>>>Bazar n. 25 del 23 giugno 2016

MESSAGGI DI RISPOSTA

La gara tra chi sta peggio

Nessuno dà la colpa al tizio che esegue il lavoro, figuriamoci, fa già un lavoro ingrato. La colpa la do a chi dirige la baracca. Esiste una cosa che si chiama «buon senso», vengano a raccogliere il residuo, l’umido e la carta a quell’ora, ma sinceramente il vetro mi pare improprio. Se rimettessero le campane sarei felice di farne uso, magari avremmo meno secchielli e sacchetti sparsi per tutta la città, meno fermate da parte dei furgoni della raccolta e traffico più scorrevole. Ecco fatto. La stronzata è il porta a porta, comodo, vero, ma con un brutto retro della medaglia! Comunque visto che a lei non darebbe alcun fastidio potrebbe offrirsi volontario per essere il primo indirizzo del mattino per la raccolta del vetro... Rif. 7429.

Risposta
La gara tra chi sta peggio

Se ci mettiamo a fare una gara tra chi sta peggio non la finiamo più! Qualcuno probabilmente la accuserebbe di “benaltrismo”... Rif. 7469.
Rispondi a questo messaggio

Facciamo una colletta per donna derubata

Indagata per omicidio stradale la signora inglese derubata dal sinti... Se chiami le forze dell’Ordine prima di aver fatto la denuncia telefonica, il ladro si è nel frattempo volatilizzato. Se invece «ti arrangi» i te denuncia: cosa dobbiamo fare allora, lasciare le case aperte agli zingari? E noi prendere i barconi e andar in cerca di vita altrove? Rif. 7463.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Fintanto che li tratteranno come minoranze speciali...

Fino a quando i nostri politici tratterano questa gente come minoranze speciali, questo sarà il risultato. Il vento ultimamente sta cambiando rotta, basta guardare nella nostra Europa! Cittadini, preparate la biro e alle prossime elezioni fate tesoro! È ora che vengano premiate le persone che s impegnano civilmente e sostengono questa società sotto ogni aspetto. Rif. 7475.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Facciamo una colletta per donna derubata

Sante parole! Derubato anni fa da minorenni, sono e resto razzista. Anzi razzisti sono coloro che non si adeguano alle nostre semplici regole di convivenza. Serve colletta per l’avvocato della signora derubata!!! Pensiamoci! Giornalisti e signor Sindaco. Rif. 7489.
Rispondi a questo messaggio

Meglio impiegare il tempo lamentandosi che spaccando tutto

Mi rattrista molto, ma soprattutto mi spaventa il sentire tanta gente lamentarsi o polemizzare in continuazione per delle sciocchezze o solo perché non sa come occupare il tempo in modo più utile o piacevole. Ci sarebbero decine di problematiche serie da affrontare, analizzare, capire, cercare di risolvere in maniera seria e propositiva, in primis la vita e la salute delle persone, la ricerca scientifica, la ricerca medica, le prospettive per il futuro ecc. ecc.: perché tante persone sprecano energie e tempo a criticare e lamentarsi invece di essere ottimisti, fare proposte intelligenti ed utili? Vedo e sento troppa strafottenza, arroganza, ingnoranza e anche cattiveria e maldicenza sterile e controproducente, quando invece ci sarebbe davvero bisogno di più buon senso, buoni propositi, buone idee e gente in gamba che sa guardare prima di tutto dentro di sé e che si chiede cosa può fare di buono per cambiare se stesso e l’ambiente in cui vive, gente che invece di lamentarsi si rimbocchi le maniche e lavori seriamente. C’è bisogno di più umiltà, onestà e sentimento! Rif. 7468.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Meglio impiegare il tempo lamentandosi che spaccando tutto
Ma per quale motivo ti lamenti? Sei in pausa dal tuo ottimismo a maniche rimboccate? Adesso non ci si può più nemmeno sfogare? Gli ottimisti benpensanti che danno le belle lezioncine di buon stile di vita fanno venire la voglia di rimboccarsi le maniche, ma non proprio per cambiare le cose, ma per cambiare i connotati di qualcuno! Lasciaci sfogare almeno a parole, avremo tempo da perdere lamentandoci, forse, ma meglio che occuparlo spaccando tutto! Rif. 7471.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Tu sei migliore?
E e tu ti lamenti di chi si lamenta... Credi forse di essere migliore?
Rispondi a questo messaggio

Mi spieghi quale nesso logico ci trovi?

Siamo nati nudi è vero, mi pare anche di sapere come si concepisce un bambino, ma non mi sembra che si possa farlo in pubblico e anche fare i bisogni corporali è cosa che tutti fanno, ma – per fortuna – non si vedono molte persone defecare per strada, quello lo fanno i cani. Rif. 7427.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Mi spieghi quale nesso logico ci trovi?

Hai mai sentito parlare di pensiero dicotomico? Bene, informati perché l’argomento ti riguarda molto da vicino. Mi spieghi quale nesso logico trovi tra rilanciare il turismo implementando le offerte turistiche con soluzioni alternative adottate in diverse parti del mondo... ed i cani che defecano per le strade? Cerca di collegare il cervello prima di scrivere... è importante. Se non per te, almeno per chi legge le tue cavolate... Rif. 7473.
Rispondi a questo messaggio

“Non c’è in casa... se può passare tra una settimana arriva...”

Sai, il mercato è volutamente libero. Ma se tu – come molti altri – ritieni che in Trentino manchi l’offerta commerciale, perché non vi mettete voi a fare i commercianti in Trentino visto che con le vostre idee, a mio parere, sareste dei business men eccezionali. Rif. 7452.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Commercio: non bisogna pensare che gli investimenti rientrino subito
Premetto che sono commerciante da circa 25 anni, e mi permetto di fare alcune osservazioni. Qui da noi rispetto al Veneto sono più alti i prezzi degli immobili, gli affitti, gli stipendi e così via. Ma c’è un ma. Un mio cliente (ad esempio toscano) se ne stropiccia bellamente gli ammennicoli del fatto che qui da noi i costi di gestione siano più alti. Se non sono allo stesso livello di prezzo del mio concorrente veneto io non vendo e di conseguenza sono costretto a ridurre i margini cercando comunque di mantenere il numero di vendite più alto possibile. Strettamente correlato a ciò vi è l’impostazione gestionale di una parte dei commercianti trentini; a volte infatti si trovano persone le quali concepiscono l’orizzonte temporale di rientro degli investimenti fatti nella propria attività in termine di breve, possibilmente brevissimo, periodo e l’unico modo per realizzare ciò è alzare i prezzi di vendita dei propri prodotti. Chi che taglia la testa al toro è l’acquirente finale e in periodi di vacche magre come quelli che tutti stiamo passando è quantomeno ovvio che se una persona e/o famiglia può risparmiare sull’acquisto dello stesso prodotto lo fa. Per quanto riguarda il mercato in Trentino e sulla base delle mie esperienze legate alla compravendita di circa una ventina di mezzi tra vetture e veicoli commerciali negli ultimi 25 anni, beh... Siamo lontani anni luce non solo dal Veneto, ma anche da altre regioni italiane. Non è che manchi l’offerta commerciale è che in molti casi proprio non si ha a che fare con commercianti, ma con soggetti che ritengono che per il semplice fatto di vendere un marchio piuttosto che l’altro sono profondamente convinti che non è il cliente che acquista ma loro che “concedono” la vendita. Non voglio assolutamente generalizzare, ci sono molti soggetti che svolgono il loro lavoro con passione, professionalità e lungimiranza, ma sono purtroppo una minoranza. Rif. 7476.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
“Non c’è in casa... se può passare tra una settimana arriva...”

Al giorno d’oggi, forse non vale più tanto la pena di aprire negozi; con internet trovi ovunque e subito (anche se con alcuni rischi). Spesso vado in negozi a rendermi conto di varie proposte commerciali e quando il commesso mi dice. “Non c’è in casa... se può passare tra una settimana arriva...” mi viene il nervoso. Rif. 7474.
Rispondi a questo messaggio

Con i supermercati

Come ogni estate, le biblioteche periferiche a Trento chiudono il venerdi mattina. A Rovereto la biblioteca di Corso Bettini è aperta fino alle 22. Oltre al fatto che è aperta anche la domenica fino alle 13... I bibliotecari devono fare forse concorrenza ai dipendenti provinciali come orario di lavoro? Rif. 7457.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Con i supermercati

Perchè, invece dovrebbero far concorrenza con gli orari dei supermercati?
Rispondi a questo messaggio

Continuano a mordere la mano che li nutre

Gli Schützen di Trento lamentano al Tg di oggi, sabato 4 giugno, che nella sede data in uso dal Comune in corso Buonarrotti, c’è una perdita di acqua e sono in una situazione di disagio. Visto che sono contro l’adunata degli Alpini... vorrei dire che gli alpini oltre che fare ottime sfilate ogni anno, sono capaci anche di rimboccarsi le maniche e ripararsi cose ed edifici, piuttosto che lagnarsi nei confronti del Comune che vi ospita; ma voi non vi abbassate a lavorare come fanno gli Alpini ed allora rimanete nella sede nella quale c’è un po’ di umido.... Rif. 7447.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Continuano a mordere la mano che li nutre

Ma no vedrai che andrà così: busseranno alle porte di Mamma Provincia, che ha già elargito a piene mani; passa 5000 euro per una loro bandiera; per le loro divise e per altro ancora per un totale di oltre 300.000 euro! Ma tanto che importa? Loro sputtanano gli Alpini e tutto quello che è italiano e intanto mangiano nel piatto dell’italianissima Provincia autonoma di Trento. Quindi vedrai che a breve, forse, avranno addirittura una nuova sede, con tanto di pavimentazione ad hoc, completa di tutti i comfort, ove poter continuare a parlare male degli italiani e a mordere la mano che finora li ha nutriti! Rif. 7479.
Rispondi a questo messaggio

Li hai mai visti in caso di calamità?

Mi unisco a chi ha scritto questo annuncio sugli schützen per dire che farebbero meglio a stare zitti, perché di veri schützen non ne vedo, se non rarissimi e defilati; gli altri sono quasi dei burattini da festa folcroristica, altro che difensori del territorio. Rif. 7450.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Li hai mai visti in caso di calamità?

Appunto! Hai mai visto gli Schutzen andare in aiuto in caso di allagamenti, terremoti, ecc... Loro pensano solo a se stessi e purtroppo sono finanziati dalla Pat; a differenza degli Alpini che si spendono per chiunque ne abbia bisogno, e si sostentano da soli. Rif. 7480.
Rispondi a questo messaggio

Perché non facciamo restituire i vitalizi?

Sono un lavoratore stagionale del Progettone, temo che quest’anno non ci sia più la possibilità di essere inserito nell’organico dei milleseicento e oltre addetti, poiché ci sono state molte domande da parte di chi avrebbe più diritto, provenendo dalle liste mobilità e con una migliore anzianità, come fattori a favore. Sino a pochi anni fa era la passione che mi faceva fare questo lavoro, nonostante fosse al massimo sei mesi, in zona di montagna. Ora non avendo più più certi guadagni – e chiaramente mancando dopo i 55 anni alternative occupazionali valide –, cosa devo fare? Ero dell’idea che il vicepresidente Olivi fosse dalla parte di tutti: anche di chi, come me, è precario. Vorrei venisse tutelata questa unica fonte sostentamento e reddito. Vorrei chiedere a Olivi di stare dalla nostra parte e di dare piena fiducia ai trentini che le risorse spese per loro non sono mai perse o sprecate. Ci si abbandona allo sconforto, purtroppo, mancando queste certezze. I problemi del quotidiano si ingigantiscono. Anche il sopravvivere senza un qualsiasi reddito sembra un impresa titanica. Le lacrime chiudono la gola e ci si sente dentro un pianto non consumato. Pensi con quale dignità umana tu possa ancora sorreggerti. Prego il cielo possa invertirsi l’ordine delle cose!!! Ti accorgi che sono tutti amici, ma poi quando c’è da pagare un conto sei da solo e non rimane più nessuno attorno! Rif. 7466.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Perché non facciamo restituire i vitalizi?

Le do ragione pienamente, perché la nostra classe politica non si fa restituire i vitalizi da chi ne ha approfittato a dismisura e oltre il lecito? Così il lavoro ci potrebbe essere per tutti e senza distinzioni! Rif. 7478.
Rispondi a questo messaggio

Fino a quando non perderà i pezzi

Il lusso è quello di avere una macchina altro che caro-benzina! E il caro auto ve lo scordate? Cinque anni or sono ho acquistato una Volkswagen Golf nuova: dopo 5 anni avendo speso 18 mila euro della Golf, ne vado a prendere solamente 4mila vendendola all’estero. I concessionari assicurano che fra qualche anno la venderai, ma loro non la prendono. A questo punto mi chiedo come facciamo a permetterci un lusso del genere? Assicurazione e bollo, più tasse e inoltre l’ammortamento auto, a questo punto sembra che il carburante costi 10,00 euro litro. Rif. 7465.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Fino a quando non perderà i pezzi

La soluzione è acquistare una macchina e tenerla fino a che non perde i pezzi, altrimenti se vuoi girare sempre con la macchina nuova fiammante o hai i soldi per comperartela oppure è inutile che ti lamenti. Nel 2004 ho speso 27.000 euro per la macchina che uso oggi e spero duri ancora 4 o 5 anni. Fai due conti e vedi chi ha speso di più. Rif. 7481.
Rispondi a questo messaggio

Siamo responsabili nel raccogliere i loro bisognini

Ci lamentiamo del cane, che abbiamo acquistato-adottato, ma che ci ascolta e tace, e si accontenta degli avanzi di cibo, non ha esigenze di abbigliamento, o di scarpe costose e tacchi elevati, non beve alcolici, non fuma, ecc... E ancora ci lamentiamo se fa la popò dove gli capita...Prendetevi un peluche, quello è perfettissimo, mai quanto voi... Rif. 7458.
Rispondi a questo messaggio

Risposta
Siamo responsabili nel raccogliere i loro bisognini

Vedi, non è che ci lamentiamo che i cani facciano la popò dove gli capita... Ci si lamenta del fatto che certi padroni ignorino che ci sono delle cassettine dislocate ovunque, che contengono sacchetti raccogli-popò, che sono a disposizione di tutti i padroni dei cani e che vanno portati con sé ogni volta che si esce con il proprio amico a quattro zampe! Quindi, forse hai ragione quando dici che per certe persone sarebbe meglio un peluche. Però mettendoci tutti un po’ di buona volontà riusciamo a far sì di poter portare il cane a spasso, rendendoci responsabili nel raccogliere i loro bisognini (e non di lasciarli sui marciapiedi, nei prati, nelle aiuole dei parchi dove magari entrano bimbi, come ho visto fare io). Tutto qui. E se mi capita di vedere ancora certe scene... l’ho gia detto: fotografo e mando tutto a chi di competenza, perché come io raccolgo i bisognini del mio cane lo possono fare anche gli altri. Rif. 7482.
Rispondi a questo messaggio

I miei genitori hanno dovuto chiudere un’attività per colpa di certa gentaglia

Altro che regione autonoma dei trentini... Gli zingari – detti anche sinti – fanno più notizia di chi giornalmente va al lavoro e perisce sul lavoro. È accaduto che un sinti ha commesso un furto ed è stato inseguito... Ecco che viene messo sulle tv e giornali, come una specie di santo, dopo aver rubato. Notizia enorme dei suoi funerali (che alla fine paghiamo sempre e solo noi!) Noi trentini doc che ogni giorno andiamo al lavoro e magari ci succede l’infortunio, anche mortale, e siamo puntualmente dimenticati dalla stampa e dalla tv, mentre certa gente riempie le pagine e chiede giustizia dopo aver commesso un reato. A proposito: per sobria consuetudine dei sinti, serve affittare elicottero a seminare petali di rosa in segno di lutto... E ti mona dal trentin paga anca per lori... Rif. 7439
Rispondi a questo messaggio

Che si scriva dell’accaduto è più che giusto, il problema è che ne parlano come se si fosse trattato del più grande benefattore di Trento! Molto discutibile, inoltre, che venga consentito un corteo con tanto di forze dell’ordine a far loro strada (quando li chiami perché gli zingari li hai sul pianerottolo di casa non hanno mai pattuglie, come mai?!). Adesso i sinti chiedono giustizia, ma quando l’abbiamo chiesta noi mille e mille volte dopo esser stati derubati, insultati, aggrediti, la giustizia dov’era? Rif. 7454.

Rispondi a questo messaggio

Risposta
I miei genitori hanno dovuto chiudere un’attività per colpa di certa gentaglia

Se al posto del sinti fosse morta la signora nessuno ne avrebbe parlato! Purtroppo non si sa perché loro sono super protetti e super difesi da dei politici che probabilmente non hanno interesse a muoversi. I miei genitori, qualche anno fa, per colpa di getaglia e delle leggi garantiste che abbiamo in Italia, per poter continuare a vivere in pace, poichè nessuno si è degnato di proteggerli e di difenderli, hanno dovuto rassegnarsi e chiudere la loro attività! Se questa è giustizia... Rif. 7483.
Rispondi a questo messaggio

NUOVI MESSAGGI

Wind Infostrada mi manda questo messaggio...

Modifica contrattuale: la informiamo che a partire dal primo rinnovo successivo al 16/07/2016, All Inclusive cambia: l’offerta si amplia con 1GIGA in piu’ e il costo diventa 11,50 euro ogni 30gg. Puo’ recedere o passare ad altro operatore senza penali entro 30gg. Il Giga extra sara’ disponibile, senza costi aggiuntivi, gia’ dal prossimo rinnovo del 25/06/16. Chiami il 155 per informazioni o per cambiare opzione. Ora, a me del vostro giga in più non importa un beato caz, mi importa invece che voi mi aumentate il canone mensile da 9,90 a 11,50. Come dite? che posso passare ad altro operatore senza penali? A parte la rottura di balle stratosferica e il relativo tempo perso, vi devo anche mandare la disdetta con RACCOMANDATA, con relativo costo, ma non per email a costo zero. E allora perché non posso rispondere alla vostra email (ho provato ma il messaggio non parte) perché mi piacerebbe tanto scrivervi: il vostro GIGA ficcatevelo su per dove sapete, e prendetevelo sempre nello stesso posto, sperando che non vi piaccia anche. Rif. 7484.
Rispondi a questo messaggio

Il motivo della mancata pubblicazione

Gentile Redazione della Terza Pagina, vi ringrazio per la pubblicazione dei miei messaggi. Però quando non pubblicate potreste spiegarmene il motivo? Grazie. Rif. 7485.
Rispondi a questo messaggio

Furbetti del cartellino

Altro, ennesimo caso di furbetti del cartellino in una pubblica amministrazione. Questa volta era una USL. Poi però se il Gardin regionale si “permette” di fare battute su di loro, questi scrivono lettere ai quotidiani per protestare e far credere che non è vero. Ma per piacere. Rif. 7486.
Rispondi a questo messaggio

Alex Schwazer: ci risiaMo?

Insomma pare che ci sia ricascato. Alex Schwazer potrebbe essere stato beccato per la seconda volta con le mani in pasta, sì insomma, nella pasta del doping. Ma come è possibile?! Io non ci voglio credere fino a quando non vedrò le prove... Rif. 7470.
Rispondi a questo messaggio

Gli Alberi giapponesi di via zanella

I contestati lavori di via Zanella a Trento, annunciati da tempo, sono stati presentati in una conferenza stampa come «riqualificazione urbana e valorizzazione» della strada. L’intento sarebbe quello di realizzare nuovi marciapiedi che separino fisicamente i parcheggi dai pedoni e di «riorganizzare il verde con una nuova collocazione delle piante, scelte fra essenze che garantiscano l’ombreggiamento estivo, ognuna dotata di irrigazione a goccia». Fin qui quanto comunicato dall’amministrazione. Nei fatti ieri, si è visto il risultato. Già di primo mattino la squadra degli operai comunali si è messa all’opera e le secolari piante che ombreggiavano la strada sono state tagliate. Tantissime le proteste dei cittadini, residenti e non. Rif. 7472.
Rispondi a questo messaggio

Scioperate finché potete farlo!

Il grande Leopardi chiedeva alla Luna: non sei tu stanca di riandare i sempiterni calli? Naturalmente la fredda pietra del nostro satellite non si degnava di rispondere, ma gli individui che governano la scuola italiana dal 1871 di che materia sono fatti? Certamente si tratta di materia organica primordiale se non hanno ancora capito che gli esami di maturità sono inutili e, fatto tragico in un periodo di crisi, costosi. Costano alle famiglie degli studenti, costano allo Stato, costano all’industria del turismo. Tutti gli insegnanti sanno che sono inutili: lo dicono, lo urlano, ma la risposta è sempre uno sprezzante silenzio, simile a quello che la luna regala ai poeti che le fanno domande pazzesche. Nel libro “Nella mia Patria” ci sono centinaia di idee per eliminare le tante costose follie che sono alla base delle ricorrenti crisi economiche, ma nessun giornale è disposto a pubblicarlo in “pillole”. Non sono il solo, sia chiaro, ad avere delle idee valide, ma sembra quasi che le crisi, come le guerre, siano necessarie alla sopravvivenza di certe società che amano definirsi democratiche. Queste costose follie hanno provocato un numero impressionante di suicidi nel corso dei secoli, ma si continua a percorrere la vecchia strada come fanno i pastori erranti con le loro greggi. Mi rivolgo agli insegnanti e li invito a scioperare. Fatelo finché sarà ancora possibile scioperare! Rif. 7488.
Rispondi a questo messaggio

«Scatole» anti velocità

Troppe scatolette arancioni sulle strade, unicamente come deterrenti anti velocità, ma veri controlli sono praticamente nulli; servirebbe prevenire. In Germania la polizia non la vedi, ma appena fai un’infrazione al codice della strada, hai una pattuglia alle calcagna... Rif. 7487.
Rispondi a questo messaggio

Piste ciclabili e strade normali

Mi domandavo se per caso le autovetture possano percorrere piste ciclabili o piste agricole, dato che viceversa, le bici e i trattori possono circolare sulle strade normali. Inoltre vorrei capire come la mettiamo con le responsabilità in caso di incidente... Una parte di colpa dovrebbe esser data a chi non rispetta il suo Codice e non usa le proprie strade, altrimenti le auto che vadano sulla ferrovia e i treni sulle strade... Rif. 7477.
Rispondi a questo messaggio