che saltano fuori a difendere chi sbaglia... Rif. 8059.
Rispondi a questo messaggio

Il susseguirsi di incidenti stradali anche gravi, sulle strade del nostro Trentino, secondo me è anche sintomo di scarsa sorveglianza da parte delle forze dell’ordine. Convinti che i totem con autovelox e controllo veicoli possano dissuadere chi sgarra? Sbagliatissimo, serve sempre la presenza sia con auto anonime che veri e propri posti di blocco. Molti incidenti vengono causati da quei sorpassi azzardati che certi fanno per arrivare un secondo prima a destinazione! Nel frattempo si mette al pericolo chi spesso si trova sulle nostre strade per lavoro. Purtroppo le nostre strade sono strade strette e la gente sempre carica di fretta e stress, e corre trasgredendo in qualche modo il codice della strada, per poi magari fermarsi in un «frontale», penalizzando tutto il traffico delle vallate... Istituire dunque più controlli e pattuglie farà crescere le entrate nelle casse pubbliche, dato che se si fanno multe, serve pagarle, altrimenti si sequestrerà il veicolo... Rif. 8069.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
È una rivoluzione culturale ciò di cui abbiamo bisogno

Ma se quei totem sono solo scatole vuote, ci stiamo prendendo in giro? Più che sui controlli, bisogna avorare sull’educazione dei giovani guidatori. È una rivoluzione culturale ciò di cui abbiamo bisogno. Non solo sulle strade. Rif. 8092.
Rispondi a questo messaggio

Cinesi e arabi ci stanno comprando tutto e noi... ridiamo

C’è stato il tempo in cui il calcio era la mia più grande passione dopo quella per le donne, poi è stato tutto un susseguirsi di delusioni che mi hanno portato a provare schifo per uno sport che non è più sport. Ciononostante mi stupisco ancora nel vedere i tifosi, quelli che amano ancora il calcio, lasciare che la propria squadra diventi un giocattolo nelle mani di un padrone che usa la bandiera di tanti innamorati come uno straccio da vendere al migliore offerente. E ancora, orrore nell’orrore, c’è chi vende la propria squadra a uno straniero che non può dire neanche per scherzo di essere un tifoso di una squadra italiana. Può accadere, quindi, che un cinese decida di togliere Milan, Inter, Roma, Lazio, Juve dal campionato italiano per iscriverle nel campionato cinese... E i tifosi italiani che farebbero? Non posso dirlo ma vi lascio a voi la facile e truculenta risposta. Io me ne frego, ma voi, innamorati del calcio che fate? Rif. 8080.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Cinesi e arabi ci stanno comprando tutto e noi... ridiamo

Di che ti meravigli? Arabi e cinesi, zitti zitti, si stanno comprando tutto in Europa. Mica solo nel calcio. E noi ci ridiamo su, come se si trattasse di un fatto folkloristico. Vedrete cosa accadrà tra qualche decina di anni, quando ci renderemo conto di non possedere più nemmeno un’azienda (o squadra di calcio) europea... Rif. 8093.
Rispondi a questo messaggio

NUOVI MESSAGGI

Costruiti con la sabbia del mare?!

Dopo il crollo di quattro ponti in tre anni che ha causato vittime e sconcerto in tutti gli italiani, è arrivato il momento di fare un appello ai costruttori di tutti i ponti italiani ancora integri. La giornalista Grazia Longo ha scritto una verità che ignoravo: il ponte di Messina dovrebbe durare secondo i progettisti due secoli... Quelli romani durano millenni... Pare che i crolli siano dovuti all’uso della sabbia di mare molto corrosiva e ai tondini di ferro lisci e sottili... Per risparmiare diecimila euro si fanno morire scientemente degli esseri umani! A questo punto il Governo dovrebbe intervenire facendo un appello ai costruttori: se avete usato materiali non idonei nella costruzione di ponti ditelo subito! Subirete lievi condanne, ma se non lo fate entro un mese sarete condannati per direttissima all’ergastolo in base a un decreto che sarà sottoposto al voto delle due Camere immediatamente. Sono pronto a scommettere che questa mia proposta non sarà ascoltata e ancora una volta dovrò fare i salti mortali per non pensare che in Italia comandano i mafiosi. Rif. 8084.
Rispondi a questo messaggio

Automomia addio?

Un genitore accumula, evita gli sprechi; tutto per i figli. Che non debbano soffrirne. Poi i figli sperperano, perdendo tutto il potere... Questo esempio lo abbino all’amata Autonomia trentina, fortemente voluta da Alcide De Gasperi e in seguito dall’obman Silvius Magnago. Loro hanno combattuto a più non posso per racimolare il più possibile, per un futuro migliore, e ora i partiti attuali sperperano e si mangiano tutto, senza distribuire alla popolazione... Rif. 8094.
Rispondi a questo messaggio

Ma quello dell’Apss di Trento sud è un parcheggio o una specie di labirinto?!

Mi capita spesso di dovermi recare presso gli ambulatori della Apss di viale Verona e di usufruire del garage interrato. E sempre dico sempre nonostante io cerchi di memorizzare il percorso esatto, ho grosse difficoltà a ritrovare la mia auto e non sono la sola a quanto vedo, infatti incontro sempre almeno altre due persone che vagano sperdute alla ricerca dell’auto... «Scusi, ha forse visto una Panda gialla?» «No, e lei una 500 bianca?!» Il parcheggio è un labirinto anonimo dove è tutto grigio e senza riferimenti. Visto che si tratta di un luogo frequentato per visite mediche, fisioterapia, centro Alzheimer, non si potrebbero spendere sti 200 euro per numerare almeno i piloni di cemento? Rif. 8098.
Rispondi a questo messaggio

Chiusura punti nascita: ma alle visite parenti ci avete pensato?!

Per anni ci hanno imbottiti di Heimat, di vita sana e serena nei paesi e nelle valli, differente da quella di chi abita in città, dove abitando magari sullo stesso piano manco ci si dice buongiorno. Nelle valli e nei paesi c’è armonia e la stessa cosa dovrebbe esser orgogliosi di far nascere il proprio bebè nella tua magica vallata. Soprattutto l’ultimo mese di gravidanza, son tutti curiosi di vedere il nascituro/a, la gente del paese o dei sobborghi, vorrebbe venire a vedere ciò che Madre Natura ha dato alla luce... E invece NO, grazie a queste decisioni POLITICHE, i paesani sono così troppo distanti per raggiungere il pargolo. E se anche volessero i parenti debbono prendersi per tempo, per cercare parcheggio al Santa Chiara: un’opera impossibile oltre che costosa (tra i rischi anche quello di lasciare monete in vista e qualche delinquente ti spacca il vetro ecc. ecc.). Insomma, cinquanta chilometri per salutare il bebè e poi tornare sfiniti a casa. A proposito, se poi la partoriente necessita di elisoccorso, come successo recentemente in Bassa Valsugana, teniamo conto che non abbiamo questa grande flotta... Anziché allevare gli orsi, non potremmo investire di più in questo? Rif. 8095.
Rispondi a questo messaggio

Assenteismo: crimine odioso che andrebbe perseguito senza pietà

Premesso che chi percepisce un ottimo stipendio e fa il furbetto giocando a tennis, o facendo canottaggio durante le ore di lavoro, o altre attività è un ladro e come tale andrebbe punito, voglio rivendicare il diritto a informare su un fatto storico, quei pochi italiani che ancora leggono le lettere pubblicate dai giornali. Negli anni Settanta sui muri di Milano e provincia abbondava questa scritta: «A salario di merda lavoro di merda». In un periodo maledetto della storia italiana, in cui vengono calpestati in nome della Legge tutti i diritti dei lavoratori, pretendere di crocifiggere quei poveracci che percepiscono meno di mille euro al mese perché si assentano dal lavoro, (mentre, per esempio, i Presidenti della Camera e del Senato parlano davanti a quattro gatti), mi sembra una forma di crudeltà mentale... Si, è crudele pensare che i poveracci devono obbedire ciecamente alla Legge, mentre gli appartenenti alla casta possono fare ciò che vogliono. E non solo: quei «signori» si prendono anche il lusso di criticare ferocemente i poveracci e di promettere pene severissime contro di loro. E questo accade mentre i politicanti fanno a gara nel promettere chi 400, chi 700, chi 1000 euro a chi non ha un lavoro... Si vuole creare una categoria che può assentarsi al 100% dal lavoro, mentre si condanna chi si assenta per il 20-30%. Questa follia dilagante nasce perché chi ci governa non vuole obbedire alla Costituzione fondata sul lavoro. Nel nostro caso, l’unico modo per applicarla è quello di lavorare di meno per lavorare tutti con uno stipendio dignitoso, cioè capace di garantire la sopravvivenza senza chiedere l’elemosina, come fanno molti lavoratori oggi. Rif. 8100.
Rispondi a questo messaggio

Rivendicazioni di indipendenza da parte di una parte degli abitanti dell’Alto Adige

Cominciano a essere sempre più numerose le persone intelligenti che sono stanche di sentire parlare di rivendicazioni di indipendenza da parte di una parte degli abitanti dell’Alto Adige e che dicono: ma lasciamoli andare! Li riempiamo di privilegi e poi ci sentiamo insultare: ma chi ce lo fa fare? Da tempo io la penso quasi allo stesso modo e dico quasi perché non posso dimenticare le esigenze di quegli italiani che, giustamente, vorrebbero restare con l’Italia. È per questo che in un mio libro ho ipotizzato la creazione di un’enclave di 50 kmq in cui far confluire coloro che odiano l’Italia e il popolo italiano. Sarebbe un atto di generosità che potrebbe portare vantaggi per tutti, perché gli staterelli attirano un numero di turisti inversamente proporzionale alle loro dimensioni(vedere San Marino, Monaco e Andorra) e i benefici effetti ricadono anche nei territori circostanti. Parole al vento lo so: l’intelligenza non abita in Italia dai tempi di Leonardo. Rif. 8096.
Rispondi a questo messaggio

Anni di completo immobilismo e la nostra amata Trento è ridotta così...

Volevamo «ringraziare» le nostre amministrazioni comunali e provinciali per aver permesso, in anni di completo immobilismo, che nella nostra Trento si sia obbligati al coprifuoco. Alle 22 tutti a casa, tutti i bar chiusi, tutto spento per paura di spacciatori, rissaioli, zingari (a proposito, sono arrivate le giostre e casualmente i furti sono aumentati) e compagnia bella. Grazie, veramente. Ma noi ne abbiamo le tasche piene di voi... Rif. 8097.
Rispondi a questo messaggio

L’invasione della lingua inglese: dal Politecnico a Riva del Garda

Ma è così brutta la lingua italiana per certi signori che cercano di seppellirla usando frasi in inglese per niente indispensabili? La mezza maratona del Garda Trentino, per esempio, è stata chiamata Half Marathon, ma non bastava: hanno deciso di cambiarla in Move it Garda 21K Arcese... E qui si esagera due volte perché si indicano i chilometri con K anziché con km. Dicono poi che ci sarà nell’area expo il progetto di solidarietà Don Bosco Children Funds... E poi Arcese dichiara: Move it diventerà un brand... E pensare che gli inglesi che ci schifano hanno appena concluso la brexit... Mi sorprende che sia stato scritto che l’evento muove due milioni di euro: perché non hanno scritto two milion? Pochi giorni fa il Politecnico di Milano è stato condannato per aver introdotto una regola pazzesca e anticostituzionale nell’ateneo: si doveva parlare solo in inglese! Purtroppo hanno chiuso i manicomi e ho paura che i pazzi, prima o poi, rinchiuderanno i sani di mente in manicomi gestiti da personale inglese. PS: perché non facciamo un centinaio di maratone ogni anno? Si incasserebbero two hundred milion e sarebbero very very good for the local economy... Rif. 8099.
Rispondi a questo messaggio