>>>Bazar n. 35 del 15 settembre 2016

MESSAGGI DI RISPOSTA

Concerto privato

Mi stupisce negativamente il fatto che non ci siano state proteste esplicite per il fatto che la provincia di Trento avrebbe regalato una vacanza in un hotel del Trentino a Eros Ramazzotti e la sua compagnia... Ma come caspita è possibile che solo possa venire in mente una cosa del genere?! E il famoso cantante ha pure accettato, quando con tutti i soldi che ha l’albergo avrebbe potuto comprarselo! Anche se Trento per certi versi economicamente è messa meglio di altre regioni questo non vuol dire che debba buttare via i soldi quando oltretutto in questo momento di crisi servirebbero di più a finanziare il sociale, ad aiutare chi ne ha bisogno per davvero! Che vergogna! Ci sono reparti dell’ospedale di Trento in cui la pulizia e l’igiene lasciano molto a desiderare, mancano infermieri, ci sono tagli assolutamente ingiustificabili a sanità, istruzione e assistenza alle persone a discapito sempre dei più deboli e poi si sprecano i soldi pubblici? Cosa si può fare per migliorare questa politica? Rif. 7618.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Concerto privato

Il concerto per pochi invitati è stato fatto con Eros Ramazzotti, in luogo privato! Rif. 7644.
Rispondi a questo messaggio

Salute e benessere devono essere sempre messi al primo posto

Ho appreso con piacere delle nuove scoperte per la ricerca della cura per il cancro da parte di ricercatori trentini e americani, adesso c’è da sperare che davvero la ricerca venga aiutata e proceda per il meglio, che si riesca a trovare veramente una cura efficace per tutti i tipi di tumori e che anche le case farmaceutiche diventino umane e non pensino solo ai loro interessi economici, ma al bene delle persone! Si sprecano tanti soldi per cose inutili, credo sia indispensabile, invece, investire nella ricerca, nella buona sanità e nella cultura! Rif. 7603.
Rispondi a questo messaggio

Lei ha perfettamente ragione, ma mi permetto ricordarle che siamo in Italia... e qui viene considerato di maggiore interesse investire negli F35 da guerra e nei finanziamenti che vengono rivotati in Senato ogni anno per supportare i nostri «eroi» nelle missioni all’estero! Dovendo poi sentire chiamare eroi quelli che secondo me sono dei mercenari (che guadagnano mediamente circa quattromila euro al mese... per non parlare di graduati che arrivano anche a sei-settemila euro). Quindi in Italia la «ricerca» è uno degli ultimi capitoli di spesa che si pensa di finanziare a livello politico! Ecco perché la crescita economica è stagnante. Oltre a tutti gli sperperi, la corruzione e quant’altro caratterizza la nostra classe politica... Quindi non si faccia troppe illusioni... Ahimè! Rif. 7625.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Salute e benessere devono essere sempre messi al primo posto
Che tristezza! Sembra che le vite delle persone contino meno delle cose materiali in questa società... Una società fallita, direi, se non ha ancora capito che la salute e il benessere delle persone devono essere sempre messi al primo posto in assoluto. I cittadini dovrebbero essere più informati e in maniera chiara e sincera sulle spese pubbliche, sulle reali motivazioni delle scelte ecc.. Non si può subire passivamente la mancanza di cure adeguate o sperperi indecenti e assolutamente insensati; non si possono e non si devono buttare soldi e risorse nel superfluo, risorse magari gestite anche male per incapacità o negligenza od altro. Bisogna che siano date e rispettate delle priorità in modo intelligente, consapevole, onesto e con umanità e buon senso. La salute pubblica, come la ricerca di nuove cure efficaci e la diminuzione dell’inquinamento e dei fattori a rischio per la salute, sono troppo importanti, per tutti, non dimentichiamocelo! Rif. 7651.
Rispondi a questo messaggio

Se c’è un divieto lo avranno messo per qualche motivo

In Valsugana c’è un vigile urbano che sembra un cane pastore. In particolare quando si trova in presenza di qualcuno che sta caricando o scaricando qualcosa dall’auto o dl camion... Li fa scappare tutti, commercianti e privati... Ma io vorrei domandargli: ma a te non capita mai, nella tua vita privata, di parcheggiare momentaneamente in divieto per carico e scarico, in fin dei conti... vivi e lascia vivere... Non credi? Rif. 7622.
Rispondi a questo messaggio

Forse «vivi e lascia vivere» riferito ad una persona che sta solo facendo il suo lavoro non è un detto così azzeccato. Il Codice della Strada prevede che NON puoi fermarti davanti ad un divieto di sosta, se vuoi farlo lo fai, ma a tuo rischio e pericolo. Rif. 7632.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
A far multe è abbastanza restìo

A dire il vero, a mio parere, il bel vigile vorrebbe apparire più cattivo di quello che in realtà è. Si presenta a intimidire chi vuol parcheggiare, ma a far multe è abbastanza restìo. Sta di fatto che un componente del Consiglio comunale ha recentemente chiesto che intorno al suo stabile non parcheggi nessuno... Rif. 7648.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Se c’è un divieto lo avranno messo per qualche motivo

Mi è capitato di fermarmi momentaneamente in divieto per far salire o scendere una persona o mettere un pacco nel baule, ma adesso che tu dica ad un vigile «vivi e lascia vivere...». Quello è il suo lavoro! E se in quel posto c’è un divieto lo avranno messo per qualche motivo che forse non è solo quello di farci un dispetto! E comunque se sai di essere in errore accetta di esser ripreso, troppo buono il vigile che non sfodera il taccuino! Rif. 7649.
Rispondi a questo messaggio