>>>Bazar n. 48 del 15 dicembre 2016

MESSAGGI DI RISPOSTA

Con un ambiente rovinato nessuno vorrà più venire in Trentino

Ai geni delle stazioni sciistiche di bassa quota, come il Bondone, che a novembre hanno sparato tonnellate di neve artificiale con i soldi dei contributi pubblici, sperando di aprire presto la stagione, per poi vedere marcire tutto sotto la pioggia: NON VI SIETE ANCORA ACCORTI CHE IL CLIMA È CAMBIATO? Basta buttare soldi e inquinare per nulla! Rif. 7844.
Rispondi a questo messaggio

Quello che tu chiami «buttare soldi» è parte fondante dell’economia della nostra provincia. Ma lo sai quanta gente lavora in quel settore? E quante famiglie campano con l’indotto. Gli impianti sciistici non sono uno sfizio di qualche ricco annoiato, sono una componente importante della macchina economica che fa mangiare noi trentini. Per cui smettiamola di sputare nel piatto in cui mangiamo. O dovremmo mangiare. Grazie. Rif. 7851.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Lo sci potrebbe non essere più il tema dominante dell’inverno

È inutile che ti scaldi. L’innevamento artificiale lo paghiamo noi per cui è chiaro che i gestori degli impianti non si fanno troppi scrupoli ad utilizzarlo in maniera dissennata. Ormai è chiaro a tutti che il clima sta cambiando e che lo sci potrebbe non essere più il tema dominante dell’inverno. Se fossimo lungimiranti cominceremmo a lavorare su questo tema per rendere consapevole il turismo invernale che la neve sulle piste tra non molto non sarà più sostenibile economicamente ed ecologicamente. Se non lo faremo ci troveremo irrimediabilmente con il culo per terra. Purtroppo è più facile mungere contributi pubblici e tirare a campare. Rif. 7860.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Con un ambiente rovinato nessuno vorrà più venire in Trentino

Io concordo completamente. Fra novembre e dicembre sono state innevate artificialmente moltissime piste e poi tutto è andato inevitabilmente sciolto. A parte l’impatto ambientale ed i costi abnormi pagati da mamma Provincia (quindi da noi!) oramai la stagione sciistica dura tre mesi se va bene alle quote basse e fra qualche anno ancora meno! O ci sbrighiamo a cambiare o ci troveremo senza nulla (altro che lavoro) e con un ambiente rovinato nessuno vorrà più venire in Trentino. Rif. 7861.
Rispondi a questo messaggio

Dopo la Cirinnà tutti vogliono unirsi come omosessuali

Trento, 3/9/2016: il primo matrimonio gay ha avuto luogo e la gente mormora, sottovoce... Se sapesse quante persone appartengono a codesta categoria, diventerebbero viola dalla vergogna. Grazie alla legge della privacy, ben poco si sa, ma gay e lesbiche in regione ve ne sono talmente tanti... Eppure vengono snobbati anche dalla politica, tranne nel momento elettorale. La settimana prossima si sposerà una coppia di gay che sono assieme da 40 anni: forse avranno faticato ad arrivare sin qui, ma la burocrazia con il matrimonio li aiuta in caso di malattia e decesso. Il mondo gay è sempre stato preso di mira e oggetto di gran chiacchiera, a differenza dal mondo etero. Rarissimi sono i casi di omicidio del partner (forse per cause pecuniarie più che passionali), a differenza appunto dagli etero che giornalmente violentano e si uccidono. Trento è ancora una delle pochissime città senza locali e ritrovi per gay, ma nel resto d’Italia e del mondo ve ne sono. D’altra parte non dimentichiamo che Trento è stata e sarà per sempre la Città del Concilio... Rif. 7661.
Rispondi a questo messaggio

Il bello della privacy è che non sai chi ti sta di fronte e di quali tendenze sia; magari pur essendo un prete, un politico, un giornalista, è costui un gay riservatissimo, e tu nutri ottima fiducia, magari ci parli assieme e ti confessi su certi argomenti, credendo che la persona che hai al fianco sia un intellettuale. Invece è un gay che sa ascoltare e che, dovesse trovarsi nella necessità, sa tante cose di te, cose che tu senza dubitare gli hai confessato. Oramai di gay anche in Trentino ce ne sono molti, purtroppo ci sono anche i falsi gay, quegli che pur di divertirsi stanno da ambedue le parti. Sarebbe ora di avere qualche locale gay anche in Trentino, come nel resto di Italia e mondo. Rif. 7669.
Rispondi a questo messaggio

Niente da dire della prima coppia gay che si è sposata a Trento, ma neanche della seconda, della terza e via dicendo... Basta che non diventi un caso nazionale! Hanno avuto i diritti che volevano? Bene, basta che non passino per eroi da ricordare, altrimenti facciamo una bella lapide commemorativa in Via Belenzani, ma che la cosa finisca lì! Rif. 7670.
Rispondi a questo messaggio

Credo che in regione ci siano tanti gay, come penso ce ne siano sempre stati. Ora hanno fatto la legge perché possano unirsi in matrimonio. Va bene che a livello civile siano tutelati, ma non facciamo confronti tra gay e etero, come se i primi fossero tutti santi e solo loro si amano tanto; le cattive persone ci sono e basta, sia da una parte che dall’altra. Quello che dà fastidio del discorso gay è che adesso che sono usciti allo scoperto in maniera così aperta, vogliono far passare tutto per normalità, quando a mio avviso non lo è e non potrà mai esserlo. Hanno il diritto di volersi bene, fare le loro vite in maniera tranquilla come tutti, senza però sbandierare sopra le righe le loro unioni. Devono tener conto che possono dare fastidio a tante persone specialmente quando ostentano in atteggiamenti particolari. Rif. 7671.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Dopo la Cirinnà tutti vogliono unirsi come omosessuali

Dopo che è entrata in vigore la legge sullo stato civile, sembra che i gay e matrimoni omosessuali e lesbiche spuntino come funghi. L’amata Radiotelevisione italiana (con il ricavato del canone pagato da tutti) ha anche fatto un vero e bel programma emozionante. Purtroppo spesso sono unioni civili non tutelate. Ma per fortuna le coppie sono tenaci. Anche se proibito, i gay esistevano già in tempi non sospetti, velati e nascosti ma c’erano; e ci saranno sempre. La cosa bella è poter riconoscere legalmente al partner il diritto di esser rispettato e non additato da squallidi famigliari che vorrebbero metter le mani sui propri figli... Rif. 7864.
Rispondi a questo messaggio

Gli impianti sciistici sono una componente importante della macchina economica

Sapete quanto chiede il comune di Trento di affitto ad ogni bancarella del mercatino di Natale in piazza Fiera? Mi dicono150 euro al giorno! Considerando che il mercatino dura 50 gg esatti (dal 19/11 al 06/01) fate un po’ voi il conto... Ora ho capito perché quello che vendono te lo fanno pagare come fosse oro! Rif. 7817.
Rispondi a questo messaggio

Basta usare un po’ di cervello e intelligenza e disertare, ignorare completamente questi mercatini, ormai obsoleti noiosi a più non posso, sperando che fra qualche anno non se ne parli più. Ci guadagnerebbero se non altro tutti in salute, con meno smog e traffico, visto per di più la pensosa viabilita in Trentino. Rif. 7830.
Rispondi a questo messaggio

No, grazie! Mercatini di Natale o non Natale, in quei giorni preferisco mille volte una bella passeggiata al lago di Garda, con belle giornate di sole, con la quieta compagnia dei non-turisti. Laddove si possono gustare delle panoramiche uniche e vivere belle emozioni, altro che confusione con rischio borseggio. Ve li lascio a voi il casino e l’aria irrespirabile. Rif. 7831.
Condivido in pieno! Sono andata solo una volta in tutti questi anni e mi è bastata! Da allora più messo piede ai Mercatini, sia di Trento che di Rovereto... E da quello che vedo ai telegiornali regionali ogni santo anno vendono sempre le stesse quattro cose... Rif. 7647.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Se tuti i fes come mi i saria ben morti tuti de fam da en pez...

Sem ale solite: tuti i ani la stesa minestra, i soliti politici senza zervèl no i ha gnancor capi che i ciama en provincia na marea de machine e de camper (ieri ne sono arrivati più di mille solo a Trento) caos in autostrada e su tutte le statali e dopo el luni i se lamenta che ghe le polver alte e alor i ferma le machine de quei pori disgraziai che ga da nar a laorar. Questa è la realtà. Se tuti i fes come mi i saria ben morti tuti de fam! Tuti i core a comprar la roba che i ha compra do ani prima tanto per farse veder che i ghè anca lori, e a Roma i dis varda quanti soldi che ga ancor la zènt e alor su tasse e noi (purtroppo ge som dent anca mi) paghem coioni! Rif. 7865.
Rispondi a questo messaggio

Ma come, vorreste togliere i mercatini di Natale? Ma se sono uno dei momenti del Natale che ti portano gioia e calore dentro, specialmente ai bambini e che ti preannunciano che sta arrivando la festa più bella dell’anno! Chi ha voglia di farsi una passeggiata al lago se la faccia, ma lasci stare i mercatini. Rif. 7648.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Tonnellate di inquinamento per vedere quattro statuette, un vino cotto...

Concluso il Ponte dell’Immacolata, già sentiamo parlare dell’inquinamento dell’aria delle polveri sottili. Dopo che i vacanzieri ci hanno scaricato in valle tonnellate di inquinamento per vedere quattro statuette, un vino cotto, uno strudel e un canederlo. Prepariamoci ora ai soliti divieti per le macchine più «obsolete». Prima e durante le vacanze come mai non fanno mai i rilievi sulle condizioni dell’inquinamento? Uno si pone un quesito: è così di primaria importanza a ’sto punto importare tanto veleno in zone denominate «tranquille» sulla carta? Rif. 7866
Rispondi a questo messaggio

Mettendo a repentaglio la proprio vita, e quella degli altri

Dagli esami alcolemici dell’ultima bravata dei 200 all’ora si deduce che si può correre ad alta velocità anche con l’alcool (e tanto) in corpo, sebbene a quella velocità non si abbia il tempo di guardare in giro, e la corsia di marcia si stringe... Del resto la curva dove il tizio è andato a sbattere andava allargata appositamente, segno che ci era passato più volte, il trattore lo ha messo in difficoltà, e per fortuna un bel trattore grande, se invece beccava una utilitaria o dei pedoni, sarebbe stato moooolto peggio... Una soluzione?! Dissuasori nei centri abitati, come a Pergine, se li prendi a 70km/ora sbatti la testa e te li ricordi. Eccola l’unica semplice soluzione di prevenzione. Del resto fanno veicoli sempre più veloci e chi li acquista ha l’adrenalina del provare l’effetto velocità... P.S.: E riguardo ancora all’episodio dell’altra setimana, pare che il posto da dove gli incidentati provenivano sia spesso aperto sino all’alba: forse a una certa ora dovrebbero chiudere anche i bar, invece che distribuire alcolici fino all’alba... Rif. 7661.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Mettendo a repentaglio la proprio vita, e quella degli altri

Occorre un grande lavoro culturale sulla guida dell’automobile in Trentino. Si beve troppo prima di mettersi al volante, con noncuranza, quasi divertiti. Si bevono quei due o tre bicchieri e al grido di «Sto benissimo» ci si mette in strada, mettendo a repentaglio la proprio vita, ma soprattutto quella degli altri. Ben vengano i dissuasori. Ma la vera rivoluzione, secondo me, sarà quando renderanno obbligatorio l’alcoltest al momento di entrare in auto. E poi quel dispositivo che una marca ha recentemente brevettato che in caso di ostacoli inchioda le ruote. Staremo a vedere. Intanto cerchiamo di non bere se dopo abbiamo intenzione di guidare. Rif. 7863.
Rispondi a questo messaggio

Bin Laden è morto per cause naturali e serviva agli U.S.A. per...

Leggo sul «LIBRO NERO DEGLI USA» di William Blum (Fazi) a pagina 36: gli USA lanciano nel 1952 enormi quantità di batteri sulla Corea e sulla Cina; 38 aviatori USA catturati descrissero bene l’operazione.Una commissione scientifica internazionale stilò un rapporto di 600 pagine che confermava le accuse cinesi. Furono perfezionate armi batteriologiche usate da giapponesi e nazisti. Clamoroso! Nel 1955 la CIA fece esperimenti con agenti biologici in Florida e anche a New York! Poi lo fece anche a Cuba... Che bella questa democrazia americana che nessuno mette in discussione! L’abominevole Trump (rifiutato dalla maggioranza degli americani-infatti la Clinton ha preso più voti di Trump e ha perso per colpa di una legge elettorale a dir poco pittoresca) sembra un angioletto rispetto ai loschi figuri che hanno fatto simili esperimenti sulla pelle degli esseri umani. E nei tempi moderni il Nobel per la pace Obama, ha fatto uccidere Bin Laden davanti ai suoi figli e ha ordinato di gettare il corpo in pasto ai pescecani. Il terribile Achille restituì a Priamo il corpo di Ettore, ma il grande democratico Obama ha dimostrato di essere indietro di 5000 anni, quando gli Incas mangiavano il cuore dei loro nemici. Mi spiace dirlo, ma ci sono stati personaggi ben peggiori di Trump negli ultimi 70 anni rispettati e onorati in tutto il mondo. Rif. 7846.
Rispondi a questo messaggio

Cosa doveva fare secondo te Obama? Erigere una statua a memoria di Bin Laden davanti alla Casa Bianca? Ma almeno lo sai chi era Bin Laden e cosa ha fatto? Rif. 7644.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Bin Laden è morto per cause naturali e serviva agli U.S.A. per...

Osama Bin Laden era una marionetta degli americani. Non lo hanno ucciso loro, con quella buffonata di video in cui Obama segue in diretta la presunta missione. Bin Laden è morto per cause naturali, insufficienza renale. Osama Bin Laden serviva al Council of foreing relations, cioè il vero ministero degli esteri americano, per il loro imperialismo in Medio Oriente. Idem per l’Isis. Creata e finanziata dal CFR e amici vari per appoggiare l’espansionismo israeliano. L’obbiettivo ultimo di Israele è conquistare tutti i territori ad est fino all’Eufrate. Al largo di Gaza ci sono riserve di gas enormi. Quindi di proprietà dei palestinesi. Invece le sfrutta Tel Aviv senza alcun diritto. Fa tutto parte di un gioco deciso ogni anno dagli ebrei che si riuniscono nel Gruppo Bilderberg. E si potrebbe continuare... Rif. 7867.
Rispondi a questo messaggio

Se fossi Renzi adesso mi divertirei un bel po’: ecco come...

Ha proprio ragione Michele Serra: ancora qualche giorno e sarà finalmente finito il tormento del Referendum. Pare che dal voto di domenica deriveranno le sorti dell’intero Pianeta e, forse, anche del nostro Sistema Solare. Forse da lunedì 5 dicembre potremo tornare a dare il giusto valore alle cose e alle persone. Rif. 7834.
Rispondi a questo messaggio

Oh, adesso è finita. Il referendum come si prevedeva è stato pro o contro il Governo Renzi. Bene. Ora Renzi ha dovuto dimettersi e passare la patata bollente a qualche urlante concorrente. Non vedo l’ora che la patata passi nelle mani dell’esagitato Salvini o dei parvenues dei Cinque Stelle. Allora sì che ci divertiremo... Garantito. Rif. 7650.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
Se fossi Renzi adesso mi divertirei un bel po’: ecco come...

Adesso sì che Matteo Renzi si diverte... Fossi io al suo posto gliene farei di tutti i colori alle opposizioni, oppure metterei su di nuovo il Berlusca. Anche se dopo una certa età dovrebbero lasciarli a casa. Lui oramai è piu al S. Raffaele che ad Arcore, lui e i suoi soldi...In una vignetta de «Il Giornale» di venerdi 9 dicembre c’è la barzelletta che se il buon Mattarella non avesse trovato nessuno, si sarebbe messo a disposizione il «giovane» Giorgio Napolitano... Rif. 7862.
Rispondi a questo messaggio

NUOVI MESSAGGI

Non c’è nulla in contrario verso gli stranieri che vengono e rispettano le leggi

L’Italia non è contro i profughi, contro i clandestini forse... È contro la politica marcia e sempre più distante dal popolo dei cittadini. Basti vedere come hanno ridotto ’sta povera Italia: a pezzi per terra. Gli ultimi stipendi sono da fame, così come le pensioni. Non c’è nulla in contrario rispetto agli stranieri che vengono e rispettano le leggi e i costumi dello Stato italiano, che lavorano non a basso costo o in nero e non si fanno mantenere a vita tutto il giorno senza fare un bel niente (magari ad interesse delle solite cooperative e associazioni, salvo caricare l’onere tutto sulle spalle del povero lavoratore a 1000 o 1500 euro al mese). Se c’è cosi tanta solidarietà sventolata in televisione e sui giornali di parte, di partito, a parole almeno, incomincino i politici e i dirigenti a donare veramente la metà dei loro introiti; così sarebbero credibili non solo parole o nel tagliare nastri. Con i soldi delle tasse dei cittadini tutti sono capaci di inaugurare questo e quello: anche i bambini delle elementari. Ci vuole ben altro per essere finalmente credibili e veri. Rif. 7869.
Rispondi a questo messaggio

Ho sistemato la casa: la mia piccola odissea con gli artigiani

Gli artigiani trentini, quelli valsuganotti in particolare, secondo me sono da buttare. Recentemente, due anni fa, mi sono fatto la casa. Anziché andare in affitto mi sono indebitato con un mutuo, tasso alle stelle, ma non c’era alternativa (con le nostre Casse Rurali non si scende sotto il 4%). Ho preso artigiani edili del posto che hanno lavorato abbastanza male e per riparare il peggio ho dovuto ricorrere a vecchi muratori in pensione, capaci di metterci una pezza. Gli idraulici, sempre locali, mi hanno obbligato a degli standard assurdi e aspetto ancora il copriwater, pagato ma consegnato sbagliato. Se chiamo a ricordarglielo l’idraulico mi dice che pur essendo già pagato non riesce a trovarlo in meno di due anni. L’elettricista ha fatto un buon lavoro, mancano ancora le placche per luci di emergenza e per interruttori (anche se queste sono state ordinate e pagate due anni or sono e ancora non le hanno fabbricate...). I pittori, pagati anticipatamente, hanno lasciato tratti senza pittura, a causa dicono dell’esaurimento materiale; e poi non si sono più fatti vedere, scomparsi, volatilizzati... Il piastrellista mi ha garantito il lavoro ma riguardo le piastrelle che si scollano mi dice che ha troppo lavoro e non può fare manutenzione... Morale della favola, sebbene servano fatture pagate per avere dei contributi provinciali e nazionali sulla ristrutturazione, fatevi furbi trattenete una parte e promettetegliela ma solo a promesse, come fanno loro... Rif. 7870.
Rispondi a questo messaggio

Noi trentini siamo come i fiammiferi, ci lasciamo fregare una sola volta...

Fiere di S. Lucia e altre fiere varie tipo S. Giuseppe, ecc... Inutile che i commercianti si lamentino sempre che si compra poco... Abbiamo le case piene di mercanzia. Ma tranquilli che se vendete buon materiale a giusto prezzo la gente acquista... Inoltre ’sti ani c’erano ambulanti che anno dopo anno erano sempre gli stessi; ultimamente alle bancarelle ci sono troppi extracomunitari che sembra ti regalino la merce, che spesso è di scarsissima qualità e noi trentini siamo come i fiammiferi, ci lasciamo fregare una sola volta... Rif. 7873.
Rispondi a questo messaggio

D’ora in poi solo mercati silenziosi e clienti muti come mummie

Vi ricordate quando si andava al mercato e gli ambulanti facevano a gara per urlare e trovare il modo più accattivante, lo slogan più efficace per convincere i clienti a fermarsi alla loro bancarella? Un mondo che non tornerà più. Pensate che nel nuovo regolamento per il funzionamento dei mercati e degli stalli per commercio ambulante su area pubblica il consiglio comunale di Pergine ha espressamente vietato agli ambulanti di gridare. D’ora in poi solo mercati silenziosi e clienti muti come mummie. Rif. 7876.
Rispondi a questo messaggio

Quando il controllore non c’è secondo me tutti riprendono a viaggiare gratis

Trentino trasporti ha messo qualche controllore qua e là, su qualche autobus. Non male, certo, ma quando il controllore non c’è secondo me tutti riprendono a viaggiare gratis. Ne avete di strada da fare contri i cosiddetti «portoghesi». Il lupo perde il pelo ma non il vizio... Rif. 7874.
Rispondi a questo messaggio

Le mamme trentine dicono «no» alle due ore scolastiche in più

Milleduecento genitori hanno detto «no» alle due ore obbligatorie aggiunte all’orario scolastico dalla riforma della scuola approvata nel giugno scorso dal Consiglio provinciale. Una petizione è stata consegnata al Presidente Dorigatti. Gli interessi degli adulti non devono prevalere su quelli dei bambini, hanno dichiarato. Rif. 7875.
Rispondi a questo messaggio

È bello vedere quanta gente sceglie la nostra zona per Natale, ma...

Mercatini fiere e ponti in regione, inquinamento esagerato alle stelle... A gennaio pagheremo noi la punizione di questo smog incessante, quando non ci saranno più turisti dovremmo privarci noi dei consueti servizi... È bello vedere quanta gente sceglie la nostra zona, per cambiare aria anche per poco tempo, ma giungono vetture, camper, e pulmann nuovi, ma anche di altri tempi, e mentre nelle loro città di origine c’è il blocco circolazione vengono a inquinare da noi... Rif. 7872.
Rispondi a questo messaggio

Tutto ciò non fa che accrescere la mia fiducia verso il Capo dello Stato

Abbiamo avuto un nuovo Governo in un lampo. Del resto l’autorità del Capo dello Stato Mattarella è unica. Non ci è voluto molto a fargli cogliere la pochezza argomentativa di Lega nord e Movimento 5 Stelle: sono chiacchieroni e fanfaroni, tanto rumore ma niente altro. La Lega è capace di muovere cortei e pullman a Pontida a sventolar bandiere a chiedere giustizia, quando poi son stati loro i primi a commetter peccati enormi... Se avessero lavorato bene sarebbero stati valutati di conseguenza e invece nulla. Il Movimento 5 Stelle, con il suo patron nascosto e abituato a urlare invece che a dialogare, si commenta da solo. Tutto ciò non fa che accrescere la mia fiducia verso il Capo dello Stato. Ora vediamo la scelta Gentiloni come andrà, sebbene siano molti gli scontenti... Rif. 7871.
Rispondi a questo messaggio

Auguri a tutti!

BUON NATALE a tutti voi che le luci colorate di questo periodo e il sole dentro li avete tutto l’anno...Tutto il bene del mondo perché la gente come voi lo merita... Tantissimi auguri, Alessandra. Rif. 7868.
Rispondi a questo messaggio

Trump boccia gli F35. Noi italiani no!

Dopo la clamorosa bocciatura degli F35 da parte di Trump, mi sembra doveroso ricordare a tutti gli italiani come quelle costosissime bare volanti siano state difese meglio dei diritti fondamentali dell’uomo. Vedi referendum. La decisione di Trump mi spinge a chiedermi perché i nostri governanti non siano in grado di fare gli interessi degli italiani. Trump s’è accorto che non era giusto far pagare agli americani un costo così elevato pur sapendo di danneggiare un’industria americana e ha detto no... E i nostri? Rif. 7869.
Rispondi a questo messaggio