>>>Bazar n. 46 del 1 dicembre 2016

MESSAGGI DI RISPOSTA

Lei non ha alcuna dimistichezza con la parola «democrazia»

Non può negare l’evidenza: i sostenitori del Sì sono convintissimi della bontà del cambiamento, perciò, se hanno conservato un pizzico di onestà intellettuale, dovranno accettare un mio suggerimento e proporlo nei dibattiti che ci saranno prima del 4 dicembre. Visto che l’incredibile modifica del Senato vi appare logica, perché non l’applichiamo anche alla Camera dei deputati? Non voteremmo più per il Senato e neanche per la Camera e sarebbe perfettamente legale! Basterebbe dire Sì al cambiamento e smetterla di dire sempre NO (a parte il fatto che questa è una menzogna ignobile perché la Costituzione è stata modificata molte volte anche senza la spinta di Renzi-Verdini-Boschi-Gelli) per risparmiare davvero molti miliardi. Riassumendo: non votiamo per il Presidente della Repubblica, non votiamo per le Province, non votiamo per il Senato, decidiamoci a non votare per la Camera e avremo fatto un magnifico poker. E poi? Poi l’appetito vien mangiando: sì può abolire il voto per le Regioni e infine per i Comuni... Così, tanto per cambiare, tanto per dire Sì e avallare il ritorno alla dittatura dicendo sempre di sì a Renzi. Rif. 7815.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Le idee degli altri

Gentile Signore, io non so chi lei sia, ma quello che so è che deve imparare a rispettare le idee degli altri. A meno che la parola democrazia non le risulti indigesta... Rif. 7824.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Non cambierà nulla

Sul referendum faccio parte, mio malgrado, della maggioranza del partito degli indecisi: cioè non so se andare al voto e votare sì o votare no. Vedo e sento una martellante pubblicità da una parte e dall’altra. Noto e vedo persone inqualificabili e impresentabili che spesso sono gli stessi responsabili del disastro politico economico nazionale in cui ci ritroviamo (vedi legge Fornero). Arrivo alla conclusione che il referendum ai cittadini normali, ai lavoratori, i veri lavoratori, quelli che con piccoli stipendi e infinite tasse al mese mantengono il carrozzone Italia, interessa poco. Alla fine di benefici non se ne vedranno, sia che vinca uno o l’altro. Non vedrò nessun beneficio in termini reali perché questa è l’Italia dei furbi, dei raccomandati dei privilegi, delle pensioni d’oro e dei vitalizi... Tutti duri come l’acciaio... Rif. 7825.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Lei non ha alcuna dimistichezza con la parola «democrazia»

Da come lei scrive, dall’intolleranza che trasuda dalle sue parole, credo che lei non abbia molta dimestichezza con la parola “DEMOCRAZIA”. Parla a sproposito di dittatura, ma se fossimo governati da ottusi come lei, allora sì che potremmo parlare di dittatura!
Rispondi a questo messaggio

Non dovremmo mantenerli né da liberi né da detenuti

Più polizia a Milano per contrastare immigrazione e criminalità? Ma dove siamo arrivati? Come al solito si interviene sull’effetto e non sulla causa!!! Mi dite a cosa serve dal momento che il giorno dopo questa gente è fuori in libertà? Chi delinque se ne torni a casa sua e venga mantenuto dal suo Stato!! È ora di finirla di mettere a repentaglio la vita dei nostri poliziotti per gente che qui in Italia delinque abitualmente senza subire conseguenze! Succederà anche qui nel Trentino vedrete, invece che rimandare al mittente la delinquenza, si metteranno più tutori dell’ordine per cercare di contrastare una criminalità che ormai la fa da padrone (a casa nostra). Desideriamo tutti (credo) che cessi questa criminalità, in tanti speriamo che qualcuno prenda le redini in mano ed assicuri alla giustizia questi fenomeni, ora che ne è arrivato uno in America, siamo subito pronti a giudicarlo negativamente come razzista, fascista, xenofobo ecc. Proprio come da noi, tutti sono stufi dello strapotere straniero però se si presentasse qualcuno che volesse assicurare alla giustizia un delinquente, allora anche qui sarebbe fascista, xenofobo e razzista! Rif. 7806.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Non dovremmo mantenerli né da liberi né da detenuti

Sono pienamente d’accordo con Lei. O la giustizia di questo Paese non esiste più del tutto o c’è sotto qualcosa di ben più grave che non dicono. Perché non è possibile che questi delinquenti possano rubare, fare del male e il giorno dopo sono fuori, mettendo a repentaglio la vita di chi li ha assicurati alla giustizia stessa. Certo che i lazzaroni stranieri da qualunque paese provengano dovrebbero fare il carcere a casa propria, e senza biglietto di ritorno; così non dovremmo mantenerli né da liberi né da detenuti. Penso che noi tutti, oltre ad essere stufi, siamo molto preoccupati per essere sempre più condizionati e prigionieri in casa nostra e il Governo protegge più tutti loro che noi italiani. Rif. 7826.
Rispondi a questo messaggio

Apprezzo anche io ogni istante della mia

Per me la felicità è il fatto stesso di essere vivo, poter camminare con le mie gambe, poter guardare un tramonto, avere dieci decimi di vista e portare gli occhiali solo per non stancarmi e non perché non ci vedo, ritornare a coricarmi sul mio letto la sera pensando e sperando di poter avere aiutato qualcuno a rendere meno pesante la sua giornata, pensare che forse le stelle hanno uno scopo ben diverso che creare una coreografia per la notte, vedere il sorriso di un bimbo che cresce, poter gustarmi un ottimo pranzetto, farmi una bella risata di gusto quando c’è un motivo serio per farlo..., arrivare a pagare l’utenza della corrente elettrica senza dover andare a chiedere aiuto a qualcuno, potermene andare in ferie al mare quando è estate, potermi leggere tutti i libri che voglio, scoprire ogni giorno qualcosa che non conoscevo il giorno prima, incontrare delle persone simpatiche e potermi relazionare con loro, cercare di usare la mia mente verso scopi positivi e non per sprecare tempo a farmi delle inutili seghe mentali per abbruttirmi la giornata che sto vivendo, trovare un cucciolo di cane che mi lecca le mani quando lo accarezzo, vedere una rosa sbocciata il giorno dopo che l’avevo vista in bocciolo, scoprire un sapore gastronomico nuovo, entrare in casa e trovare non solo il riscaldamento acceso, ma anche il calore di una persona per la quale so di essere importante e che amo, pensare che ero piccolo e sono cresciuto avendo vissuto una vita senza avere alcun pentimento per le mie scelte, avere superato tutte le difficoltà che ho incontrato nella mia vita, lottando e risultando vincitore, essere in grado di poter vedere la morte non come la cosa più terrificante, ma come l’ultimo viaggio dello spirito verso una meta elettrizzante, essere sano e al momento non avere che io sappia malattie gravi ed invalidanti, sperare di incontrare domani persone ancora più belle nella loro anima di quelle che ho incontrato fino ad oggi, vedere il sorriso in chi mi saluta, considerarmi fortunato per avere quello che molti non hanno... E se ci penso potrei continuare fino a domani mattina... A.B. Rif. 7818.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
A mio avviso andrebbe pubblicizzato

Parole sante, che ben pochi sanno leggere e approfondire; infatti tutti sono malati di fretta e stress...Questo articolo a mio avviso andrebbe pubblicizzato, fotocopiato e affisso ai muri... E che ’sta fretta dia il tempo per leggerlo e rileggerlo a tutti... Rif. 7827.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Apprezzo anche io ogni istante della mia

La penso e vivo proprio come te!!! Sono donna, ho due figlie sane e stupende, un marito presente e premuroso con tutta la famiglia, dei genitori megagalattici e amici che riempiono il cuore di allegria. Lavoro tantissimo, ma apprezzo anche io ogni istante della mia vita, soprattutto dal 2004 quando per problemi vari son finita all’Ospedale perché «tiravo troppo»... Quindi, forza a te e a tutti quelli che magari invece ora stanno passando un brutto momento. La ruota gira... E tutto passa! Daniela. Rif. 7828.
Rispondi a questo messaggio

Possibile che si debba sempre e solo subire?

Ho un cagnolino e raccolgo SEMPRE la sua «cacca», anche se siamo nel bosco e nessuno ci vede, la mia educazione mi impone di raccogliere ciò, SEMPRE!!! Chiedo invece a chi di dovere di poter dare almeno 5000 euro di multa a chi non raccoglie le deiezioni dei propri cani, è ora di intervenire! Purtroppo chi non raccoglie il tutto, ancora non ha capito che poi a rimetterci sono proprio i nostri amici a 4 zampe perché la gente ignorante se la prende con loro! Abbiamo le strade e i parchi pieni di «cacca» per colpa di questi cafoni che se ne fregano, tanto nessuno interviene! Dimenticavo: siamo in Italia e si può fare tutto, anche delinquere e ammazzare, tanto poi ti danno i domiciliari, l’importante è che paghi le tasse, in questo caso lo Stato è presente!!! Rif. 7791.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Possibile che si debba sempre e solo subire?

Vigo Meano, via dei campi, tra il numero 5 e la villetta subito accanto: vista proprio ora, nei pressi dei bidoni delle immondizie, posizionata in bella vista, una bella cacchetta di cane! Non me la prendo con il cane, ma con il suo padrone che è più stronzo di quelli lasciati in giro dal suo cane; non se ne può più. Ci sono cani in quella zona lasciati liberi, senza guinzaglio, che girano indisturbati lasciando tracce evidenti del loro passaggio! Ma possibile che si debba sempre e solo subire? Rif. 7829.
Rispondi a questo messaggio

Ve li lascio a voi il casino e l’aria irrespirabile

Sapete quanto chiede il comune di Trento di affitto ad ogni bancarella del mercatino di Natale in piazza Fiera? Mi dicono150 euro al giorno! Considerando che il mercatino dura 50 gg esatti (dal 19/11 al 06/01) fate un po’ voi il conto... Ora ho capito perché quello che vendono te lo fanno pagare come fosse oro! Rif. 7817.

Risposta
Ci guadagnerebbero se non altro tutti in salute

Basta usare un po’ di cervello e intelligenza e disertare, ignorare completamente questi mercatini, ormai obsoleti noiosi a più non posso, sperando che fra qualche anno non se ne parli più. Ci guadagnerebbero se non altro tutti in salute, con meno smog e traffico, visto per di più la pensosa viabilita in Trentino. Rif. 7830.

Risposta
Ve li lascio a voi il casino e l’aria irrespirabile

No, grazie! Mercatini di Natale o non Natale, in quei giorni preferisco mille volte una bella passeggiata al lago di Garda, con belle giornate di sole, con la quieta compagnia dei non-turisti. Laddove si possono gustare delle panoramiche uniche e vivere belle emozioni, altro che confusione con rischio borseggio. Ve li lascio a voi il casino e l’aria irrespirabile. Rif. 7831.
Rispondi a questo messaggio

Un peccato che certe cose accadano proprio da noi in Trentino

Alla fin fine è cosi bello vedere che l’ospitalità delle ragazze scampate alla guerra, a Lavarone, è andato a buon fine e che nonostante tutto c’è chi vuol dare loro una mano... in causa dovrebbero esserci gli ignoti che senza palle hanno fatto il gesto intimidatorio. Eventualmente questi danni avreste dovuto farli ai nostri politici che hanno permesso che l’Italia sia diventato un porto di mare. Rif. 7821.

Risposta
Un peccato che certe cose accadano proprio da noi in Trentino

Il razzismo è proprio una gran brutta bestia. È un peccato, poi, che certi episodi di intolleranza si verifichino proprio in Trentino che agli occhi del resto degli italiani rappresenta un esempio virtuoso di civiltà e di convivenza... Rif. 7832.
Rispondi a questo messaggio

NUOVI MESSAGGI

Ancora pochi giorni e poi è finita...

Ha proprio ragione Michele Serra: ancora qualche giorno e sarà finalmente finito il tormento del Referendum. Pare che dal voto di domenica deriveranno le sorti dell’intero Pianeta e, forse, anche del nostro Sistema Solare. Forse da lunedì 5 dicembre potremo tornare a dare il giusto valore alle cose e alle persone. Rif. 7834.
Rispondi a questo messaggio

I referendum devono essere più semplici

I quesiti del referendum del 4 dicembre non sono chiari, sembra sia stato pensato così per confondere le persone e già questa non è una bella premessa. Per alcune cose voterei «Sì», ma per altre decisamente «No», quindi ovviamente voterò «No». Non credo che votando «No» non cambi niente, come vuol far credere per lo più il Pd, credo invece che votando «Sì» la situazione peggiorerebbe, ci sarebbe meno potere decisionale per il popolo e più facilità di imbrogli politici, quindi voto «No». I referendum proprio perché popolari dovrebbero essere più semplici e facilmente comprensibili dai cittadini, con una domanda alla volta e posta in maniera chiara, tipo: si vuole la riduzione degli stipendi dei politici? Si vuole la sospensione dei vitalizi? Ecco allora sì che la gente potrebbe andare a votare sì con sicurezza e determinazione, ma per come è posto invece questo referendum secondo me va fatta molta attenzione ai trabocchetti e nel dubbio per non correre rischi da cui poi non si può tornare indietro, meglio assolutamente dire no! Rif. 7835.
Rispondi a questo messaggio

La Costituzione non ha niente che non va...

Che tristezza, in questi giorni sento tanti anziani ripetere la frase: «Al referendum meglio votare sì altrimenti non cambia mai niente...». Ma cosa vuol dire?! Sono stati «intortati» da un certo tipo di pubblicità, ma sanno cosa significa? Se cambierà qualcosa cambierà solo in peggio per i cittadini, questo però non lo hanno detto! Dicendo di sì il potere del popolo diminuirà ancora di più e decideranno tutto i politici... E non mi sembra sia una cosa saggia e giusta! La nostra Costituzione non ha niente che non va, non va cambiata, va cambiata la mentalità corrotta, bisogna fare in modo che le leggi che ci sono vadano rispettate e che si possano votare persone leali ed oneste, cosa c’entra la costituzione? Quanto rumore si è creato intorno a questo referendum, tutto per distogliere da ciò che è veramente importante! Difendiamo la nostra Costituzione e pretendiamo invece una politica più limpida trasparente e semplice, votiamo no al referendum che peggiora la situazione invece che migliorarla! Rif. 7836.
Rispondi a questo messaggio

Trump? C’è stato di molto peggio

Leggo sul «LIBRO NERO DEGLI USA» di William Blum (Fazi) a pagina 36: gli USA lanciano nel 1952 enormi quantità di batteri sulla Corea e sulla Cina; 38 aviatori USA catturati descrissero bene l’operazione.Una commissione scientifica internazionale stilò un rapporto di 600 pagine che confermava le accuse cinesi. Furono perfezionate armi batteriologiche usate da giapponesi e nazisti. Clamoroso! Nel 1955 la CIA fece esperimenti con agenti biologici in Florida e anche a New York! Poi lo fece anche a Cuba... Che bella questa democrazia americana che nessuno mette in discussione! L’abominevole Trump (rifiutato dalla maggioranza degli americani-infatti la Clinton ha preso più voti di Trump e ha perso per colpa di una legge elettorale a dir poco pittoresca) sembra un angioletto rispetto ai loschi figuri che hanno fatto simili esperimenti sulla pelle degli esseri umani. E nei tempi moderni il Nobel per la pace Obama, ha fatto uccidere Bin Laden davanti ai suoi figli e ha ordinato di gettare il corpo in pasto ai pescecani. Il terribile Achille restituì a Priamo il corpo di Ettore, ma il grande democratico Obama ha dimostrato di essere indietro di 5000 anni, quando gli Incas mangiavano il cuore dei loro nemici. Mi spiace dirlo, ma ci sono stati personaggi ben peggiori di Trump negli ultimi 70 anni rispettati e onorati in tutto il mondo. Rif. 7846.
Rispondi a questo messaggio

I soldi resterebbero nelle casse dello Stato italiano...

Se si facesse rispettare il Codice della Strada, tanti soldi resterebbero nelle casse dello Stato italiano, al punto da divenire ricchissimi. Invece no. Il Codice della Strada rimane nel cassetto e la gente fa praticamente quello che vuole... In Germania non trovi un poliziotto a morire, ma alla prima cazzata escono come i funghi, a differenza che nell’amata Italia... Rif. 7841.
Rispondi a questo messaggio

Black Friday: ecco cosa c’è sotto

Riguardo alle recenti offerte del cosiddetto Black Friday: le offerte erano per soli acquisti di importo molto alto. Poi c’è da dire che se vuoi restituire la merce ti viene dato un bonus a tempo da spendere nello stesso negozio, a differenza degli acquisti fatti su internet, dove vieni rimborsato. Rif. 7842.
Rispondi a questo messaggio

Cannoni sparaneve: non vi siete accorti che il clima è cambiato?

Ai geni delle stazioni sciistiche di bassa quota, come il Bondone, che a novembre hanno sparato tonnellate di neve artificiale con i soldi dei contributi pubblici, sperando di aprire presto la stagione, per poi vedere marcire tutto sotto la pioggia: NON VI SIETE ANCORA ACCORTI CHE IL CLIMA È CAMBIATO? Basta buttare soldi e inquinare per nulla! Rif. 7844.
Rispondi a questo messaggio

Meno male che nessuna altra vettura era sul percorso

La velocità in Valsugana va molto di moda ed è da sempre gettonata. Forse se fosse sanzionata più severamente... Sarebbe un modo per far cessare questa mal’usanza. Pensiamo alla folle corsa di domenica scorsa: l’auto inseguita dai carabinieri e tutto il resto... C’è da ringraziare il Cielo che nessuna altra vettura si sia trovata sul percorso, altrimenti sarebbe stata una strage. E grazie alla vettura tedesca, alla sua solidità, che i tre occupanti non si sono fatti gran male. Ora hanno solo da vergognarsi di ciò che hanno compiuto... Speriamo che l’assicurazione non paghi i danni e che venga fatto pagare anche l’inutile viaggio di elisoccorso e di ambulanze e vigili del fuoco... Rif. 7839.
Rispondi a questo messaggio

Operai stranieri non collaborano in niente

Morire sul lavoro è la cosa più tragica che ci possa essere, e sopratutto in giovane età. Purtroppo c’è sempre più manovalanza di operai stranieri che non collabora in niente con la gente trentina. Speriamo sia fatta luce e chiarezza sull’ultimo tragico fatto avvenuto in Valsugana... Rif. 7837.
Rispondi a questo messaggio

Grande Comune della Val di Non: chiamiamolo «Nonesa»

Quando più città decidono di unirsi, sarebbe bene scegliere un nome breve e ampiamente condiviso. Nel vedere cosa sta succedendo per il referendum del 14/12 in Val di Non, vorrei suggerire il nome NONESA. Sarebbe un vantaggio anche per tutti i documenti che dovranno essere rilasciati e i cittadini potrebbero sentirsi uniti da quel nome. Rif. 7845.
Rispondi a questo messaggio

Dedicata a J.R

C’è chi va a «C’è posta per te», c’è chi usa la Terza Pagina di Bazar». Ma l’amore rimane sempre amore.
Amore e libertà
Non ti farò domande sul tuo passato
ma ascolterò la tua sofferenza….
Non ti regalerò illusioni per il futuro
ma ti prometto onestà….
Non cercherò scuse per amarti
perché già ti amo
Non vorrò promesse perché la vita
non ha promesse
Non ti farò promesse perché
non ho bisogno di farmi credere
Non ti farò regali
perché non ne avrai più bisogno
Non ti regalerò speranze
perché io sono certezza
Non cercherò scuse
perché vivrò nella realtà
Ti apro una porta:
quella del tuo destino….
Ti faccio un invito
quello di entrare nel mio….
ti faccio una proposta:
quella di lasciarti amare…
Non ti chiedo nulla
perché ho già tutto
da quando ti ho incontrata…
Non voglio sognare
perché tu sei già il mio sogno
Non voglio piangere
perché tu sei il mio sorriso…
voglio vivere la mia vita
piena perché tu sei la mia pienezza
Voglio dirti provaci….
e poi sarai libera
di vivere la tua vita
perché io sono libertà…
voglio dirti amami perché
io sarò la tua realtà…..
Rispondi a questo messaggio

Libertà di stampa? La Terza Pagina di Bazar esempio virtuoso

Dunque, siamo precipitati al settantasettesimo posto nella classifica mondiale, su 180 nazioni, nel campo della libertà di stampa. Ma se i direttori dei giornali fossero tutti come il direttore di «Terza pagina» di BAZAR saremmo certamente ai primi posti e, lasciatemelo dire, saremmo anche ai primi posti nel campo del progresso e della prosperità economica di tutti e non di pochi privilegiati. Ecco perché vorrei che questa rubrica fosse seguita da 50 milioni di italiani e non lo dico per piaggeria. Pensate che effetto avrebbe per gli italiani leggere questa massima scritta da Charles Luis Montesquies quasi tre secoli fa: la peggiore delle tirannie e’ quella che viene esercitata all’ombra delle leggi e sotto la protezione della giustizia.
Rispondi a questo messaggio

Non se ne può più

Le richieste saranno (alcune?) anche per cause giuste, ma non se ne può più di richieste di denaro che ormai ci arrivano da dovunque e con ogni mezzo: stampa, televisione, radio, social, poste. Un bombardamento incessante e pressante. Per non dire per strada, dove non puoi non incappare nel venditore di fiori, nella zingara con bambino, nello spudorato in carne che chiede pane, salvo poi volere, casomai, i soldi per “comperarlo”, in presunti profughi di guerra con telefonino e bomber… Basta perdio, che se dovessi dare a tutti, sarei anch’io costretto a chiedere la carità. Rif. 7843.
Rispondi a questo messaggio