>>>Bazar n.35 del 11 settembre

MESSAGGI DI RISPOSTA

Porte chiuse all’ospedale «di Valle». Risposta al Rif. 5310

Due sono le cose che più mi hanno indignato in questa vicenda, assieme all’insipienza dei giornali locali. La prima è vedere i quattro dell’Audi ritratti con i collari, specie Olivi che si è fatto portare a Trento con l’elicottero per la botta presa contro il vetro (?!). La seconda è Rossi che parla dell’incidente con distacco, come se la cosa non lo riguardasse... Lei, Presidente, forse non lo sa, ma il fatto che al volante non ci fosse lei ma un suo sottoposto non la esime dalle responsabilità. Anzi, lei ha la responsabilità morale di quello che è successo, perché aveva il dovere di IMPORRE al suo autista una velocità bassa. Nemmeno Schettino guidava la Concordia, eppure è lui il responsabile di quanto accaduto al Giglio. Sono stata chiara? Rif. 5281.
Tieni presente che l’elicottero può trasportare due pazienti (anche barellati)... Quindi con lo stesso viaggio poteva tranquillamente trasportare anche il «codice bianco». Rif. 5310.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Se hanno permesso all’autista di correre...

Io ho dei dipendenti, se uno di loro fa dei danni devo risponderne io. Idem dovrebbe essere per Olivi e Rossi, se hanno permesso all’autista di correre dovrebbero adesso esser loro a risponderne penalmente ed economicamente e non mamma Provincia. Rif. 5334.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Porte chiuse all’ospedale «di Valle»
Sarebbe stato bello farli trovare le porte dell’«ospedale di valle» chiuse, proprio a loro che pensano di tagliare e chiudere. Se gli infortunati avessero trovato chiuso ci sarebbe voluta una flotta di elicotteri per portare presidente, vice, ecc. all’ospedale del capoluogo, meditate politici cosa vuol dire avere un ospedale vicino quando se ne ha bisogno... Rif. 5335.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Sette ore al P.S.?
Vorrei anche sapere se i signori privelegiati hanno dovuto aspettare sette ore al Pronto Soccorso... Rif. 5333.
Rispondi a questo messaggio

Guai a toccare gli zingari!. Risposta al Rif. 5330

Purtroppo, ancora una volta, oltre a quelli che girano nel parco e che risiedono nelle vicine case popolari Itea di Melta, si sono stanziati NUOVAMENTE camper di zingari nel parcheggio adiacente il parco, vicino alla statale della Valsugana. Misteriosamente è stata tolta la transenna che impediva l’accesso al parcheggio per i mezzi alti e così ora si sono impossessati anche di questo. Il Comune ovviamente ed anche i vigili, informati, non hanno ancora risolto la problematica. Basterebbe rimettere la transenna, non ci vuole tanto. Riusciamo tutti insieme a dare un input all’amministrazione comunale di Trento? Rif. 5330.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Guai a toccare gli zingari!

Ma sei pazzo?! Non ti azzardare a lamentarti e a prendertela con quei poveri zingari, che anche loro sono extracomunitari! Guai, vergognati, nazista che non sei altro! Vanno aiutati poverini e quindi sii prono e tirali un cavo di corrente collegato alla presa di casa tua... E portali la spesa nel camper e magari donagli anche parte del tuo stipendio, poverini. Ma tu italiano...che tu perda il lavoro o semplicemente parcheggi la macchina con la ruota fuori dalla riga... Paga e muori, che non gliene fotte nulla a nessuno. Siamo proprio un popolo ebete! Rif. 5346.
Rispondi a questo messaggio

Sindaco Andreatta: no ai Quasimodo del Terzo Millennio! Risposta al Rif. 5244

Mi rivolgo gentilmente a chi si occupa della Parrocchia a Vigo Meano, per chiedere: «Ma elo propri necessario sonar le campane ale sei e mezza... Ale sette e mezza e alle sette e quarantazinque tute le matine..feste comprese?! No bastel na volta sol per la messa prima?! A che pro?! Cossa volelo dir tut sto scampanar?! Mi scusi Lei che se ne occupa se oso tanto ardire e voglia perdonare la mia ignoranza in merito... Ma l’e’ propri na rotura de baloni!» Rif. Rif. 5244.
Rispondi a questo messaggio

Se i te tira via le campane, dopo te te lamenti che canta el gal, e no te si bon altro che de lamentarte. Le campane i le ha sempre sonade, anca prima de ti e anca dopo de ti. (N.B.: Nel testamento scrivi che no i te le sone, cossi dopo te dormi na volta per sempre.) Rif. 5291.
Rispondi a questo messaggio

Me digo che no tei sei bon de lezer perchè se no te averessi capì qual che l’è el problema e no te sbareressi cazade! Quindi ritengo che l’è inutile parlarghen sora ancora! En quant al testament, se no te spias, en del mio ghe scrivo quel che voi mi! El problema resta el tuo, perchè dal momento che no te sei bon de lezer, no te sei gnanca bon de scriver!!! Rif. 5319.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Le chiese e il campanile ci sono sempre stati nei paesi
Tei vecio, varda che Mean, lè sotto el comun de Trent. Te podi parlar en talian, cossi se se capiss, le campane le chiese e il campanile ci sono sempre stati nei paesi, e quando sei andato a comprar casa, avresti dovuto pensare che le campane no le va en pension, in quanto al testamento, na volta morto mi, per mi i è morti tutti, e se lascio debiti, li pagherà chi resta, inutile far testamento, o meglio lo farò il testamento e lascio i miei debiti al rompicojoni de Mean. Rif. 5338.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
O ti adegui, o vai al pont dei Vodi de Lavis
Parlando si può risolvere ogni cosa. Solo che se poi si smette di suonare per il pisolino delle 6,30, poi ne inventano uno al minuto di pisolini e allora non si suonerebbe mai. Come dice un saggio proverbio: o tutti o nessuno; meglio non agevolare nessuno, altrimenti ad agevolare tutti non sarebbe mai finita... O ti adegui, o al pont dei Vodi de Lavis puoi dormire tranquillo, fra rumoreggiare di acqua, treni, e autostrada. Rif. 5339.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Sindaco Andreatta: no ai Quasimodo del Terzo Millennio!
La diatriba sulle campane di Vigo Meano sta assumendo toni tragicomici e sono d’accordo con Lei, quando dice che sono molestie. Esiste. È in tutto il territorio un regolamento che VIETA di produrre suoni o rumori fastidiosi e molesti PRIMA delle 7 del mattino. Le imprese edili prima di tale ora non possono lavorare, non si possono falciare prati o tagliare siepi.Nei condomìni il regolamento VIETA di far rumore prima di tale ora.Quindi adesso, io che ho iniziato tutto, mi rivolgo direttamente al Signor Sindaco Andreatta perchè disponga un’ordinanza che VIETI a questo Quasimodo del Terzo Millennio di scampanare il suo din don dan alle 6.30 del mattino dal momento che detto frastuono risulta essere MOLESTO per chi ha diritto al sonno. Ringrazio chi mi ha sostenuto, e porgo distinti saluti al pregiatissimo Signor Sindaco Andreatta dicendogli GRAZIE se deciderà di venirci in aiuto. Rif. 5340.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Cambia casa, va là!
Le campane hanno sempre suonato, e se danno problemi consiglio un’adeguata isolazione acustica e nuovi serramenti. Oppure, se non basta, cambiare domicilio. Rif. 5343.
Rispondi a questo messaggio