>>>Bazar n. 3 del 19 gennaio 2017

MESSAGGI DI RISPOSTA

In Italia le persone adorano essere prese per i fondelli

Pongo in risalto l’allucinante protesta degli amanti degli oroscopi, cioè degli amanti delle balle intergalattiche, per aver sostituito l’oroscopo dell’eterno Fox con le notizie della strage in Turchia. Ho fatto delle ricerche e ho appreso con grande gioia che siamo in milioni a protestare contro questa invasione di ciarlatani (sedicenti scienziati) nelle reti RAI. Personalmente non ho nulla in contrario se questi ciarlatani vengono pagati dai padroni delle reti private o dei giornali, ma pagarli coi soldi dei contribuenti è troppo! Ma c’è un aspetto ancora più grave: ospitare sulle reti RAI questi simpatici imbroglioni costituisce una specie di avallo alla superstizione che spesso porta molti cittadini a rivolgersi a veri e propri criminali che li riducono in miseria. Rif. 7919.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
In Italia le persone adorano essere prese per i fondelli

Purtroppo l’ignoranza miete vittime ovunque. La superstizione fa parte della storia dell’umanità fin dai suoi albori. Streghe, maghi, santoni, guaritori, ciarlatani e soprattutto delinquenti si avvalgono di tutti gli strumenti che la superstizione popolare mette loro a disposizione...(Ricordate Wanna Marchi?) Adesso dopo avere rovinato l’esistenza ed il conto in banca a migliaia di persone...» ha pagato il debito con la giustizia!» ....ma trova ancora chi le dà credito... Quindi le persone adorano essere prese per i fondelli... ecco perché si crea un sottobosco difficile da estirpare! Rif. 7927.
Rispondi a questo messaggio

I lavoratori tengono ancora in piedi con le tasse il Paese

Dicono che non si può fare niente per arrestare l’invasione dei profughi dilaniati dalle guerre e dalla fame, eppure qualche piccolo rimedio per eliminare gli aspetti più drammatici di questo esodo c’è, ma stranamente si continua a mantenere questa condotta totalmente sbagliata. Faccio un esempio. Spendiamo cifre enormi per cercare di recuperare naufraghi e naufraganti, senza che questo impedisca una strage degli innocenti. Sapendo che ognuno di quei disperati versa circa mille euro per attraversare il mare rischiando la pelle e arricchendo gli scafisti (hanno condannato solo a 18 anni di galera il criminale che causò la morte di 700 persone.... Come siamo buoni!) perché non organizziamo un servizio di trasporto regolare facendo pagare 100 euro a persona? Sarebbe la fine per gli scafisti e per le stragi sul mare... Prima di imbarcarli sarebbe giusto consegnare una lettera in cui si informano gli esuli che in Italia ci sono 17 milioni di poveri e 5 milioni che vivono di elemosina... Diciamo loro che vivranno come gli italiani ridotti in miseria, nelle auto, nelle scatole di cartone e nelle baracche... È giusto e doveroso informare questa gente affinché non si facciano grandi illusioni. E non pretendano condizioni migliori degli italiani poveri. Questo si potrebbe fare, ma ci sono troppi che si oppongono perché per loro finirebbe la pacchia. Rif. 7889.
Rispondi a questo messaggio

la tristezza tutta italiana di questi giovani (e non solo i giovani): vederli costretti ad andare via da questo Paese per le speranze morte, spente con una responsabilità cieca della politica tanto corrotta e incapace, attenta solo ai propri interessi personali, vedi pensioni e privilegi vitalizi e quant’altro; loro che hanno distrutto completamente il paese, raso al suolo le aspirazioni, spento senza quasi più speranze da guardare avanti. E che dire della famosa legge riforma pensioni Fornero? Qualche responsabilità di tutto questo? Se lo devono chiedere e guardarsi bene allo specchio chi l’ha voluta e firmata. Se sono esseri umani e cristiani, se non altro per rispetto della giovane ragazza perita nella strage di Berlino, ritornata in Germania perché il Italia non aveva prospettive. Eppure i soldini per le banche in crisi ci sono sempre e... subito a disposizione. Rif. 7895.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
I lavoratori tengono ancora in piedi con le tasse il Paese

Miseria, sconforto e desolazione avanzano sempre di più giorno dopo giorno; abbiamo gente alla fame, senza lavoro, senza prospettive. E ’sti politici prima una barba con ’sto referendum a non finire poi, per non cambiare niente, ora iniziano tutte le sere discussioni su discussioni sulla ipotetica legge elettorale, quando basterebbero solo due schieramenti: vince chi prende un voto in più e governa, stop; senza partitini e altro che con lo zero-virgola alimentato da parenti e famigliari. Si capisce bene che l’unica fabbrica fiorente qui in Italia è quella della politica spendacciona, parassitaria, superprivilegiata, vero cancro del Sistema, nemica dei lavoratori. I lavoratori, loro sono quelli che veramente tengono ancora in piedi con le tasse (sempre più alte e stipendi da fame) ’sto paese e quelli che possono purtroppo costretti fare le valigie con la benedizione vergognosa di un ministro. Rif. 7931.
Rispondi a questo messaggio

Calatevi nei panni di chi questa situazione la vive sulla pelle

Abbiamo deciso di rivolgerci direttamente al Parroco della Parrocchia di Vigo Meano per chiedere lumi allo scampanio delle ore 6.30, 7.30, 7.45. A quale pro? In città le campane iniziano il loro lavoro alle 7 del mattino... Ovunque, in ogni parrocchia: perché mai quindi noi ci si deve sorbire ogni santo giorno un simile rompimento di timpani?! Ma non si può fare che le campane suonino alle 7 come ovunque e poi alle 7.45 per la Santa Messa delle 8? Speriamo si possa far qualcosa, altrimenti chiederemo aiuto altrove. Perché davvero la cosa sta diventando insopportabile. Rif. 7899.
Rispondi a questo messaggio

Augurati che al posto delle campane non suonino la nenia delle moschee, le potresti rimpiangere amaramente! Rif. 7910.
Rispondi a questo messaggio

Va bene, possiamo spegnere tutte le campane che vuoi. Vedremo poi se in futuro riuscirai a fare spegnere i minareti che sorgeranno al posto dei nostri campanili. Rif. 7911.
Rispondi a questo messaggio

Anche nel mio paese un nuovo arrivato detesta le campane...Forse siete voi che avete qualche problema... La campana suona da quando è stato costruito il campanile e non ha mai turbato la tranquillità di nessuno, sia neonato che anziano. Le campane scandiscono le ore, danno gioia, trasmettono annunci di morte, festa ecc... Siete voi che avete sbagliato posto nel cercare casa e sono certa che non vi basterebbe lo spostamento dell’orario. Troppa gente tenta di togliere tradizioni di ogni tipo. O ti adegui o te ne vai...Magari in cima al Bondone dove non ti turba nessuno. Ale. Rif. 7912.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Calatevi nei panni di chi questa situazione la vive sulla pelle

Facciamo che torni a casa alle sei del mattino, dopo la notte passata magari a far nascere bambini... Ok, con complicazioni più o meno gravi, va bene? Facciamo che non passi manco dalla doccia, ma vai direttamente a letto e crolli... E improvviso arrivo lo scampanio del quale – stanco morto – ti eri dimenticato! In estate, con le finestre aperte, ti assicuro che fai un salto e imprechi! Poi ti rimetti giù e speri di riaddormentarti; alle 7.30 salti di nuovo, nonostante le finestre che hai preferito chiudere! Alle 7.45 di nuovo! Secondo te, poi ti riesce di dormire? Ti assicuro che se dormi, dormi male! Allora prima di dire sciocchezze su cambiare casa o sproloquiare su moschee e minareti...provate a stare solo una settimana qui, a lavorare la notte e poi voglio vedere se amate ancora le splendide e armoniose campane! Prima di giudicare e condannare criticando senza sapere... calatevi nei panni di chi questa situazione la soffre veramente sulla propria pelle. grazie. Rif. 7928.
Rispondi a questo messaggio

Occhio al peso!

Ma alla guardia medica cosa ci stanno a fare? Questa notte alle 4.30 ho telefonato alla guardia medica perché avevo da alcuni giorni 38.5 -39 di febbre con tutti i sintomi influenzali. Ho fatto presente che prendo tachipirina (1000) divisa in due parti ogni 4 ore. Senza tuttavia sortire alcun effetto positivo. Mi viene detto dal medico di turno che essendo adulto devo prendere pastiglie intere da 1000 e non da 500 mg.. Leggendo sia il bugiardino che informandomi su Internet, vengo a scoprire che tachipirina 1000 ha più che altro effetti antidolorifici e non antipiretici. Questa mattina mia moglie è andata in farmacia dove hanno escluso assolutamente l’uso di Tachipirina 1000 per effetti antipiretici. In effetti gli stessi due bugiardini di riferimento ne riportano funzioni diverse! Nella 1000 non viene indicata la funzione antipiretica ma solo antidolorifica. In tale circostanza è stata appunto consigliata la Tachipirina 500 per uso antipiretico! Non faccio ulteriori commenti… Mi chiedo solo se la guardia medica era all’altezza del suo compito professionale… Nulla più! Rif. 7921.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Occhio al peso!

Qual è esattamente il tuo peso corporeo? Se pesi 45/50 kg, allora 500 può essere adeguato; ma se pesi 70/80 kg te ne servono 1000... Rif. 7932.
Rispondi a questo messaggio

Accade anche da noi. Dopo le gare si deve pulire sempre!

Rif. 7913. In tarda estate in bassa Valsugana si organizza una gara per biciclette mountain bike denominata «Lagorai bikers», e come si vede dalla foto il percorso vien delimitato con strisce colorate e sponsorizzate... Peccato che terminata la gara, tutto sia rimasto lì...
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Accade anche da noi. Dopo le gare si deve pulire sempre!

Bene, bravi, bis! È quello che accade anche a Trento sud dopo ogni evento sportivo: i cartelli e gli striscioni restano appesi per mesi... ma devo ammettere che la tua le batte! Ora qualcuno dovrebbe prendere una bella multa (c’è la firma!) e poi andare a ripulire ovviamente. Rif. 7930.
Rispondi a questo messaggio

Quel bonus si può paragonare al gioco delle tre carte

Il nuovo Capo del Governo ha voluto precisare che continuerà l’opera del precedente (non era necessario che lo dicesse...) e questo mi fa pensare che forse non esiste limite al ridicolo. Alla fine cosa si è voluto dimostrare? Che Renzi diceva la verità quando dichiarava di volersi dimettere in caso di sconfitta al referendum? Ma lui aveva detto che usciva dalla vita politica! Non aveva detto che avrebbe continuato a governare inviando pizzini a Gentiloni... È tutto un gioco delle tre carte con l’avallo di Mattarella? Ecco, a Gentiloni vorrei dire che il gioco delle tre carte è espressamente proibito dalla Legge. Vorrei dare dei consigli elementari per uscire dalla crisi, già adottati da altre nazioni con successo, ma visto che Renzi non li ha mai voluti seguire è inutile che li dia a Gentiloni. Con quei dieci miliardi all’anno buttati per regalare 80 euro a chi non moriva di fame, quante cose si potevano fare! E poi, per fronteggiare questo terrorismo occorrerebbero due milioni di poliziotti in più e non F35 e navi da guerra. Parole al vento: parole che forse non si trasformeranno neanche in inchiostro sui giornali perché contengono verità fastidiose per chi ci governa. Rif. 7923.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Quel bonus si può paragonare al gioco delle tre carte

I 10 miliardi utilizzati per il bonus degli 80 Euro fanno parte del gioco delle tre carte, caro amico. Difatti, quelli che con il bonus hanno superato la soglia, nella dichiarazione dei redditi lo restituiscono in un colpo solo. E pure il povero disgraziato che lavora a tempo determinato e a fine anno non supera gli 8.145 €, il bonus viene erogato ma poi, alla dichiarazione dei redditi, oplà, recupero immediato. Grazie genio di Rignano. Rif. 7933.
Rispondi a questo messaggio

Non lo leggerò nemmeno io...

A Natale ho finito di leggere il libro «fai bei sogni» di Massimo Gramellini e il primo commento che m’è venuto in mente è questo: il titolo è sbagliato completamente! La triste e pesante storia di questo ragazzino rimasto orfano a nove anni doveva intitolarsi:» Ho odiato mia madre perché s’è suicidata quando avevo nove anni». Il libro è tutto in questo titolo. La storia, ripeto, molto pesante, si volge tutta attorno a questa tragedia e al risentimento di un bambino che si sente tradito dalla madre che si suicida perché non vuole affrontare le conseguenze di un tumore. Il titolo scelto da Gramellini è chiaramente un invito rivolto a tutti i lettori che hanno avuto la sfortuna di leggere il suo libro e mi fa pensare a una brutta frase che dissi a mio fratello prima che morisse d’infarto: trovati un lavoro Walter! Glielo dissi piangendo perché non sopportavo l’idea che un uomo con la sua intelligenza restasse senza far niente. E lui mi rispose: Angelo, a 48 anni chi me lo dà un lavoro... Così, oggi ho rivissuto con dolore il giorno in cui dissi a mio fratello una frase inutile e irritante come quell’invito a fare bei sogni. A chi lo fai quell’invito: ai ricchi? Ma si! Il ricco Gramellini si rivolge ai ricchi! Un cuor d’oro come lui non direbbe mai a un laureato con 100 e lode disoccupato da tre anni: fai bei sogni. Così mi sono immerso nella tristezza pensando che forse questo era lo scopo di Gramellini: regalare a tutti una vagonata di tristezza dicendo: fai bei sogni. PS: Mi rendo conto che questa mia critica,se pubblicata, farà vendere altre copie a Gramellini, ma io sono buono, come tutti i proletari oppressi dalla globalizzazione «inevitabile». Siamo buoni: siamo troppo buoni, anche se facciamo sempre, non per colpa nostra, bruttissimi sogni. Rif. 7905.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Non lo leggerò nemmeno io...
Ciao Angelo, io non lo leggerò quel libro. Per solidarietà. Con te. Ti abbraccio e spero che un giorno qualche evento, qualcuno ti faccia felice. Francine. Rif. 7935.
Rispondi a questo messaggio

Mercatini: 4 camper che occupavano ben 8 posti auto...

Finalmente questi balordi mercatini balenghi sono finiti. Gli unici che si ingrassano con queste cavolate kitsch sono il Comune (se è vero come ha scritto un lettore il mese scorso che chiedono 150 euro al giorno per ogni baracca), ed i commercianti, che poi – in ogni caso – sono sempre pronti a piangere che gli affari vanno male... Per non parlare del traffico e dell’inquinamento. Se volete i mercatini a Dicembre prossimo fateli in cima al Bondone! Sempre territorio comunale è. Rif. 7925.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Mercatini: 4 camper che occupavano ben 8 posti auto...

Non sono neanche io un fan dei mercatini... Anzi! Ho atteso con ansia la conclusione del mercatino. Quando ho dovuto andare in centro, abitando in periferia ho utilizzato l’auto e speravo di poter trovare un posto per parcheggiarla nel piazzale Sanseverino... il posto ci sarebbe anche stato se non fosse per il fatto che c’erano quattro camper parcheggiati nei posti auto e non in quelli a loro riservati, che erano occupati anch’essi da camper. Quattro camper che occupavano ben otto posti perché posteggiati con molta cura! Rif. 7934.
Rispondi a questo messaggio

Il Trentino è anche questo. Polvere celata sotto al tappeto...

Siamo una famiglia milanese in vacanza in Trentino. Nei nostri giri siamo capitati a Levico Terme e abbiamo deciso di salire sulla montagna che la sovrasta che abbiamo scoperto chiamarsi Vetriolo-Panarotta. Appena giunti al centro abitato ci è parso di essere in... guerra. Contrariamente a quanto decantato dai depliant pubblicitari, ci siamo trovati di fronte un mucchio di case deserte e ruderi pericolanti che manco in Siria... Alcuni ruderi, come quello dell’Albergo Trento sono davvero pericolanti e pericolosi per chi ci passa nelle vicinanze: vetri e calcinacci potrebbero cadere e ferire qualche escursionista, ma non vi è traccia di recinzioni o protezioni. Come è possibile tutto ciò? In Trentino, poi?!?! Rif. 7896.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Il Trentino è anche questo. Polvere celata sotto al tappeto...

Semplice cari turisti, visitatori del Trentino: il Trentino è anche questo. Polvere nascosta sotto al tappeto! Ipocrisia. Bell’apparenza... nel vostro caso neppure quella. Tasse a raffica, servizi sempre più scadenti, se non tagliati addirittura (guardia medica ridotta, Pronto Soccorso al tracollo, visite specialistiche e cure a singhiozzo per lo più a pagamento, punti nascita soppressi, ospedali d’eccellenza come il nostro Villa Rosa, ridotti a cattedrali nel deserto. Inquinamento... acciaieria di Borgo, solo per fare un esempio, visto che eravate in zona, veleni nei campi con conseguente inquinamento ambientale, inquinamento atmosferico, poi potremmo parlare della criminalità sempre più evidente e senza controllo. Non abbiamo le paghe più alte delle vostre, perchè anche qui si «alleva» uno stuolo di dipendenti pubblici: circa 40.000!!! Paghiamo i carburanti più che in Veneto, così la spesa, così gli affitti. Non è tutto oro insomma, anche se luccica. La pubblicità che fanno del Trentino in tv, ci fa ridere. Però in compenso cari turisti, abbiamo i politici più pagati e non solo d’Italia ...E difficilmente qui c’è la nebbia. Arrivederci. Rif. 7939.
Rispondi a questo messaggio

NUOVI MESSAGGI

«Tempo, culo e siori i fa sempre quel che i vol lori!»

È arrivata la neve e Meteotrentino, oltre a tutti i Tg, sanno bene (lo sanno pure i sassi) che col freddo pungente non può nevicare... Deve prima cambiare il lunario, poi verrà la tanto agognata neve; nonostante ci siano tanti che preferirebbero non scendesse. Ma suvvia: se viene a nevicare o a piovere ci laveremo con l’acqua, altrimenti ci laveremo col sole. Come recita quell’adagio? «Tempo, culo e siori i fa sempre quel che i vol lori!» Rif. 7943.
Rispondi a questo messaggio

Coccodrilli, ogni volta che ci lascia un gigante della cultura

Adesso ch’è morto il Professor Tullio De Mauro, piangiamo le doverose lacrime per una perdita che riguarda tutta la cultura italiana, ma molte di queste lacrime sono di coccodrillo e vi spiego perché. Questo grande uomo di cultura è stato ministro della Pubblica Istruzione per 410 giorni, dopodiché è stato cancellato per sempre dalla lista dei candidati degni di risollevare le sorti della scuola italiana. Perché? C’erano personaggi migliori di lui? Infatti, Berlusconi lo sostituì con Letizia Moratti! E non voglio fare la lista dei nomi dei personaggi che hanno fatto a gara per far sprofondare la scuola italiana ai più bassi livelli in Europa. Qualcuno m’accuserà d’essere un ingenuo, qualcuno mi dirà che il proposito dei vari governi della seconda repubblica era proprio quello di sfasciare la scuola, ma allora viene confermato il mio punto di vista: ogni volta che muore un gigante della cultura come Eco, Fo, De Mauro e tanti altri validissimi uomini di cultura tenuti lontani dalla stanza dei bottoni, ci sono molti coccodrilli che piangono e che partecipano ai funerali per far vedere che sanno rendere onore ai caduti. Mio nonno si consolava, davanti allo squallore della classe politica italiana dicendo: addà venì baffone! Io non posso dire neanche quello, ma vi confesso che nei momenti di grande disperazione penso a un intervento degli alieni... Domanda alla Crozza: ma se Razzi governasse l’Italia riuscirebbe a far peggio di questi geni al potere? Suvvia!, non mi censurate! Lasciateci almeno ridere un po’. Rif. 7940.
Rispondi a questo messaggio

Fordismo: ridurre l’orario di lavoro a parità di stipendio

Ho sentito per puro caso parlare in televisione in termini molto lusinghieri del fordismo, la cui filosofia si può riassumere in questo concetto: imprenditori, se volete avere successo trattate bene i dipendenti, pagateli bene e fateli lavorare di meno se occorre... È da trent’anni che dico a tutti i politici che incontro, ai sindacalisti, ai giornalisti, che l’unico modo per uscire da una crisi senza fine (fortemente voluta dalle canaglie al potere) è quella di ridurre l’orario di lavoro a parità di stipendio, ma nessuno mi ascolta. C’è qualche partito, qualche sindacato, qualche grande giornale, qualche grande giornalista che vuole impegnarsi con tutte le sue forze in questa battaglia? A chi ci governa dico: la spaventosa forza massmediatica usata contro la povera Raggi (povera perché ha ereditato una città ridotta in macerie da chi l’ha preceduta e ora l’accusa di non saper compiere miracoli-non vado avanti perché potrei essere scambiato per un grillino e non lo sono) potreste usarla per favorire il ritorno al fordismo? In poche parole, è rimasto ancora uno spiraglio per portare avanti qualche buona idea di sinistra? Oppure dobbiamo rassegnarci al catastrofico renzusconismo di matrice gelliana? Rif. 7941.
Rispondi a questo messaggio

Sempre più facile...

Bene, adesso per essere ammessi alla Maturità basta avere la media del sei (e nel computo della media, si badi, entra anche il voto in condotta!). Insomma, gli esami diventano sempre più simili ad una farsa. Ma perché non la smettiamo con l’ipocrisia e li aboliamo direttamente? Rif. 7928.
Rispondi a questo messaggio

Sempre più femminicidi

Continua la strage di donne ammazzate dai partner, sopratutto per gelosia e altri futili motivi. Ci sono casi conosciuti sia dalle forze dell’Ordine, sia dalle stesse persone coinvolte: mi chiedo, se sai che il cane morde, perchè ci vai vicino? E chi segue e aiuta la coppia che scoppia? Se non può intervenire prima per risolvere, allora è inutile anche piangere dopo. Rif. 7937.
Rispondi a questo messaggio

Duplice Omicidio di ferrara

Quanto successo a Ferrara, durante la scorsa settimana, dove il figlio e compagno hanno ucciso i genitori, fa intuire quanto la eccessiva libertà a casa, senza educazione e con denaro sempre disponibile in tasca, sia l’unica cosa che istruisce, oltre a Internet e Tv. Lasciare ai figli una tale libertà può portare anche a questi risultati... E poi ci si domanda come sia potuto accadere. Rif. 7936.
Rispondi a questo messaggio

Epa, la signorina «antismog»

Vista la forza con cui l’EPA condanna colossi come Volkswagen e Fiat-Chrysler, mi chiedo se in Italia esista un’EPA. Domanda retorica. Visto quello che hanno combinato i Riva a Taranto in piena tranquillità, ho ragione di ritenere che un’EPA così forte, che non fa sconti a nessuno, ce la possiamo solo sognare in Italia? E ho ragione di rimanere basito nel vedere che i responsabili politici di questa tragedia infinita continuano a ricevere il consenso di decine di milioni di italiani? E tra questi ci sono migliaia di sedicenti intellettuali... Un triste saluto. Rif. 7929.
Rispondi a questo messaggio

Pur di viaggiare, migliaia di uomini, donne e bambini muoiono ogni giorno

Prima di andare in pensione, avrei voluto dettare ai miei allievi maturandi, una paginetta che parla del mio stupore di fronte all’istinto irrefrenabile che ci spinge a viaggiare. Ero convinto che quella pagina avrebbe aggiunto un pizzico di maturità in più a quei ragazzi che si accingevano ad affrontare la vita. Spero, con l’aiuto della stampa, di rimediare in extremis. Viaggiare, viaggiare, viaggiare... Non facciamo che viaggiare noi piccoli uomini inconsapevoli d’essere simili a elettroni intorno al nucleo di un atomo. Ogni anno facciamo un viaggio di 942.000 chilometri intorno al Sole sull’astronave Terra per ritrovarci al punto di partenza dopo 8.766 ore. Insieme al sistema solare viaggiamo a 107.460 chilometri all’ora verso la stella Vega Alfa Lirae. Ignoro la velocità con cui la nostra galassia viaggia verso il buco nero che l’attende da miliardi di anni. E in questi viaggi nei viaggi, c’è chi viaggia con la mente e chi, ancora, ha voglia di saltare da un meridiano all’altro della Terra. Alberi giganteschi dicono all’uomo che si può vivere felici (uomo permettendo) per secoli e millenni sotto lo stesso cielo, ma è tutto inutile. Pur di viaggiare, migliaia di uomini, donne e bambini muoiono ogni giorno per le strade, sui mari e nei cieli. Ai loro cari rimasti a pregare sulle loro tombe resta il dolore e una domanda ossessionante: perché?, perché?, perché? ... Spero che ci siano degli scienziati che in questo momento cercano di scoprire un’equazione che leghi in qualche modo l’uomo al fotone. Forse sta lì la spiegazione... E spero che tra i miei mille allievi ce ne sia uno impegnato in questa ricerca. Rif. 7942.
Rispondi a questo messaggio

Ritiro rifiuti a mattarello

Volevo invitare i gentili signori che si occupano di stabilire il calendario per il ritiro dei rifiuti a fare più attenzione a quel che fanno. Come tutti sanno nel periodo tra Natale e il 6 di gennaio c’è un aumento della produzione di rifiuti. Ora nella zona di Mattarello il vetro è stato raccolto il 23 dicembre, il ritiro successivo sarebbe stato previsto per il giorno 13 gennaio ...ma l’ha fiocà e allora non sono passati... prossimo giro previsto il 27 gennaio! quindi un condominio di 12 famiglie vedrà svuotare i bidoni del vetro una volta in un mese!!! State spingendo la gente a consumare plastica invece del più ecologico vetro? È commercialmente per voi più conveniente!? Rif. 7938.
Rispondi a questo messaggio