>>>Bazar n.27 del 10 luglio

MESSAGGI DI RISPOSTA

Diversi? Sono diversi!. Risposta al Rif. 5196

I trentini si sono sempre professati diversi dai “taliani”. Loro, i “taliani”, sono ladri, approfittatori, scansafatiche, corrotti e mantenuti dai lavoratori onesti. Naturalmente trentini. Poi leggiamo quanto ci hanno rubato, sì sottolineo rubato, quei soggetti impresentabili che hanno soggiornato nelle stanze del potere trentino e mi viene da dire che non vedo differenza fra un parassita romano e uno trentino. E poi, 50000, diconsi cinquantamila, sono i dipendenti provinciali in un Trentino che conta, dai neonati ai centenari poco più di 500.000 persone. Forse è per questo che siamo diversi? Rif. 5196.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Diversi? Sono diversi!
Quando si tratta di arricchirsi alle spalle dei cittadini, di fare solo ed esclusivamente i propri interessi, anche i trentini sono come gli altri italiani. Pochissimi, forse nessuno, scende in politica per un ideale, per portare aventi un progetto utile alla comunità. In particolare, spesso i falliti della società civile trovano nella politica la rivalsa e la salvezza, perché possono infilarsi nei posti che le persone valide stentano ad occupare. Detto questo, dobbiamo anche dire che il Trentino si distingue dal resto d’Italia. Infatti, a livello nazionale abbiamo visto finire in galera, purtroppo per poco, ex ministri, governatori, sottosegretari e faccendieri vari. In Trentino direi che sono stati molto più furbi: non hanno rubato (pare), non sono stati corrotti (almeno fino ad oggi) ma hanno provveduto a “rubare” in maniera legale, scusate l’ossimoro, assegnandosi stipendi, bonus e benefit vergognosi e scandalosi con tanto di legge. E tutti zitti, da destra a sinistra. Già, ce l’hanno messo in quel posto, magari con la vasellina, ma sempre lì ce l’hanno messo. E adesso che ce ne siamo finalmente accorti ce lo vogliono comunque rimettere. Che forse ci piaccia? Rif. 5197.
Rispondi a questo messaggio

Indignarsi solo non serve a nulla. Risposta al Rif. 5196

È ora di indignarsi veramente!! Davanti al miserabile e miserando spettacolo offerto dai vari personaggiucoli trentini di piazza Dante, che definirli politici è un insulto a chi alla politica crede, dobbiamo tangibilmente far capire che non possono prenderci per il culo ancora per molto. Persino la Corte dei Conti dichiara che qui non si può parlare di diritti acquisiti, ma di vergognose ed inimmaginabili prebende che loro stessi si sono fatti. Manifestiamo il nostro sdegno, emarginiamo queste persone, togliamoli il saluto, guardiamoli con il disprezzo che meritano. Rif. 5196.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Indignarsi solo non serve a nulla
Hai ragione, ma indignarsi solo non serve a nulla. Perché non si fa una class action? I sindacati potrebbero interessarsi se si può portare avanti nei confronti di questi personaggi un’azione legale. Saremmo in migliaia. Eh già, dovrebbero non solo ritornare il maltolto, ma pagare pure i danni incalcolabili provocati dal loro vergognoso comportamento all’autonomia trentina. Credevamo di essere i meno disonesti, con i soldi dell’autonomia ma investiti bene e con rispetto dei cittadini e delle loro esigenza: ma purtroppo non è così! Con i milioni intascati dai nostri indecenti governanti, sai quanti servizi si potevano offrire ai cittadini? O meglio, quanti NON ne dovevi togliere! Rif. 5198.
Rispondi a questo messaggio

NUOVI MESSAGGI